Home / Dolce  / La giornata Arancione: Gelatina al Mango e Risotto al Melone

La giornata Arancione: Gelatina al Mango e Risotto al Melone

 Sulla Rubrica Instafood www.instafood.it che curo con la mia Cri ( Bibikitchen ) c’è una ricetta supppppppppppppper velocissima ma isssssssssssima issssssssssssima.

Il Risotto con il Melone e Moscato. Per leggerla basta cliccare qui . Sono talmente sintetica che io stessa ho dei fortissimi problemi a riconoscermi. Potrei pure passare per una persona equilibrata ( e qui la regia non è che abbia fatto partire soltanto le risate registrate ma pure le pernacchie e il lancio di bottiglie e pomodori. Va detto che ho una regia efficiente. Non a caso  il Nano in questione ha frequentato la prestigiosa scuola Lynchiana. Ma forse sto divagando?).

Parentesi brevissime a parte. Per dire che sì. C’è una nuova ricettina su Instafood ( è facile la vita. Perché complicarsela? Aridaje ho aperto un’altra parentesi. DEVOCHIUDERLADESSO).

Ecco.

Da giorni i muratori non smettono di spararefuococonunaggeggio sulla guaina per coprire un tetto. Nel senso che. Non so esattamente cosa stiano facendo e potrei certamente chiederlo a papà o a uno di questi poveri pazzi che periranno per mia mano ma preferisco sorridere loro. Lo faccio, sorridere intendo, perché dovrò avere una qual certa credibilità quando li attirerò nella cantina per offrir loro del vino e poi riprodurrò tale e quale quello che avviene in Hostel godendo come una pazza e facendomi servire cocktail dai nani da giardino.

Insomma c’è una guaina nera occhei? E la stanno mettendo su un tetto occhei? Poi arriva uno e passa un mega pistolone che emette calore manco fosse un accendino enorme e questa guaina si appiccica al tetto o insomma alla base.

Cosa voglio dire? Non lo so nemmeno io. Ma se proprio devo dire qualche sciocchezza dirò che da giorni, oltre a frantumarmi le castagne e i neuroni con questo rumore fastidioso, non faccio che pensare a un tetto ricoperto di Creme Brulèe. Nel senso che se lui ha questo aggeggio enorme per fare la crosticina sulla guaina potrebbe creare quella coperturabruciacchiosacaldissima tipica della creme Brulèe se io la spalmassi su tutta la superficie del tetto dove stanno lavorando.

Che sogno sarebbe un tetto interamente ricoperto di Creme Brulèe? Non penso ad altro e vorrei giustappunto proporglielo ma ho paura di inoltrarmi nel discorso Creme Brulèe. Abbiamo avuto già dei piccoli intoppi nel concetto muffin quando mi sono sentita dire “E perché li chiama mappin se sono delle brioscine?”.

E come dargli torto?

Questi portatovaglioli sono un gentile omaggio della mia pulcetta amorosa Giulia e vengono venerati in casa come reliquie religiose in appositi altarini. Conigliosi ed esteticamente perfetti nel loro minimalismo fanno gridare al miracolo del buon stile. E’ buona norma adoperare sempre un portatovaglioli e da quando l’ho capito la mia vita oltre ad essere cambiata è nettamente migliorata. Un po’ come quando scopri l’utilità del sottobicchiere e l’importanza di non inumidire a pois tutta la tavola o peggio ancora la tovaglia ricamata dalla nonna.

Trasformo in gelatina qualsiasi cosa e non smetterò mai di dire che nulla è più semplice, leggero, fresco, saporito ma soprattutto ipocalorico. Dopo una bella carrellata di piatti leggerissimi dove gli eufemismi e il sarcasmo sono il pane quotidiano, ci voleva proprio una robina colorata iper leggera ed eterea o no? Non so perché ma immagino una folta schiera fissare il monitor con sguardo vitreo urlare “No cretina!”. E come darvi torto?

Quando nei telefilm americani vedevo questi all’ospedale che estraevano felici dal biccherozzo di plastica quella cosa molle molle molle che danzava sul piatto come in preda a lsd, mi terrorizzavo letteralmente. Non solo stavi lì malato in un letto di ospedale ma dovevi pure mangiarti la gelatina? Una cattiveria che al confronto i signori di Hostel sembravano degli amici sui cui fare affidamento (ho visto Hostel 3 e mi ha entusiasmato la violenza. La voglia di sangue di questi giorni è preoccupante, me ne rendo conto, ma basterà immolare un muratore a caso questo pomeriggio e si placherà. Me ne restano pochi, dannazione).

Continuo a pensarla così. Troppo molle e dondolante proprio no, ma se è compatta giusto perché non si è stati tirchi di gelatina o agar agar, a me questa consistenza non solo piace ma mi fa andare direttamente in delirio. Non mangerò panna cotta per ovvie ragioni ma la mia gelatina di frutta non manca mai e se ha una forma cuoriciosa  dimentico pure questa paura improvvisa e spero passeggera per l’arancione. E’ già difficile fronteggiare il verde e l’antipatico giallo. Come per la gelatina alla papaya che avevo inserito in una delle tante settimane ipocaloriche che si sono susseguite qui, non è che ci sia molto da dire se non:

– riduci in crema la frutta lasciandola cuocere con pochissima acqua come se stessi preparando una marmellata

– fai ammollare la gelatina in fogli (altrimenti vai di agar agar) in acqua ghiacciata per almeno 12 minuti

– strizza la gelatina e versa nel composto che sta cuocendo

– zucchera a secondo dei tuoi gusti altrimenti non farlo

– versa nelle formine e quando si sono raffreddate un po’ infila in frigo e attendi che il miracolo avvenga. Generalmente accade già dopo un’oretta.

Arancione e coniglio. Roba che quando fotografavo mi sono data della stupida. Dovevo assolutamente farla di carote e non di mango. Mica so se ai conigli piace il mango e non posso neanche intervistarne uno perché grazie al cielo quel negozio orrendo proprio sotto casa che ne teneva quattro cinque chiusi in una gabbia si è trasferito. Che non gioco minimamente con il lavoro degli altri e mai ho augurato loro di chiudere ma trasferirsi ecco quello sì. E’ una punizione visiva che non merito. E’ già difficile fronteggiare il pullulare di questi negozi all’interno dei centri commerciali. Faccia di cuoio si impossessa di me e chi batte sul vetro per disturbare lo shitzu e dirgli “che sei carino” e poi andare a mangiare due polpette da McDonald ha tutto il mio disprezzo. E’ già difficile stare in una tomba di vetro alla mercè di tutti, vuoi pure chiedergli “che cosa stai facendo?” battendo sulla parete invisibile quando chiaramente “sto facendo finta di dormire per non vedere la tua brutta faccia libera” sarebbe l’unica risposta.

Per dire che insomma sono felice di vedere conigli di porcellana e vetro piuttosto che dietro un vetro, e che la prossima volta preparerò per loro una gelatina alla carota perché mi sa che è proprio una bella idea altrettanto facile e veloce.

Da oggi, giusto perché mi piace complicarmi la vita, in alcuni post comparirà l’alternativa giornaliera per riesumare post in archivio e coordinare tipologie, accostamenti o roba a caso (più l’ultima ipotesi a dirla tutta). 

La Gelatina alla Papaya – Clicca qui per la ricetta

La Panna Cotta nell’Uovo di cioccolato – Clicca qui per la ricetta

La Bavarese Yogurt e Fragola Ipocalorica – Clicca qui per la ricetta

Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Review overview
16 COMMENTS
  • gluci77 09/05/2012

    a

    • gluci77 09/05/2012

      primaaaaaaaaaa!!!!!!!!!!!!!!!

  • tittisissa 09/05/2012

    UH

  • gluci77 09/05/2012

    Stellina mia, buongiorno! Non è un mistero… a me l’arancione piace e queste foto sono davvero molto belle. La forchettina è adorabile, il portatovagliolo coniglioso anche, la gelatina me la papperei tutta pure adesso! Sai che anche dai miei genitori tra poco verrà un tizio ad applicare guaina sul tetto (praticamente distrutto dai tre metri e passa di neve di febbraio)?! La mamma è un vero asso nel preparare la crema… se riusciamo a convincere l’operaio potremmo tentare di renderlo brulèe prima della posa delle tegole… milioni di baci!!!

  • tittisissa 09/05/2012

    UH: Mamma. Un tetto di creme brulee! Posso venire a dare una leccatina?? Solo una….

  • Bibi 09/05/2012

    l’arancione mi piace, il mango non lo so ma la gelatina non credo di potercela farcela.
    ecco a me fa paura la gelatina.
    ha vita propria vero?
    hai controllato che di notte non giri per casa ondulante e faccia quel che le pare?

  • pani 09/05/2012

    tutti in cerchio: hare krisna hare hare…

  • ђคгเєl 09/05/2012

    ho mal di testa oggi, e non è colpa del tuo tanto piacevole parlare. Ma qui l’imbianchino è un cretino e mi viene di strozzarlo(staremo nella stessa cella io&te!!!)…e i vicini hanno i muratori che con l’aggeggio malefico scartavetrano da stamattina le porte! e nel cantiere di casetta del fratellone (pochi metri più su) oggi si sta impalcando il solaio della mansarda e si sente un mettere chiodi continuo…e papà mi fa impazzire con la sua “tranquillità e facilità” nel parlare e/o tacere su cose di cui non si occupa…e mamma urla perchè papà non se ne occupa…appunto! In tutto ciò io disegno gli interni delle case che ho progettato e per stasera debbo finire perchè vanno stampate per poi domani prendere il treno, e perdo ore su internet a cercare ditte che fanno infissi moderni per poi andarci per scegliere e farsi fare dei preventivi con mio fratello (che già di suo è complicato nelle scelte…per una casa nuova lo è ancora di più!!) O_o …prima o poi invece che portarmi alla stazione mi porteranno in un centro per esauriti!!!!!!!! …beh ovvio…ci si mette in piccola parte il pazzo che ( per il mio bene, e per l’idea di non aspettare ancora troppo per costruire il nostro futuro..) chiede: amò a che punto stai col progetto? vedi che l’esame arriva in fretta eh!…. ioammattiscoprimaopoi! e non cucino da una vita! porcapuzzola ho voglia di impasticciarmi le mani e non c’ho il tempoooooooooooo! grrrrrrrrrrrr…. però sto cuoricino cuoricinoso arancione sembra facile e veloce… forse io lo farei con le fragole ( non fosse altro che perchè le ho in giardino e sono già mature!!! ihihhi)… occheiiiiiiiiiiiiii ho parlato abbastanza?ti ho stressata più di quanto tu non lo sia già? ho annoiato chi per curiosità ha letto il mio commento?????? 😀 bene posso rimettermi a lavoro soddisfatta!!!!!!!!!
    smuackkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkk :-******

  • Amaradolcezza 09/05/2012

    ti voglio bene!

    tantissimo

  • Wish aka Max 09/05/2012

    Quando ho letto “Risotto al Melone” mi è venuto in mente Lecter “I’m having a friend for dinner”… Iaiamal the Cannibal…
    (questa la capiscono in pochi, scusatemi)

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi