Home / Express  / La Gelatina di Papaya va servita dentro la casetta dei Nani da Giardino

La Gelatina di Papaya va servita dentro la casetta dei Nani da Giardino


Uhh che meraviglia. SantasignoraPina con la sua immensa pazienza ha ripiantato tutti i nuovi fiori e adesso sembra che io sia una perfetta padrona di casa che cura le sue piante invece che il mostro insensibile che lascia perire le sue dolcissime amiche vegetali per poi rimpiazzarle spudoratamente fingendo indifferenza. C’era proprio bisogno di una bella rinfrescatina sulla terrazza. Dopo la morte di alcuni nani da giardino, in seguito alle forti raffiche di vento, si può ben capire che periodo terribile si sia attraversato. Nuovi nanetti sono arrivati da diverse parti del mondo (etsy ti amo!) ed è in costruzione *rulloditamburi* una casa per nani da giardino e altre cosette che non vedo l’ora di portare a termine per potermi pavoneggiare come è giusto che sia (si fa per dire, certo).

Questa primavera infatti sarà totalmente dedicata ai miei nanetti. Ci saranno delle regole ben precise per loro, che continuano a far baldoria fino a notte fonda con aperitivi e candele (reperto fotografico numero uno, reperto fotografico numero due, reperto fotografico di Iaia nanosa), ma anche delle migliorie nelle loro condizioni abitative terrazzesche. A patto che si prendano cura del bucato perché francamente è una delle cose che mi tediano di più in casa. E’ vero però che non me ne occupo io *seguono risate e pernacchie registrate* quindi potrei evitare pure di fare la splendida.

Insomma per dire che senza SantaSignoraPina qui non si andrebbe da nessuna parte e considerato che la divinità in questione mi legge vorrei giusto ringraziarla nuovamente e pubblicamente per la pazienza e la dedizione con la quale si occupa di tutta la gestione della mia casetta. Quando mi si chiede “ma come fai?” in quell’amletico dubbio è sottinteso che in casa vengo aiutata. E’ una condizione privilegiata poter pacioccare in cucina, schizzare cioccolato sui muri ed essere supportata da SantaSignoraPina che ti sorride e con la spugnetta in mano ti dice “tranquilla, faccio io”.

Sono una persona molto fortunata (lei un po’ meno perché deve sopportarmi)  e le voglio davvero un gran bene. Che poi passa alla storia come SantaSignoraPina ma è Pina e fa parte della famiglia ormai. Solo che Pina non rendeva bene l’idea e bisognava farla passare alla storia come la Santa che è. E che parta la pioggia di cuori su SantaSignoraPina!

La settimana ipocalorica con tante ricettine (spero) sfiziose ma a basso contenuto calorico e soprattutto di grassi termina tristemente qui (si fa per dire). Spero fortemente che ci sia stata qualche elaborazione che possa essere servita come ispirazione. In sintesi si è preparato (santapizzettaquantecose):

E un dolcetto? Non lo mettiamo? Un dolcetto ipocalorico e fruttoso molto gustoso? Certo che sì.

Trattasi di semplicissima gelatina di frutta che si potrà addensare a seconda dei gusti. La gelatina o colla di pesce, come dir si voglia, possedendo proteine animali è chiaramente bandita per ideologia dallo stomaco mio e dei miei (strani) simili e per questo grazie al cielo esiste l’agar agar. Per chi invece ha “vita facile-bella-normale-spensierata” per una papaya di mezza grandezza basteranno due fogli e mezzo della classica gelatina in commercio. Naturalmente pur proponendo la papaya questo tipo di gelatina può essere confezionata con qualsivoglia frutta (se escludiamo kiwi e ananas freschi).


Da brava psicolabile se devo cibarmene anche io non aggiungo zucchero artificiale ma nel caso in cui debba offrirla o prepararla per i miei cari aggiungo lo zucchero, indicativamente un cucchiaino scarso per 200 grammi di frutta circa. Basta ammollare la gelatina in acqua ghiacciata per quindici minuti almeno fino a quando assume la consistenza appiccicosa di una medusa e lasciar cuocere la frutta con poca acqua in un pentolino fino a ridurla ad una sorta di marmellata. Aggiungere la gelatina opportunamente strizzata ed eventualmente lo zucchero e far raffreddare in frigo un paio di ore.
Amo la gelatina di frutta. Forse anche perché non mi concedo dolci diversi e vedo questo bicchierino come aspirazione massima del gusto, ma, a prescindere da quello che penso e bramo io che poco importa, credo fortemente che non per forza un dolce debba essere iper caloricissimo e intriso di cioccolato o ricco di chissà quali elaborazioni con panna per rendere felici. Questo rimane pur sempre un ottimo metodo quando la frutta è troppo matura o in esubero; piuttosto che buttarla vita o mangiarla controvoglia ci si organizza velocemente per la preparazione di una gelatina freschissima da gustare in diversi ambiti della giornata, e questo diventa una cura. Prendersi cura di sè.
E’ sempre mortificante per chi magari è in un regime ipocalorico non chiudere il pasto con un dolcetto come fanno tutti gli altri e l’aspetto psicologico è fondamentale. Per questo motivo una semplicissima gelatina di frutta fa bene alla testa, al cuore e all’autostima. Si parla del resto di un frutto ma servito in un’altra forma e contesto. Che sembra un vero e proprio dessert. A ben guardare non ha assolutamente nulla da invidiargli. Basta un cucchiaino carino e un bicchierino affascinante. Il contorno e la presentazione valgono più di mille sapori e cascate di cioccolato, talvolta.
Allo stesso modo si possono organizzare budini iper light con lo yogurt. Come? uhm…facciamo alla prossima puntata? Così magari non si perde questa buona abitudine dell’angolo ipocalorico, gustoso ma soprattutto salutare.
E ora ahem mi attende la pittura della porta della casa del nano da giardino. Sembra complicato eh. Ma non lo è per nulla. Sono drammaticamente indecisa poi se fare l’allarme o no. Quando tornano ubriachi dopo l’aperitivo super alcolico potrebbero avere giusto qualche difficoltà per l’inserimento del codice.

Voi cosa mi consigliate? Parliamo di cose serie santo cielo.

Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Review overview
20 COMMENTS
  • Hariel 18/03/2012

    !

    • Hariel 18/03/2012

      yeahhhhhhhhhhhhh la domenica sono imbattibile ( o quasi!!)
      buongiorno Gyyyyyyyyyyyyyyyyyyy…salgo a leggere eh!

  • Manola 18/03/2012

    Ho il pc lento!!!!!
    Buona domenica!!!

  • Buona Domenica

  • Manola 18/03/2012

    Oh!
    Almeno la domenica posso giocare… Giulia, quando ti ho detto “tanto non rispondi” non era una protestesta. Lo so che forse ti sono spuntate altre otto braccia e che dovresti dormire e che quando (come direbbe mia nonna) si ha tanta carne al fuoco è complesso seguire tutto.
    Ti pensavo, ieri e pensavo che vi ci vorrebbe (a te e consorte) uno stacco… tipo Stoccolma. O la Val d’Orcia… Quest’ultima ti farebbe anche fare la nanna, troveresti taaaanti spunti e… ti ci vedo.
    Io nel frattempo correggo!

  • Bonkgirl 18/03/2012

    CiaO iAiA!

  • Manola 18/03/2012

    Ma qualcuno mi spiega perché quando scrivo qui digito sempre parole strane? Bah…

  • Hariel 18/03/2012

    ohhhhhhhhhhhhh e io sono a dieta…e quindi ci sta..no????
    Certo che si… chi vorrebbe mai in una domenica pre Festa del papà (dove tutti si scordano che è in primis San Giuseppee che io medesima faccio l’onomastico!!! ) una bella “guantera” di zeppole di riso???? ma nessuno ovvio..a parte me!!!!! Ma con rammarico non mi metto in cucina, primo perchè sto a pranzo dai miei cognati, secondo perchè le ho fatte domenica scorsaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!! gnam gnam! però sto bicchierino qui, con quel cucchiaino di legno, mi ispira molto e mi sa che ssà da provà!!!!
    Immagino i tuoi nanetti felici per la casetta! ma ci facciamo pure un piccola piscina????o gli cedi quella dell’anno scorso??? 😛 ihihihi..
    buona domenica Gy 🙂 qui piove “terra” ahimè 🙁 speriamo smetta presto!!!!
    baci immensi e abbracci stritolosi!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    e pioggia di cuori!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! <3

  • The Pocket Mama 18/03/2012

    Il tuo blog è davvero stupendo, sia per i contenuti che per la grafica! complimenti! buona domenica, Laura

  • spiessli 18/03/2012

    Buongiorno e buona domenica a tutti i Iaialandesi!
    Finalmente arrivo quatta quatta in tempi rispettabili e non in ritardo a parlare tra me e me. Sento che se mi organizzo un ciccinino posso farcela.
    Iaia però mi raccomando, se serve una mano per il trasloco dei nani nella casetta nuova fai un fischio eh! Prometto di venire senza micio, ma potrei compensare presentandomi a braccetto con uno dei quattro orsi di Berna.

  • Chemical 18/03/2012

    Buona domenica 🙂 certo che “budini con yogurt” mi ha messo una curiosità….

  • Manola 18/03/2012

    Ah! L’allarme, no. Scattano per nulla, basta una farfallina. E i ladri sono bravissimi a toglierlo…

  • pani 18/03/2012

    uhm…prima di tutto parliamo del piatto. E’ fatto a mano? E’ di gesso?
    Poi stendiamo un tappeto di fiori con pioggia di petali di rosa a Santa SignoraPina.
    Ed infine l’allarme…uhm…invece del codice potresti usare quello con il riconoscimento dell’iride della pupilla, anche se questa può variare in base all’assunzione alcolica.
    Un nasometro? Sono tutti uguali i nasi dei nani o come le impronte digitali ogni nano ha un naso singolare? Io approfondirei questa questione, sono quasi convinto che ogni nano abbia il proprio unico, inconfondibile e prezioso naso

    • Wish aka Max 18/03/2012

      Sull’onda dell’ispirazione panosa propongo un cappellometro. Credo sia la soluzione definitiva.

      • pani 18/03/2012

        uhm…potrebbe essere buono anche questo. Tuttavia, un buon allarmista potrebbe installare un sensornano: quando c’è un nano davanti alla porta questa si apre senza codice

  • Manola 18/03/2012

    E se qualche malintenzionato uccide un nano e gli asporta l’iride o il naso per entrare? Ci sono molti precedenti… e una si ritrova con un nanicida in casa…

  • copierò questo commento nel caso non lo leggessi : )
    ho finalmente finito il post del minibento. http://kurokorecipe.wordpress.com/2012/03/17/minibento-uan-chu-plus-emitofu/
    è venuto fuori un casino solo per un commento innocente (totalmente positivo e divertente per me, negativo e dannoso per chi legge, comunque grazie Max ^-^ ) che potrei farci un altro post. sto ancora fantasticando neanche mi fossi fumata dell’agar agar. che poi l’ho trovato!!!!! finalmente l’ho trovato!!!! ho comprato l’alga intera ed è bellissima biancofilacciosa e traslucida! e non l’ho ancora provata…posso avere la gelatina di frutta oraaa T-T ?

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi