Rain Man: There you go, Ray. You’re dancing. This is it.

Must Try

Eclair e Macaron con Marie Antoniette

Migliori costumi a Milena Canonero nel 2007, come premio Oscar. Mai mi è piaciuta così tanto Kirsten Dunst. Una Marie Antoniette perfetta sotto le note...

La Torta di Mele per Gandalf

Parecchi anni fa ho cominciato questa Rubrichetta che poi nel tempo si è rivelata molto importante per me. A cena con Oscar racchiude ticchettii...

A cena con Oscar: Ernest e Celestine Vs Frozen – Marshmallow e Cioccolato

Non ho visto il film di Miyazaki che concorre agli Oscar come migliore animazione. Parrebbe essere l'ultimo della carriera del Maestro; questo oltre a gettarmi nell'oblio...

Yoda Pasta al sentore di Liquirizia con Tofu, Verdure e tè Matcha

Migliore colonna sonora, effetti speciali, costumi, montaggio, scenografia e miglior film e ancora e ancora. Con Star Wars si potrebbe andare avanti non per...
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Per la rubrica a cena con Oscar, purtroppo messa da parte per le ricettine leggere leggere del Carnevale,  certamente non poteva mancare Hoffman;  pur potendone sproloquiare all’infinito oggi è il turno di Rain Man. Perchè? Semplicemente perchè la celebrazione del Martedì Grasso corrisponde  alla Sacra Giornata dei Pancake. Lo scorso anno per l’occasione era stato confezionato il Totoro Pancake con tanto di documentazione (la curiosità ti assale mista a masochismo? Clicca qui >>>).Abbigliata in modo ridicolo e con tanto di maschera, tutto saggiamente documentato visivamente, avevo onorato il Sacro giorno del Pancake così. Già trecentosessantacinquegiornifa volevo però correlare questa giornata alla sezione Cinema e Cibo solo che Totoro prese allora il sopravvento in un impeto kawaiioso e sdolcinato. Quest’anno poi mi si ripresenta l’opportunità per la rubrica “A Cena con Oscar” e una sopraggiunta maturità (quale? ) e  posso non approfittarne? suvvia.

Il Martedì Grasso mette la parola fine al periodo dei sette giorni grassissimi che rappresentano  il carnevale ( e devo ancora smistare ottomila ricette grondanti di grasso, santapizzetta!) . Lo segue a ruota il Mercoledì delle Ceneri previsto per domani, indice che la pacchia è finita e comincia la redenzione per eccellere in sinteticità.

I quaranta giorni prima della Pasqua, insomma, gravano sulla testa dei credenti e diventano monito contro l’abuso spropositato di leccornie.

Conto l’anno prossimo di essere a New Orleans per assaporare dal vivo questa meraviglia, che tradizione e pure importante è. L’ho detto e lo farò. Francamente vedere correre delle persone con una padella in mano facendo volteggiare in aria un pancake per ben tre volte è una di quelle cose che per nulla ragione al mondo voglio perdermi. In sostanza per vincere durante il tragitto compreso tra la partenza e arrivo si deve riuscire a far saltare il proprio pancake frittelloso per l’appunto tre volte.

Questa tradizione è antica e pare che sia dovuta al fatto che una donna in ritardo per la Messa continuò a preparare i propri pancake durante il tragitto casa-chiesa senza arrendersi e con tanto di grembiule. A me non può non apparire la fotografia di The Village. Piaciuta molto. Se non fosse stato per il ridiculume che ne faceva contorno.

Avevo proposto giustappunto al Nippotorinese di filmarmi sul terrazzo mentre compivo l’epica impresa ma il suo sguardo è valso più di una risposta dettagliata. E no.

Non correrò sul terrazzo rigirando il pancake (e contando che a stento riesco a farlo da ferma vicino al fornello mi sono risparmiata l’ennesima brutta figura) ma blatererò giusto un po’ riguardo a Rain Man.

Una delle notizie necessarie e prioritarie (c’è dell’ironia ovviamente) è dire che proprio in quell’occasione ho capito ahimè che la Golino poteva pure rappresentare la mia nazione nel mondo ma ugualmente aveva una voce insopportabile. E che poteva essere brava quanto voleva e tanti complimenti ma l’istinto primordiale di spaccarle il setto nasale prevaleva sempre e comunque.

Questo perchè essendo particolarmente legata ai suoni (nonostante il sopraggiungere dell’età abbia decretato la mia sordità definitiva) quell’elemento disturbante sonoro ha compromesso sempre la visione. Possedevo la videocassetta originale che risaltava tra le altre ed è stata una visione autistica. Vista e rivista decine di volte.

Un po’ come con Dirty Dancing ma in percentuale davvero minore. Ma davverodavvero.

Molto legata affettivamente a Raymond. Charlie, quello che poi sarebbe diventato un divoratore di placenta (la sapete questa su Tom Cruise o devo arrabbiarmi? Il gossip va seguito santo cielo! Quindi devo pure pensare che non sappiate quante mini Birkin abbia Suri e che colori Katie preferisca nella Kelly di coccodrillo? Vergognatevi!), lo sopportavo come si fa con i vecchi amici ma confesso che quasi mai è riuscito a convincermi. Forse giusto un po’ in Magnolia perchè era talmente beota il personaggio che al confronto lui sembrava neuronalmente dotato (ma era un’impressione infatti) o forse durante il balletto di Risky Business perchè vederlo in mutande e calzini lo ridicolizzava a tal punto da farci quasi bella figura.

Insomma Ray. Raymond continua a ripetere che vuole i suoi pancake con lo sciroppo d’acero (e il capolavoro di Hoffman nello specifico può essere anche visto cliccando qui >>>) mentre prende appunti, conta stuzzicadenti e ricorda numeri e nomi. Fa parte della mia vita il ricordo di Ray e come lui non ho mai ballato se non sugli eccessi mentre a farmi compagnia c’erano fissazioni e paure e ripetizioni. Molto spesso il Nippotorinese mi chiama Rain Man.Caratteristiche e tratti di isolamento ai limiti dell’autistico mi caratterizzano e se sono nervosa anche io ripeto broccolibolliticonillimone oppure favelessefichisecchi. Perchè i pancake non li mangio. Non vi è una volta che non pensi a Ray. Soprattutto a Capodanno quando la mia tradizione di famiglia pretende il confezionamento di queste frittelline entrate ormai a far parte della mia quotidianità. Che siano nella versione dolce o salata, diventano ottime basi per diverse preparazioni. Dalle più semplici alle più elaborate. Ma per Ray occorrono cose semplici e sincere. E nulla lo è più di un pancake con lo sciroppo d’acero.

Lui nel tragitto riuscirebbe a farne volteggiare dieci volte tre e contare pure le persone intorno, gli alberi e le nuvole.

Uso sempre la stessa ricetta per i pancake. Non che ci possano essere chissà quali variazioni ma questa mi ha sempre dato grandi soddisfazioni indi per cui trascrivo per l’ennesima volta:

(prova a mettere un cucchiaino di marmellata d’arancia nell’impasto)

Gli ingredienti per circa quattro pancake molto generosi e abbondanti (padella piuttosto grande) sono: 130 grammi di farina OO, 1 cucchiaino abbondante di lievito per dolci,  1 uovo grande, 150 ml di latte intero, 1 cucchiaino di zucchero, vaniglia Bourbon fresca da baccello raschiata precedentemente, burro per friggere.

In una ciotola abbastanza capiente sbattere l’uovo e incorporare la farina, il lievito e lo zucchero. Senza bisogno di setacciare. Mescolare con cura e aggiungere l’estratto fresco di Vaniglia. Pian Piano a filo lavorare con il latte e rimestare continuamente cercando di ottenere una crema piuttosto liquida. La presenza di grumi non dovrebbe rassicurarvi. Lasciare riposare l’impasto per venti minuti circa in frigo. Riscaldare una noce piccola di burro nella padella ben calda e versare generose cucchiaite dando una forma il più possibile rotonda. Generalmente difatti il pancake ha una meravigliosa forma tondeggianteCuocere da ambo i lati il pancake. Si potrebbe pensare di usare un piatto al fine di agevolare l’operazione; proprio come si fa con la frittata generalmente. Lasciare raffreddare e servire con frutta fresca, sciroppo d’acero, panna, gelato, nutella, marmellata. Qualsiasi ingredienti vi aggrada di più essendo come sapore piuttosto neutro ed essendo la base per diversi brunch sia di base dolce che salata.

 

 

Forse potrebbe interessarti leggere...

66 COMMENTS

    • Buongiornamoremiomaxxettoso.
      Sono indietro su tutto ma oggi qualcosa posso riuscire a fare.
      *_*
      devo ancora sapere che cravatta hai messo ieri altrimenti mi arrabbio.
      La mattinanoncisono ma santocielo il pomeriggio dovrei essere forse un po’ sana di mente ( sefaperdì)
      e insomma *_*
      devo mandarti formato pdf perchè devo assolutamente sapere se i colori ti piacciono ( continuo a parlare in codice qui perchè santocielo o lo faccio qui o non so dove farlo. Perchè dalle 10 alle 12 sarò con turi-architetto-mamma a decidere le sorti di un notaio. detta così è assurda ma *_* saipurtroppoquantaveritàcè. La domanda è: lo siluro e butto in un pozzo ( il notaio ) o semplicemente lo friggo e lo servo? così. senza pensarci. dimmi cosa fare e io lo faccio )

      e non ricordo se c’era una parentesi ma ricordo chettttamo.

  1. apperò! io mai mangiato un pancake *faccina vergognata* …e il tuo totoro pancake era belllllllissimo! oggi qui, essendo carnevale maccherroni al sulgo ( fatti incasa,ovvio 😛 eh!) e non so se arrivo a fare qualche dolcino, ma ho troppo da studiare e se mi metto in cucina non ci arrivo a finire quello che devo 🙁 ufffffffffffffffffffffff…. e vaaaaaaaaaaaaaaaaaaabbè! intanto buongiorno…cuoricini sparsi e bacetti bagnati da questa “urtante” pioggia che da 2 giorni non ci lascia -.-‘ …grrrrrrr! <3 <3 <3 :-******

    • Buongiorno e pioggia di cuori bellissima Hariel mia *seguono pioggia di cuori in formato coriandolo e spruzzi di stelle filanti fosforescenti ma che non sporcano e appiccicano e si tolgono poi da sole una volta per terra ( vabbè sogniamo checccecccosta?!?)

      Oggi mi sa che anche qui propino ai miei che sono a pranzo da me qualcosa di leggero come 290482904824823048 chili di maccheroni con 209548290489248209438209348209824 tonnellate di maiale.
      Che tutti i maiali del mondo mi perdonino *_*
      ma per i dolci passo santocielo Non ce la faccio più. Puzzo come una frigggitoria.
      Santo cielo studio?
      Senti ma noi due che siamo vicine.
      perchè non ci infiliamo in macchina e scappiamo?
      io mi vesto da topolina ( cosa sto dicendo?) tu daquellochevuoi e andiamo a ballare la samba ad acireale?
      dimmi di sì *_*

      • samba????? uhsignur!!!! sai che io quasi odio la confusionestressanteerumorosa del carnevale???? e odio la gente che ti spinge 😐 e quelli che urlano con la scusa che tanto si è in tanti e quindi è normale 😐 ..cioè insomma..io che oggi stia piovendo sono quasi felice così tuttttttti a casa…ecco! (oddio non esageriamo…vabbè gli altri vadano pure 😛 io resto a casa!) però noi che siamo vicine si…scappiamo lo stesso! vicine vicine…ecco mi vesto da topo giogio io…si!!! macosatidicomai’?????? (ecco delirio!) …aehm..si chiamiamolo studio..in realtà disegno con autocad 😐 sto impazzendoall’inverosimile per progettare un isolato di appartamenti ad alta densità O_o con tutte misure diverse…un puzzle isomma! elllllosò che stai impazzendo con una rchitetto al momento…ma io giuro che sarò un architetto bravo! si!!! potevi aspettare altri 25 anni e poi chiamavi me no???????????????? 😀

    • Buongiorno Luci mia e Buongiorno Frugolettinoooooooooo <3
      Corro da Max che è da un paio di giorni che non leggo essendo rinchiusa in casa in versione eremita con cellulare in modalità aereo *_* salvami Luci.
      Rapiscimitiprego.
      Senti parlando di cose serie:
      se faccio una selezione posso ambire a diventare bebisitter ( scritto così però) di Frugoletto?
      Giuro preparerei solo totoro pancake e lumachine di brisè *_*

      • Buongiorno stellina mia, non ci sara’ nessuna selezione, solo tu puoi ambire a quel posto… Basta che possa stare anche io con voi e che tu ti prenda cura anche di me!!!! 😉 Frugolino mi ha detto di darti una carezza sui capelli e di darti un grosso bacio… Ha gia’ indossato il vestitino da buzz di Toy Story e sta venendo a prenderti!!!!

  2. I pancake!** Sono secoli che li voglio fare!
    Li farò per una colazione con le amiche.

    About Rain Man… devo confessare che la voce della Golino a me piace XD Forse proprio perché ha quella punta di sgradevolezza che risulta particolare. Sono sempre stata incuriosita, è stata doppiata in inglese? Credo cercherò il film su internet in lingua originale e lo scoprirò^^
    Chi non sopporto è Tom Cruise, per quanto in quel film sia anche decente XD

    • Chiara Buongiorno*disse abbracciandola e tirandola a sè per offrirle 23904320482094829048 chili di pancake.
      E ssai che forse proprio no?!?! original. O hanno preso una con la stessa voce *Disse ridacchiando e soffocandosi con il caffè.
      Confesso di avere una predilezione verso le voci e i soggetti antipatici ( essendolo io stessa) e lo dimostra il fatto che sto con una delle persone più antipatiche del pianeta terra e dell’interspazio conosciuto e non ma.
      Ecco.
      La Golino mi innervosiscegiustounpo’. giustounpo’.
      Cruise, convengo con te è decente qui come in poche altre interpretazioni. Gli voglio bene perché purtroppo è ormai un ricordo d’infanzia (maledetto! si è insinuato nelle vite di tutti cosììììììììììììì*disse agitando il mattarello) ma santocielo a leggere cose su di lui mi deprimo.
      Hai letto la roba sulla placenta? tra l’altro confermata ( ed è questo quello che mi turba maggiormente).
      E grazie al cielo ci risparmia ormai sui vaneggiamenti ” scientolooooogggggy” perchè non avrei retto. E sarei dovuta andare lì a spiacccicarrrrli un pancake caldo sulla faccia ( sono violenta stamattina o sbaglio? )

      e insomma sì.
      Lingua originale pettuttiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

      • (io passo a ondate, quaXD mi sbafo i post tutti in una volta e sappi che ho già coinvolto altre fanatiche potteriane nella realizzazione della burrobirra. So da fonte certa che quella che spacciano negli usa in bottigliette tutte fichissime è una roba imbevibile. Confido nella versione “please, meno burro!”)

        LA ROBA DELLA PLACENTA ommioddio ç_ç sì, l’ho letta.
        In questo film è pure piuttosto decente, concordo xD sarà che era agli inizi!

        Stare con persone antipatiche fa sentire simpaticissimi XD o almeno così è stato per me, hihi. la golino ho capito che qui è bollata, che sia in inglese o in italiano!

        *si rotola nei pancake*

  3. comunque non è giusto che la festa dei pancake cada in giorno feriale.
    perchè non ho il tempo per farli.
    ma sabato e domenica mi rifarò u.u

    • Amore mio buongiorno e baci.
      Ecchecefrega che è martedì ?!
      La tradizione vuole che le donne che il martedì lavorano possono correre e far saltare il pancake dal padellino esattamente la domenica.
      A patto che si scambino sms d’amore con amiche lontane che vivono in un’altra isola.
      *_*

  4. Un po’ di tempo fa ho provato i pancake, ma mi sono venuti malissimo, riprovo di sicuro con la tua ricetta, certamente andra’ meglio! Ray…Credo che il mio amore per Hoffman sia nato proprio per quel personaggio… La prima volta in cui ho pianto davanti ad un film… Nonostante Cruise e la voce della Golino!!! Ma hai forse citato IL FILM?! Dirty Dancing?! Io ne ho rotte 2 di videocassette e un DVD!!! Con le mie amiche organizzavamo ogni anno una visione comunitaria, in pigiama e con i fazzolettini.. “nessuno puo’ mettere Baby in un angolo!!!” e giu’ pianti!!! E l’Ingeriminese si chiede come possa essere successo… “tu, così intellettuale e raffinata…” Non lo so, tutte le mie coetanee hanno sognato di farlo quel benedetto angelo del finale!!! Ti prego cuciniamo qualsiasi cosa lo ricordi, anche l’anguria che Baby porta in braccio… Poi quaresima, prometto!!!

    • 🙂 luci bella!!! 🙂 ma sai che mio padre fino a che abbiamo vissuti insieme non mi ha mai permesso di vedere dirty dancing?! Io poi non ci ho più pensato e l’anno scorso, quando l’hanno ridato per la milionesima volta su rete 4 per il resto del mondo, io e mia sorella ci siamo godute la nostra prima visione 😀 godendoci la nOstra casetta libera da ogni censura …ah ah ah povere noi! :)Ciao luci bella!!!

  5. Buon pancakeday anche a te, oh musa dei colori! Ieri ho sognato di essere tornata alle scuole superiori e di cucinare pancake nel parcheggio su di un banco… Poi mi sono alzata un poco confusa ma ridanciana e ho fatto i miei primi pancake oserei dire vegan.. Oggi mi sono svegliata con un grande interrogativo… Che mondo sarebbe senza pancake??? Aaaah non pensiamoci neanche!!
    Buona giornata Iaiamica!!
    LaVally ti saluta con piroetta ed inchino 🙂

  6. Buongiorno a tutti!!!! Mi inserisco per scrivere solo le mie trebarraquattro scemenze quotidiane eppoi me ne vado, promesso. 😀
    Quando si parla di cinema, lasciati perdereeee è il campo mio!!! 😉 Premesso che la Golino secondo me fa APPOSTA quella voce per distrarre gli ascoltatori dalla sua non proprio brillantissima interpretazione cinematografica (anche se non nascondo che forse in Rain Man ha dato il meglio di se!) e premesso anche che Cruise è interessante quanto una bietola bollita però affetta da nanismo e per niente simpatica, e siccome gli eccessi da lui dimostrati (placenta compresa) un tantino li detesto, uno che vuole fare sempre in ogni situazione la prima donna pur essendo uomo mi sa tanto di checca isterica, premessottuttocciò…Dustin Hoffmann lo amo. Punto. In questo film come in tutti gli altri, non delude mai. E i pancake con lo sciroppo d’acero (che soggiorna ormai costantemente nel mio frigorifero e vi dirò, non è buono soltanto sui pancake ma anche sul gelato o sostituito allo zucchero o al miele in tante altre preparazioni) li preparo più o meno da allora ogni tanto, da quando questo film mi ha aperto gli occhi (ma anche la panza).

    • Ciao titti 🙂 io guardavo da bambina hook capitan uncino solo per lui…una domenica si e una no:) lo adoravo con quei riccioloni e da qualche anno fa, ormai grandicella, mi ha rapito il cuore con il laureato 😀 quindi condivido questa passione :)Un bacione bella!!!

    • Tittttttttttiiiiiiiiiiiiiiiii!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Buongiorno!!!!!!!!!!!!!! Niente Faccialibro ancora… ma Max ti farà una sorpresa…. 🙂

  7. Meno male che leggo il tuo blog sennó mica lo sapevi che oggi era martedì grasso, cacchiolina, ma dove vivo?!?! Giulia mia bella piena solodarietà per l’odio verso la voce della golino ora e sempre!! Invece su Tom mi cogli in falli, perchè non mi dispiace affatto, ognuno ha i suoi problemi mi rendo conto. Sto rientrando a casa e conti di darti buone nuove sull’agognato premio 😀 speriamo 🙂 ti abbraccio fortissimo, a più tardi!!!

    • In effetti c’è una cosa di Tom che non mi dispiace… il naso! Ebbene sì, sono pazza… mi piacciono i nasi, come dire, “importanti”! Buongiorno Angy! Bacino!!!1

      • A me pure!!!!!!! Ho proprio un debole per i tipi come lui, così caruccetti ma con il naso importante!!! Dai iscriviti su fb!!! Io titti l’ho già contattata, e ora contatteró anche Max, se a lui non dispiacerà 🙂 perchè davvero non posso perdermi la cravatta con i maialini 🙂 smaaack****

  8. Ciao Iaia!!!!
    Ho notato che dai segni di vita:bbbene!!!Lo sapevo che sei invincibbbile, niente ti può fermare!!!
    E si, ti prego, ti aiuto a spaccare il setto nasale della Golino,che nemmeno io la posso sopportare!
    Ciao a tutti! A Luci, a Titti, ad Angela e a Max e a tutti gli altri!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Le polpette di melanzane di mamma

La mamma ha sempre ragione anche quando non ce l'ha. In cucina poi non ne parliamo. Se la mamma dice "a occhio" allora tu devi fare "a occhio", fine del discorso.

Il Cantalupo con la feta

Un piatto facile, veloce e strepitoso. La feta con l'anguria, da anni, è una certezza ma con il cantalupo hai mai provato?

Le Ricette di Mamma – Siciliane a base di pesce

Ti racconto alcune delle ricette siciliane che mia mamma prepara da sempre. Delle preparazioni che non sono solo piatti ma scrigni di ricordi, giorni e vita. Un tour tra cuore e tavola.

Le melanzane più buone! Come le fa mamma

Una delle ricette che amo di più e che mangio sin da piccola. Che sa di tradizione, amore e casa.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

More recipes like this