Home / Fantasie di Pasqua  / ore 21:21 Fantasie di Pasqua : Segnaposto Portauovo Coniglio

ore 21:21 Fantasie di Pasqua : Segnaposto Portauovo Coniglio

E dopo le mie tediose considerazioni circa il menù di Pasqua per la rubrica “Fantasie di Pasqua” parte la filippica circa i segnaposto portauovo conigliosi. Non sono difficili da realizzare e occorre pochissimo materiale. Un pezzo di cartoncino, anche colorato secondo come si preferisce la nuance conigliosa, qualche colore non importa se pennarello o matita, delle forbici, fiocchetti vari ed eventuali per decori se piace arricchire e un pezzetto di porta uovo di cartone; sì proprio quelli che contengono le uova al supermercato. Basterà ritagliarne un pezzetto per attaccarlo al coniglietto di cartone confezionato con le nostre sante manine.

In pratica si dà la forma conigliosa che più si preferisce. Quella che ho eseguito io è davvero semplicissima. Tondeggiante e con due orecchie, si fa prestissimo a realizzarla. Si disegna la forma conigliosa sul cartoncino magari usando la matita se non si è proprio del tutto sicuri del proprio tratto e poi si ritaglia. Indifferentemente si può colorare prima o dopo e adoperare qualsivoglia tecnica. Anche i glitterini o la polvere colorata potrebbero essere un’idea. Non so se lo avete mai fatto a scuola ma quel metodo semplicissimo di spalmare la colla (tipo la pritt comune) in stick e poi cospargere la superficie con la polverina. Uh quanti ricordi (e capisco pure perché mamma si arrabbiava quando soffiavo sulla polverina. Lo facesse mai la mia nanetta per punizione le farei spiegare la teoria della relatività dal Nippotorinese. In lingua cinese).

Del resto se vanno le glitter lip alla Katy Perry pure il portauovo Pasquale per essere in tinta e alla moda potrebbe esserlo, tzè. Che non stiamo mica qui a pettinar code tonde dolcissime di conigli noi.

E insomma dopo aver ritagliato dal portauovo in cartone facilmente reperibile in commercio, con la colla o anche con la pinzatrice (ma di quelle piccole eh) si assemblano le due parti e poi come la fantasia suggerisce si prosegue. Si può scrivere il nome sul guscio dell’uovo usando un pennarello indelebile. Si può scrivere sopra il coniglio stesso il nominativo del commensale e metterlo a mò di segnaposto o semplicemente servire un uovo in tavola usando un modo un po’ più particolare. Che sia sodo con il guscio colorato o che sia crudo e messo lì giusto per o. Insomma davvero infinite sono le possibilità per adoperare questa forma conigliosa uovosa.

Certo poi se proprio si vuole andare in pendant possiamo pure rispolverare l’uovetto coniglioso che avevo preparato lo scorso anno per la rubrica Kodomoland. 

Clicca qui qualora volessi vedere su cosa sto blaterando>>>>

Gli occhietti possono essere sostituiti con quelli di plastica e a pupilla mobile che trovo, santocielo, adorabili e versatili per le più disparate occasioni. Ne ho sempre un pacchetto nel cassetto. Credo proprio che non potrei sopravvivere senza un pacchetto di occhietti di scorta. Basta poggiarli su qualsivoglia oggetto o superficie e tutto si anima. E poi dietro questi occhietti c’ è una storia. La stessa credo che mi abbia portato immensamente fortuna. Non che ci creda alla fortuna io, ma.

E’ bello anche sognare e credere in certi momenti a tutto quello che purtroppo si sa non esiste. E allora perché non sognare che uno zompettante coniglietto con portauovo nel panciotto venga dritto dritto filato verso di te sorridendoti per offrirti un ovetto?

Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Review overview
19 COMMENTS

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi