Home / A cena con Oscar  / La zuppa di cipolle di Hugo Cabret

La zuppa di cipolle di Hugo Cabret

Voi leggete Slow Film vero? e se no: Non vi vergognate nemmeno un pochetto?

Dante Ferretti, orgoglio nazionale. Me lo sono ripetuto più volte mentre con il cuore in gola guardavo Hugo Cabret. Avrei voluto farlo durante la prima quel venerdì in cui invece sono rimasta a casa per finire del lavoro. Mi ha fatto bene però come lo fa continuamente comprendere che non sempre tutto si può fare quando si vuole; è la mia personalissima teoria del “dovendolo volendolo”. La mia vita è sempre stata dettata da “lo voglio” e il conseguente “ce l’ho”. Senza mai desiderare. Per questo la costrizione e l’impegno sortiscono un effetto terapeutico su di me. Per questo il lavoro e le scadenze mi insegnano a desiderare qualcosa. Nasce quindi questa teoria del “dovendolo volendolo”. Lo devo fare perché voglio doverlo fare.

Ha avuto un altro gusto vederlo desiderandolo e attendendo il tempo giusto. E’ stato importante affondare nella poltrona e tirare un sospiro di sollievo come per dire “uuhhh ce l’ho fatta, finalmente”. Poggiando un corpo stanco per impegni con una vita e doveri, pronto a raccogliere il premio. E io questo premio per me stessa me lo sono goduto tutto. Ogni minuto e attimo è stato intenso, importante e da ricordare. Già sapevo che Scorsese non mi avrebbe deluso e anche se a volte su di lui ho aspettative ben più grandi e c’è sempre un attimino dove riesco a pensare “credevo un po’ di più “, poi mi ridimensiono. Non per accontentarmi ma perché mi rendo conto che in effetti è già un più. La fotografia è talmente eccezionale che ho avuto un conato di vomito, ma di quelli meravigliosi che ti fanno girare la testa, quando all’inizio la camera rulla velocissima e ti catapulta nella stazione. Pare che io abbia talvolta il sorriso di Gustav e considerando che ho la gamba sinistra visibilmente storta e con una lesione al menisco, questo fa di me la traslazione femminile del sorridente ispettore. Per la prima volta in vita mia mi sono ritrovata a essere pirata di immagini. Essendo praticamente soli in sala e volendo portare un pezzo con me di Hugo, ho estratto l’iphone e fatto due scatti allo schermo. In quell’esatto momento ho capito quanto, semmai ci fosse bisogno di una conferma, la fotografia come il disegno stesso è entrata a far parte della mia vita. Un tarlo, un’ossessione meravigliosa dove vivere e creare. Distruggere con un cestino, cancellare e vedere le luci che vuoi. La fotografia come il disegno con la sua infallibile tecnica del bottoncini a caso che è capace di fermare il tempo, mi ha salvato da una realtà angosciante con colori cupi e insulsi. Ritrovarmi, sotto lo sguardo sbigottito del Nippotorinese, a scattare emozioni nella sala buia quando generalmente sono quella immobile che pretende che nessuno fiati intorno o sgranocchi pop corn, lo ha fatto sorridere. Mi sono rilassata davanti a una meravigliosa fiaba che non solo racconta di quanto sia importante sognare e continuare disperatamente a farlo ma di quanto sia sbagliato smettere di crederci. Se avviene una guerra nel cuore.

Se avviene una guerra nella testa. Se avviene una guerra e basta. Rimuovere, dimenticare e sforzarsi di essere qualcuno che non si è, è la morte perenne e se di morte in vita si tratta allora meglio che anche il fisico come il cuore e la mente vada via nell’aldilà. L’insegnamento di questa favola mischiata al reale è di quelli semplici senza troppe complicazioni. Non vi è chissà quale genio nel messaggio ed è per questo che genio è. E’ difficile capire e sortire gli effetti sperati della profondità attraverso la semplicità. Perseguire e lottare e anche se “essere se stessi” ha perso qualsivoglia valore perché troppe volte defraudato della sua importanza, il concetto in effetti rimane sempre e solo quello. Non andare contro la propria natura e assecondarla.

Essere un animale in gabbia, da circo o libero. Vivere sotto un tendone con fruste e decisioni di pagliacci. Far ridere o piangere o immalinconirsi aprendo un circo personale. Che può essere stazione con arrivi e partenze. Perché il circo, come la stazione, l’aeroporto e tutti luoghi dove vi sono arrivi continui e partenze diverse,  rappresenta nel mio immaginario l’essenza stessa della vita. E l’importante è davvero capire da dove si vuole partire. Dove si vuole arrivare. E quanto, in termini di scomodità e dell’esatto contrario, si è disposti a sopportare. Per quanto mi riguarda la prima classe, a dispetto di quello che si può pensare, non è mai interessata. Per perseguire il mio sogno mi sono infilata nella stiva. Nella gabbia dei leoni. E sogno.

Come è giusto che sia. Perché lo voglio maledettamente e lo avrò. Senza contare che forse già ce l’ho. Ed è la previsione ottimistica che ci si impone a fare la vittoria. Crederci. Maledettamente crederci. E poi puoi pure ritornare tra le sirene e accecare la luna con un razzo.

La ricetta di oggi è la zuppa di Cipolle e fa parte della mia personalissima rubrica “Cibo e Cinema” e “A cena con Oscar”. La zuppa di cipolle è la prima ricetta che compare nel film Hugo Cabret. Scritta su una lavagna del ristorante della stazione parigina. Poteva forse mancare la zuppa di cipolle? No. Perché talvolta nell’ovvietà ci sono risposte molto più profonde di quanto ci si aspetti. E questo è uno dei tanti casi.

L’altra sera ho continuato a cliccare “aggiungi al carrello”, “aggiungi al carrello”, “aggiungi al carrello” ad libitum. Quando il Nippotorinese avvicinatosi allo schermo seraficamente mi ha posto il seguente quesito:

“38 articoli nel carrello?”

mi sono chiesta quasi superficialmente “avrò mica esagerato?”. Mi sono ricordata poi che sono io la femmina di casa e che se il mio subconscio mi consiglia di acquistare venti cocottine e oggetti importantissimi come l’action figure di Steve Jobs non devo in alcun modo farmi influenzare da quell’intruso pelato poliglotta che mira a essere il capofamiglia.

Oh povero inetto.

E’ necessario possedere tutte le cocotte di Le Creuset ed anche le pentoline per i fagioli. E vuoi forse non prendere il Tajine? Certo alla domanda “ma nel Tajine solitamente si prepara l’agnello. E ti rifiuti sempre di farlo perchè tenera età..violenza ingiustificataancordipiùdeglialtrianimaletti….blablablabla. Cosa ci devi fare nel Tajine?”.

Ci faccio la pastasciutta io nel Tajine occhei? Devo averlo. Ho già rinunciato a quella versione decorata interamente a mano che avevo addocchiato a San Vito Lo Capo lo scorso anno durante il Cous Cous Fest. Ed è assurdo se ci penso. Perché d’accordo ero riuscita a riempire un portabagagli durante un week end in cui ci si era ripromessi di non eccedere con lo shopping ma è forse colpa mia se tutti gli articoli di cui ho bisogno mi si parano davanti in offerta? (non è vero ma a prescindere è sempre un’offerta).
Sta di fatto che attendo un carico di cocotte in diverse nuance, forme e colori e che quando il pacco arriverà, solo allora, potrò tediare l’universo facendoci pure gli spaghetti aiooiopeperoncino dentro. Tutto voglio farci tutto nelle cocotte! Metterci piantine se necessario. Usarle come portaoggetti e infilarci dentro pure la cipria da borsetta attaccando opportunamente uno specchietto al coperchio. Mai più senza una cocotte. Il gelato voglio mangiarmelo lì. Lo yogurt pure e se mi gira male costringerò tutti a berci il caffè. E se mi gira proprioproprioproprio male pure tu che stai leggendo dovrai bere il caffè nella cocotte intesi?

Ok devo calmarmi. Inspirare ed espirare.
Molteplici sono state le mie prime prove culinarie. Ho rielaborato qualsiasi tipo di ricetta e sono stata anche molto aiutata, agli inizi, da un bellissimo libriccino di un’edizione che adoro, edito da Guido Tommasi. Trattasi di ” Cocotte all’italiana” dove una strepitosa Barbara Torresan non si risparmia certamente e ci fa di tutto in queste graziose pentoline che rievocano l’infanzia.

Una delle prime prove documentate con queste foto orrende fatte una sera senza luce naturale è la zuppetta (che poi zuppetta non è) di cipolle di cui vado ghiotta. E’ inutile che il nippotorinese mi dica “le tue sono cipolle al forno sbattute su un piatto, mica una zuppa di cipolle” perchè per me è una zuppetta di cipolle e basta.

A me le cipolle fanno impazzire e diffido da chi non le apprezza o con poco coraggio rinuncia all’idilliaco sapore per la convivialità. Al diavolo l’alitosi e i contatti umani. Famose una bella scorpacciata di cipolla e chi si è visto si è visto.

A me le cipolle nel forno (non parliamo di quelle a legna) mi mandano in estasi. Le mangio senza alcun tipo di condimento se non otto tonnellate di sale così che poi la pressione e l’esaurimento schizzino ai massimi storici e un chilo non mi basta. No, forse due chili non mi bastano. Riuscirei a cibarmi di cipolle per settimane e mesi senza mai stancarmi. E mi piacciono pure frullate. Lui mi guarda inebetito dicendo santocielocheschifezza ma non per l’ortaggio in sé tanto quanto per il fatto che nel suo disturbato modo di vedere la zuppetta di cipolla è una roba cremosa con tanto burro e molto francese. Etttecredo è  Sabaudo.

Per una sicula verace va già bene una cipolla rustica passata con il frullatore a immersione; che mica sono esigente io!(tutto questo ridicolo e stupido giro di parole perché avevo sempre sognato di dire che non sono un tipo esigente. E’ talmente assurdo e paradossale che non si sarebbe mai verificato nella realtà e allora perché non applicarlo alla cipolla? Cosa sto dicendo?)

E insomma zuppetta di cipolla vera o presunta ma l’importante è che sia in cocotte!


Ingredienti per 4 persone: 600 grammi di cipolle bionde, 50 grammi di burro (se sei vegano o come me non usi derivati animali puoi farne tranquillamente a meno oppure vai di margarina), mezzo bicchiere di vino secco bianco (ma è facoltativo perchè se sei astemio come me puoi anche evitare. Ok sono una rompiscatole, e allora?), 100 grammi di fontina a dadini (e anche qui puoi evitare), olio extra vergine di oliva, sale e pepe. Qualche erbetta aromatica se ti piace ed eventualmente una spolverata di parmigiano.

Taglia sottilissimamente le cipolle (puoi farle marinare un po’ nel vino precedentemente) e metti qualche ricciolo di burro/margarina. Aggiusta di sale e pepe e aggiungi le erbe aromatiche. Metti in forno già caldo dopo aver unto con l’olio le cocottine e fai cuocere per 40 minuti almeno. Affonda una forchetta per vedere se le cipolle si sono intenerite e servi caldissimo con qualche pezzotto di pane tostato se ti piace. Se vuoi una zuppetta più classica e brodosa, durante la cottura aggiungi del brodo vegetale.

Queste le ricette che sinora  ho estrapolato dalle mie visione:

Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Review overview
34 COMMENTS
  • mariaverzi 13/03/2012

    Yuhuhhhh!

  • Wish aka Max 13/03/2012

    Ehi

    • mariaverzi 13/03/2012

      Ahahhh! Beccato in volata!…a proposito…per una vita ho amato laGuzzi California…l’adoravo! …ero piccola. Piccola….cosi’!….non e’ cambiato molto…poi…

      • Wish aka Max 13/03/2012

        Maria se clicchi sul mio nick arriverai al mio blog, lì c’è un post sulle sensazioni della pista, secondo me ti piacerà 🙂

        • Giulia 13/03/2012

          Max 39 di febbre. sto malissimo e sono esaurita. Pier mi impedisce di stare al pc ma dall’iphone ho letto day hospital.
          ti prego mi rassicuri con sms dove mi dici che nulla è successo e stai bene per favore.
          che altrimenti mi arriva a 41.

          • Luci 13/03/2012

            Giulia,santo cielo,mi dispiace così tanto… Pure Frugolino sta ancora male… Un abbraccio ancora…

          • Wish aka Max 13/03/2012

            Solo controllo non preoccuparti. Tu mi rassicuri sul umero 900?

        • mariaverzi 14/03/2012

          Ciao Max! Letto…e guardato!…da bimba e poi adolescente avevo una passione per le moto…(i geni non sono acqua)…le guardavo con piacere e ammirazione…ma. non mi appartiene il peso e l’altezza ….per cui le ho sempre e solo guardate! Ho fatto il passeggero…e non ti dico le risate per scendere! Perche’ proprio lo stacco di gamba non ce l’ho!…e rimanevo appesa al sellino! Rido ancora adesso ripensandoci! Un abbraccio grande! Appena possibile mi rifaccio un viaggetto sul tuo blog…che mi scrivi bene ragazzo mio…si si..

  • Pieceofstar24 13/03/2012

    Ah

  • Wish aka Max 13/03/2012

    Eccheddiamine oggi giornataccia… Vabbè che considerando il day hospital è andata pure troppo bene…

    • mariaverzi 13/03/2012

      Oh ragazzo! Finiamola con i medici! Un abbraccio!

  • Pieceofstar24 13/03/2012

    Il mio aifon carica alla velocità della luce. Sì della luce spenta mh

  • Manola 13/03/2012

    Il prossimo obiettivo è comprare la cocotte… Sono quelle che pesano tantissimo o sbaglio? E poi comprerò le cipolle…
    Stamattina, prima di entrare a scuola, ho comprato rape rosse e yogurt greco; sono stati tutta la mattina chiusi nel mio cassetto dei registri, poi me li sono trascinati per Roma fino a sera; hanno pure viaggiato sulla Roma – Velletri e sono diventati la mia saziante e ottima cena…
    Come al solito, onore al genio!

  • Pieceofstar24 13/03/2012

    Un film magico.
    Anche a me il pezzo dell’introduzione ha arriminato le budella. La stessa sequenza segno di quotidianità della ragazza che spinge il carretto coi fiori. E poi quelle corse fra gli ingranaggi a strapiombo sulla touraifell.
    E insomma un’emozione grandissima.
    E l’abbiamo visto lo stesso giorno.
    E.
    Un po’ come averlo visto insieme, no?
    E ora magnamose due cipolle e se piango non è per commozione: è sempre colpa delle cipolleeeee.
    Ioama

  • mariaverzi 13/03/2012

    Cara Giulia, dopo aver centrato il primo ingresso…non posso che condividere con te l’emozione del film che agguanta il tuo bambino e lo fa volare lontano…unico appunto personale al film e’ la fine ….si sarebbero potute tagliare delle scene, a mio parere un pi’ stirate…ma e’ stati il mio pensiero …poi Oscar alla zuppa di cipolle! Adoro le cipolle ben lo sai! E dove c’ e’ cipolla ci sono io…cioe’ qui! E sara’ per questo che ho battuto in volata pure max! Baci quei soliti triliardi di baci!

  • Luci 13/03/2012

    Purtroppo non sono ancora riuscita a vedere questo film di cui tutti intorno a me dicono meraviglie… E’ da un po’ che non riesco ad andare al cinema, in realtà… E mi manca,mi manca molto perché e’ sempre stata una delle mie passioni… E’ un periodo un po’ così, non c’è mai tempo, non c’è mai modo… Questo post pero’ mi ha regalato un po’ di quella magia che tanto mi manca…grazie per l’ennesima volta per le tue parole così “pittoriche”, così emozionanti. Grazie e buonanotte… Fai tanti bei sogni…e poi realizzali stellina mia!!! Baci…

    • Luci 13/03/2012

      E che si sappia…anch’io adoro le cipolle!!!

  • Wish aka Max 13/03/2012

    Le cipolle al forno sono un mito. E basta. Con un pizzico di origano e un niente di pepe, e olio obviously. E la zuppa coi crostini di pane.

    E 38 articoli nel carrello. Da stanza imbottita.

    E 39 di febbre, stracazzo, Ma quando finisce, santa pace??

  • Hariel 13/03/2012

    buone le cipolla!! si si si
    il film….uhm…mi è piaciuta la fotografia ma sul finale ci sono rimasta confusa..nel senso che va…troppo in aria.,,,credo!
    hai la febbre???????????? di nuovo????????????
    ma porcapuzzolaimprofumata ma nooooooooooooooooooooooooooooooooooooo
    39384655729072558582 BACIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII

  • Angela 14/03/2012

    Ma com’è quests febbre che va e viene va e riviene di nuovo?!?! Luci io sonderei un pó l’asilo, che c’è qualche mamma malata che manda i figli a scuola anche se stanno male secondo me,,, e tu Giulia?!?! Secondo te quanto c’entra il fatto che dormi tre ore a notte e lavori tutto il giorno?!?!? Ragazzi un super bacio con poteri guaritori!!! Smack!!!
    Io sono rimasta estasiata da questo film, come si vede dalle foto di iaia ogni singolo fotogramma poteva essere fotografato e incorniciato per quanto fosse bello!!! E la storia così dolce e delicata!!! Bellissimo!!!
    E ragazzi stasera sono andata a vedere “quasi amici” , mi è piaciuto tantissimo, non ricordo nemmeno quando ho riso così per un film , ma allo stesso tempo davvero commovente… Bellissimo 🙂

    • Luci 14/03/2012

      Buongiorno cara Angela! Il fatto e’ che purtroppo molti genitori per via del lavoro spesso ricorrono al paracetamolo e via all’asilo anche se i bimbi hanno influenza o altro… Capisco che se non c’è qualcuno che ti aiuta e’ un macello, ma anche stavolta Matteo si e’ ammalato perché la sua amichetta preferita era all’asilo con la febbre…

  • Luci 14/03/2012

    Giulia,buongiorno! Come stai?! Tanti bacetti “curativi”…

  • Katia Ostanel 14/03/2012

    Ciao Iaia,
    come stai oggi?
    Leggo un pò in ritardo il tuo post,,,sorry…ieri sera ho avuto la malsana idea di guardare in tv “revolutionary road” e non ho più acceso il computer.
    Bello il tuo post su fare e dover fare e voler dover fare,,,i sogni, il fatto di crederci…mi insegni ogni giorno qualcosa, mi dai sempre un motivo per riflettere.
    E poi le cocotte. Io ne ho quattro coloratissime, ma purtroppo non di Le crouset,magari: il mio fidanzatorinese me le ha regalate a Natale e per spendere meno ha preso quelle all’outlet del casalingo…ha fatto bene,a me bastava averle.Ma non le ho ancora usate,,,quindi, ti prego, abbonda di ricettine! La zuppa di cipolla mi piace,,,,ma solo a me, quindi mi sa che non la farò mai…Io avevo pensato di farci una mini lasagna,che dici?
    Ti abbraccio!

  • Bucaneve 14/03/2012

    Bellissimo post, ho amato alla follia quel film, ho versato lacrime per due ore, adoro la cocotte e CE L’HO!!!! Pesa una tonellata ed è fantastica…e adoro le cipolle!!!! Non homai pensato di utilizzarla nel forno, bravissimissima!!!! Stasera cocotto cipolle a quintali!!!! Bacini e buona guarigione!!!!

  • Bucaneve 14/03/2012

    ops…toNNellata….sorry….

  • tittisissa 14/03/2012

    Buongiorno a te Iaia e a tutti i miei amori 🙂
    Premesso che stanotte nottataccia di dolori e non ce la faccio più, e che sto in pena per la febbre Iaiosa e il day hospital di Max, qui mi diventa complicato star dietro a tutti i post e commentare per tempo. Se a ciò aggiungiamo anche la tombola scadenza ore 14.14…beh, direi esattamente così : “Ma ce la vogliamo dare una calmatina eh? Ce la vogliamo dare?? Che qui c’è gente seria che in ufficio deve lavorare invece di ridere e leggere i vostri blog e faccialibro? Eh?? E non potete mica fare così, ma che modi sono! Uno alla volta eh!! *_*” Ohh…. detto questo, vorrei aggiungere sul cinema che è la mia vera passione (e seguo Slow Film!), ne so di ogni, praticamente divoro ogni informazione e so tutto di tuttissimo, sono un’esperta. Da quando mio figlio era piccolo, l’ho indirizzato verso questa passione (e devo aggiungere che si è lasciato guidare bellodellamamma!) insegnandogli a distinguere il buon cinema, a riconoscere il tratto incisivo dei migliori autori ed i loro stili, ad apprezzare la buona recitazione, la fotografia, la scenografia, i costumi, insomma tutto, e da sempre andiamo al cinema insieme e condividiamo lo stesso amore, tanto che il suo indirizzo di studi è proprio in questo campo. Quando ho visto con lui “Hugo”, il film era appena uscito e già avevo consultato i miei siti e blog sul cinema preferiti e mi ero informata di tutto. Avevo già anche acquistato il libro, come mia abitudine, per poterlo leggere e confrontare col film. Scorsese non delude le aspettative anche se qui si cimenta in un genere a lui lontano. E Hugo Cabret, santocielo, è un vero gioiello di stile. Una favola incantevole che conquista dalle prime sequenze, i personaggi si lasciano amare e anche quelli secondari traspaiono di una forte umanità che sembra quasi reale, la storia monta lungo il film come panna montata, pian piano. Che scrivere di quegli ingranaggi, della stazione, della libreria? Niente. Non si può, occorre vederlo per capire. Come te Iaia che hai catturato alcune scene, perchè a raccontare si perde l’incanto. Questo è uno di quei film che diventeranno pietre miliari nella storia del cinema, uno di quelli che rivedremo volentieri anche tra mille anni. Gli occhi espressivi di quel bimbo, Hugo appunto, parlano da soli e commuovono. La storia del cinema è ben raccontata attraverso immagini volutamente retrò ed fuori tempo e l’amore per la macchina da presa traspare in ogni inquadratura e fa da trent d’union tra i personaggi da lui creati e Scorsese stesso. Alcune scene come quelle tra Gustav e la timida fioraia che gli fa battere il cuore e gli conferisce una umanità che diversamente non si apprezzerebbe, dato che è il personaggio negativo della storia, ci lasciano intendere che nessuno è veramente cattivo, ma che ci si adegua alla vita, per lo più, dimenticando speranze e sogni troppo spesso infranti e che ci inducono al disincanto, inaridendoci. I sogni vanno difesi e coltivati, questa è la morale. E forse non ci insegna niente di nuovo ma ci permette di uscire dalla sala con un sorriso ed il cuore leggero confermando un principio che ognuno di noi ha dentro se stesso anche se talvolta fatica a venir fuori. Queste conferme ci servono, ci rigenerano e ricaricano e ci danno speranza. Nel futuro. Non per niente i brevi camei di grandi attori che pur di interpretare un personaggio del film hanno accettato una parte complementare sono indimenticabili. La zuppa di cipolle io non la preparerò perchè a casa mia le cipolle le mangio solo io ma. Tutto il resto noi ce lo siamo gustato fino all’utimo boccone! 🙂

  • Chiara 15/03/2012

    Ho comprato un mare di minicocottes anche io (mi sa che abbiamo usato lo stesso spacciatore x’ ero un’invasata anche io del ‘aggiungi al carrello’!) e ora aspetto le tue ricette x’ le adoro ma non le so usare! 😝 Le ho comprate x’ ho visto Buddy che ne usava un paio x lui e la moglie e le volevo anche io! 🙂

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi