Sfogliamo tutti i libri di Jamie Oliver insieme?

Must Try

Cucina Thai di Tom Kime

C'eravamo lasciati con la cucina Nikkei, ricordi? Che continua a rivelarsi un acquisto importante perché ho trovato davvero delle chicche interessanti a dir poco. È...

Istanbul: Ricette dal cuore della Turchia

Credevo di aver già parlato di Eat Istanbul: Viaggio nel cuore della cucina turca e solo adesso mi sono resa conto che così non...

Cos’è la cucina Nikkei?

  A questa domanda un po' di tempo fa non avrei saputo rispondere nonostante il mio inesauribile interesse per il mondo del food; ed è...

Simple di Diana Henry

La libreria di Iaia, ovvero dove chiacchieriamo insieme di libri di cucina, è una delle rubriche più seguite del Blog da quando esiste; suppongo...
Iaia
Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Chi, impavidamente, mi legge da un po’ sa che un decennio fa non ero proprio un’invasata di Jamie Oliver, al contrario della mia amata amica Cey (che manca dal panorama blog. Cosa che non smette di intristirmi a distanza di anni). Ero più una Nigella addicted, se vogliamo. La seguivo quando ancora non c’era questo foodismo (?) sfrenato. Quando toglieva lo spolverino e lo lanciava in aria per acchiappare la prima pentola e pastrocchiarsi le mani. Quando schizzava limone ovunque e io immaginavo cameraman riversi per terra acceccati che stoicamente continuavano a riprenderla. Quando insomma i due pargoli erano ancora piccoli e lei organizzava i pigiama party attaccando le lucette, che ora si trovano da Maison du Monde a ogni reparto mentre prima erano irreperibili, in quel piccolo giardino che sembrava più il cortile di mia zia Mimma pieno zeppo di piante. Con le sedie colorate. Jamie era troppo piccino per i miei gusti. Stupidamente non gli davo chissà quale credito. Mi faceva simpatia, confesso, ma non aveva quell’appeal che adesso ha dopo anni di gavetta e dopo essere diventata grande. In tutti i sensi. Senza neanche rendermene conto ho cominciato a volergli bene perché è entrato in casa mia. Ci ha portato sua moglie. I suoi bambini. Il suo orto. Il suono della sua risata. Un rapporto decennale che si è evoluto come la stima e non mi vergogno a dire l’affetto che provo nei suoi confronti. Insomma il biondino alla fine è riuscito nel suo intento. Ma non ha mai preso il posto di Nigella. Perché anche se è cambiato un po’ tutto e adesso mi rimane il blog che non è la stessa cosa, beh. Di lei mi rimane l’immagine in pigiama mentre fa fuori il barattolo di burro di arachidi o lecca le pentole in babydoll dopo essere salita sul primo taxi per comprarsi mezzo pollo allo spiedo da mangiare sul divano da sola con le mani. Ed è importante, ecco.

Amarcord a parte, ci tenevo a inserire qui il video fatto un po’ di mesi fa. Quando non avevo fissa dimora, insomma. Vorrei portare qualche contenuto che ho pubblicato su Youtube e trasformarlo anche in parole perché sono una maniaca ordinata e non mi piace avere scatoloni in giro o ricordi posizionati confusi. Quindi può capitare, come oggi, che io riprenda cose per scriverci altre cose. E far nascere altre cose ancora.

Cose. Sempre.

A distanza di tempo posso assicurarti che Super Food, l’ultimo libro di Jamie Oliver, è da possedere assolutamente. Ne ho parlato qui su RunLovers ticchettando riguardo la Granola e sempre riguardo la sua Granola ho parlato anche su Radio Capital con Cami Fraschini (se vuoi sentirmi trovi il video qui). Ho provato diverse ricette rispetto a quando ho pubblicato questo video e anche per questo riprendo il discorso. Il pane con fichi e banane arance rosse e burro di frutta secca per esempio ha avuto un grande successo e vorrei replicare la preparazione giusto per mostrartelo. Ci sono tantissime idee per pranzi, spuntini e cene. Sono ricette buone, facili e velocissime. Sicuramente è un volume da sfogliare tutti i giorni per chi è in cerca di ispirazione. E poi diciamolo Jamie con le sue fotografie strepitose (adesso firmate da lui) e con quel food styling curatissimo e impareggiabile ti fa venire voglia pure di un brodo semplice quando sei affamato. Mi piace da impazzire l’immagine finale del libro. Quella in cui lui è a Okinawa.

Sull’isola di Okinawa gruppi di persone come quelle ritratte in foto si trovano ogni giorno alle 06:30 per muoversi, fare stretching, ballare e socializzare per la durata di tre canzoni alla radio. Si chiama esercizio radio ed esiste da quasi cento anni. Gli studi hanno dimostrato che il cibo sano e l’attività fisica sono importanti, certo, ma anche le relazioni e i legami sociali moltiplicano la possibilità di vivere bene e più a lungo. L’amicizia, la comunità e obiettivi da perseguire come quello anche solo di incontrarsi.

Jamie mi piace perché diffonde la cultura del cibo buono adesso, ma soprattutto l’idea del sorriso. E io alla terapia del sorriso credo più di ogni cosa.

Video: Tutti i Libri di Jamie Oliver

 

Durante il caricamento del video Youtube per motivi a me ignoti non ha inserito la parte finale; che, se ti fa piacere, puoi trovare qui sotto.

 

Forse potrebbe interessarti leggere...

2 COMMENTS

  1. Bellissimo questo viaggio tra i libri di Jamie, che io amo da sempre e stimo tantissimo. Mi ritrovo completamente nelle tue analisi e nelle tue parole. <3

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

La Food- Disegnoterapia

Puoi concentrarti su di un piatto per impararne bene le forme e prenderci dimistichezza. L'importante è zero stress. Non pensare mai che tu non sia in grado di disegnare. Sai farlo. Ti stupirai.

Pancake vegani con il latte di mandorla

Non sono una fan dei pancake, perché mi piacciono più i waffle ma devo dirti che questi sono in assoluto i pancake più buoni mai provati.

Ti porto nel salone Vittoriano

Ti porto nel mio salone vittoriano per prendere un tè insieme. Ti racconto del progetto e ti mostro qualche angolo inedito.

La Primavera di Fernanda, la mamma

Di questa Primavera ho parlato tantissimo in svariate occasioni, perché mi ricorda mamma ed evoca tanti preziosi ricordi.

La carbonara di fave

Con le zucchine, con gli asparagi, con l'avocado e pure con le fave. La carbonara vegetariana è ricca, buona e sorprendente.

More recipes like this