Mugcake -la torta nella tazza- con la crema di nocciole (-22)

Must Try

La Panna Cotta al tè matcha

Un dolce gustoso, facile e fresco caratterizzato dall'inconfondibile sapore del tè matcha. Perfetto per un dopo pasto ma anche per accompagnare un tè nero fumante caldo e avvolgente.

Semi di papavero e glassa di limone

Una delle preparazioni più buone mai preparate. Mi è sempre piaciuto moltissimo questo accostamento, quello dei limoni con i semi di papavero. Diversi dolci pasquali polacchi e dell’Est Europa hanno proprio i semi di papavero; anche il cozonac, per esempio, ha diverse volte il ripieno di semi di papavero. Il risultato -ma con una ricetta di Ottolenghi è facile- è sorprendente. Molto profumata, leggera e gustosa.

Tiramisù fragole e basilico e un dolce speciale

Un tiramisù molto profumato e fresco. Stupisce per leggerezza e freschezza questo dolce al cucchiaio di cui tutti sono ghiotti.

A brioscia co zuccuru – La brioche catanese più famosa!

La differenza tra la brioscia co zuccuru e quella col tuppo. È importante e non da sottovalutare.
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Il secondo Vlogmas

 

Le mugcake hanno conquistato il mondo. Sono lontani i tempi in cui ci stupivamo di queste deliziose tortine all’interno della tazza che esplodevano -in senso figurato- nel microonde in tutta la loro bontà. A me sono esplose pure ma non prenderla come una cosa pericolosa. Semplicemente con i miei vari esperimenti ho fatto sì che alcune riuscissero a distribuirsi perfettamente sulle pareti del micro più che nella tazza. Su Youtube ho fatto diversi esperimenti in diretta e le risate si sentono ancora.
Quella che ti propongo oggi è una base classica a cui va aggiunta la crema di nocciole. Nello specifico quella della Rapunzel, che ultimamente mi sta facendo perdere il controllo. Fosse per me ne mangerei solo un barattolo la mattina e uno la sera. Per mantenermi leggera mezzo al pomeriggio ma siccome sono morigerata e oculata la merenda la salto. Posso ricevere dei complimenti?

Adesso so che in commercio ci sono le bustine già pronte ma seriamente: che ci vuole a farla in casa? Occorre solo una cosa a dirla tutta: la pazienza di testare il proprio microonde e le proprie tazze. Questo sì. Perché facendola in casa -e non “artificialmente” con bustine e ingredienti che non servono a nessuno- si deve necessariamente testare il materiale che si ha a disposizione. Dopo il primo fallimento, quasi certo e per certi versi giusto, vedrai come sarà semplice. Una volta trovata la tua base perfetta allora sì che potrai darti alla Mugcake mania più sfrenata!

Controlla sempre che le tazze possano andare nel microonde

Una banalità? Non direi. Purtroppo non tutte le tazze sono adatte al microonde. Generalmente quelle Ikea sì -benedetta sia sempre- ma non è così scontato che lo siano. Questo potrebbe essere già il primo problema. Non tanto per la riuscita della torta quanto per la tua salute perché di certo bene non fa. Molti microonde poi purtroppo non raggiungono gli 800 watt ma i 600 o i 750 e questo potrebbe irrimediabilmente compromettere la riuscita della mugcake. Ora non è che io sia qui per scoraggiare, ci mancherebbe, ma magari così si possono ricevere piccole risposte insperate a micro drammi da micro (mi piace micro grammi da micro. Posso brevettarlo?). Mi è capitato infatti di parlare -nelle storie di Instagram- con delle ragazze che non riuscivano o che con la mia ricetta non si erano trovate bene. Disquisendo circa materiali, potenze et similia si è arrivate a capire che dipendeva proprio dalla strumentazione.

Quindi non arrenderti e testa. Non avere paura di aggiungere un altro po’ di latte piuttosto che di farina. Male che va avrai “rovinato” pochi ingredienti, per quanto la cosa non possa essere piacevole e giusta me ne rendo conto, ma pian pianino troverai le dosi giuste. Parola di giovane marmotta!

Curiosità:

  • La tazza è di Zara Home
  • Il nano è un prezioso regalo di Charlie
  • Il tagliere è Ikea
  • Il cucchiaino è Ikea
  • La crema di nocciole è Rapunzel e secondo me è la migliore (e no. Non faccio product placement a pagamento)

 

La Ricetta

  • 1 bel pezzotto di burro (20 grammi circa)
  • 1 cucchiaio scarso di crema di nocciole
  • 1 uova
  • 3 cucchiaio di farina
  • 1 cucchiaio di zucchero
  • 3 cucchiai di latte intero
  • 1/2 di cucchiaino di lievito in polvere

Mischia tutto direttamente nella tazza. Metti nel micro a 800 per 3 minuti (ma dipende sempre dal micro e dalla tazza c’è poco da fare) e il gioco è fatto. Come tutte le mugcake va consumata immediatamente altrimenti cementa. E ho usato il termine cementa non a caso.

Ti aspetto sulle Stories

Per tutti gli aggiornamenti riguardo le tombole e i deliri ti consiglio di seguirmi su Instagram perché sarà lì che annuncerò le tombolate e trascorreremo insieme il Natale. Ogni giorno all’interno delle storie ti racconterò le mie giornate e condivideremo -perché il plurale è d’obbligo- tutto quello che di più bello c’è. E anche quando non c’è: lo inventeremo.

Ti ricordo che ho due account Instagram

MAGHETTA e

IAIAGUARDO

Se ti fa piacere commenta e scambiamo anche quattro chiacchiere lì, perché il maledetto algoritmo se non  commenti o non interagisci con me ti farà ben presto scomparire maghetta e iaiaguardo dalla timeline. Grazie infinite.

Clicca per la magia

View this post on Instagram

IT’s SOOOO FLUFFFY 😍😍

A post shared by GRAZIA GIULIA (IAIA) GUARDO✨ (@maghetta) on

 

Forse potrebbe interessarti leggere...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Gelato al burro d’arachidi salato

Il gelato viene sempre prima di tutto. È la cosa che mi piace di più in assoluto. Sempre e per sempre. Questo al burro d'arachidi non credevo potesse essere così buono.

Colazione dolce o salata?

Colazione dolce o salata? Un po' come essere o non essere? Che sia dolce o salata la colazione è necessaria per la tua salute.

Il terzo numero di Mag-azine

Il terzo numero di Mag-azine è dedicato ai profumi di Sicilia. Un'isola incredibile che non smette mai di farti sognare.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

10 Primi piatti siciliani che non puoi perderti

La pasta alla norma e quella col macco. Il riso con l'ennese che profuma di zafferano e l'immancabile pasta al pistacchio senza dimenticare "a muddica". Scopri i dieci primi piatti irrinunciabili che non puoi perderti se sei in Sicilia.

More recipes like this