Home / A cena con Oscar  / Mary and Max: Latte condensato e Cioccolato

Mary and Max: Latte condensato e Cioccolato

Plin Plon –   Comunicazione di servizio :

1. Su Style c’è il mio nuovo articoletto delirante in cucina e si parla di Hamburger al Pistacchio, di Marc Jacobs e di borsette Macaron di Kenzo più iniziative di un certo livello: Mi sono messa in testa che se Kenxzo fa la Macaron Bag io posso fare l’Hamburger bag. Checcccèèèdistrano, eh?

Per leggere l’articolo su Style clicca qui >>>

2. Prima di cominciare con gli appunti in cucina, porto in rilievo la quarta edizione di Vinci una Momiji edizione light, senza Mug. Difatti cliccando qui si potrà partecipare allo “pseudogivauei” ( scritto così) dove in palio vi è la Momiji , Hello Kitty Special Edition. Lascia quanti più commenti vuoi  fino a Lunedì 27 Febbraio alle ore 10:10. Termine massimo. Il vincitore verrà proclamato Martedì 28 Febbraio alle ore 10:10.

3. Inoltre volevo segnalare un interessantissimo Progetto; ovvero quello  di Valentina sul Blog “Dolce Profumo di casa” che seguirò con piacere come spero anche voi, perché ne vale davvero la pena. Chiunque poi volesse unirsi è chiaramente il benvenuto. E grazie.

Plin Plon: Fine comunicazione di servizio.

 Adam Elliot, australiano classe ’72, è il padre di Max and Mary, il lungometraggio di animazione più bello che io abbia mai visto. Lo stesso che mi ha fatto pensare a Pani e sostenere con fermezza mezza addormentata “domani è la prima cosa che devo dirgli” per poi dimenticarmelo puntualmente. E’ chiaramente la mancanza di fosforo, devo farmene una ragione.

Il più bello mai visto. Non così per dire.
A sentirmi dire “ha superato nettamente Burton” si rimane sbigottiti. Un po’ come si resterebbe davanti all’enunciazione corretta della teoria sulla relatività da parte di Flavia Vento, per capirsi.

Pur non essendo tifosa di nulla e di nessuno, si evince dal mio sconfinato amore nei confronti di Burton e Lynch che qualsiasi ciofeca loro possano partorire, ammesso che ci riescano pur sforzandosi incommensurabilmente, per me rimarrebbe sempre arte e genio allo stato puro. In sintesi non si poteva credere che in casa si sarebbe mai sentenziato senza alcuna volontà di rifletterci un secondo di più che la migliore storia nonchè animazione in assoluto mai vista è e rimarrà, fintanto che un degno avversario approderà sugli schermi: Mary and Max.

Pur essendo prodotti completamente diversi e non potendo mettere nel mucchio la divinità Miyazaki, perchè come prodotto è necessariamente più vicino al noir visivo di Burton, semmai dovessimo pure azzardare un paragone: sì. Ebbene sì. Supererebbe anche quello.

Max and Mary non è stato distribuito in Italia (ma ci siamo abituati perchè nel Bel Paese se non è una schifezza apocalittica commerciale per menti limitate, giusto per dirne una, non va in onda nulla) ma agli Oscar non ha ricevuto alcuna candidatura o menzione o qualsivoglia premio speciale. Uscito nelle sale nel 2009, e direi che già siamo in un range di tempo plausibile per lamentarsi, è talmente ricco di emozioni e profondità che ti fa sentire grato, ma grato davvero, perchè si ha avuto l’opportunità di vederlo.

Max and Mary sbaraglia qualsiasi cosa e perfora l’anima. In questo stop motion di argilla con i colori che più amo e solo una nota rossa nel bianco e nero e seppia, ci sono stelle e cioccolato. C’è obesità, malattia, poesia e musica. Ci sono tutti gli ingredienti della mia vita e dei miei dolori. Ho sentito talmente tanto vicino Max and Mary da proporre al Nippotorinese un pelligrinaggio in quel dell’Australia. Fosse solo per omaggiare Elliot con una statua sotto casa. Dovessi costruirla interamente con tutte le mie matite e pupazzetti.

Non solo commuove e ti fa perdere ma insegna. Insegna il concetto più profondo dell’amicizia e quello che io in cuor mio ho sempre sperato. Il fatto che si capisse la mia malattia e difetto e si comprendesse la paura di relazionarmi. L’ansia. Per le prestazioni sentimentali per cui nutro turbamenti. Vedere Max and Mary è stato come ripercorrere la mia vita; la sintesi è una delle scene finali dipinte di nero tra quadri, volti e fotografie con pillole di valium e cappi al collo. E’ stato come entrare in un quadro visivo onirico visto da altri occhi che in un modo completamente personale ti racconta verità universali.

Perchè Max e Mary racconta proprio la vita di tutti e sorprendentemente tutti possono rispecchiarcisi. Nell’agorafobia e nei panini al cioccolato; io che di panini al cioccolato ho vissuto. E’ pieno e strapieno di cibo Max e Mary. E’ un parto bulimico visivo di cibo e associa odori a persone e sensazioni a timballi preconfezionati di pasta che in realtà sono Noodles.

Si apprezza la voce profonda e magistrale del narratore quando alla sindrome di Asperger di Max viene dato il timbro del premio oscar Philip Seymour Hoffman e Toni Colette per lei che incontrerò nel paradiso della cioccolata, ne sono certa.  Ci sono citazioni mentre Mary all’università legge “L’uomo che scambiò sua moglie per un cappello”.

Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte narra la difficoltà di comprendere le emozioni e la mimica facciale. Affonda nel baratro di avere paura dei colori e della logicità illogica di essere semplicemente quello che si è. Quando Mary pensa di associare al cibo una lettera e che quindi il Monday, lunedì, mangerà solo marshmallow, milkshake e mustard, Pier non si è potuto non girare e accarezzandomi i capelli ha capito quanto fosse importante anche per me mangiare per colore. Perchè ultimamente sì. Mi sono convinta che devo mangiare solo le cose delle stesse colore. E allora se mangio la zuppa di zucca accoppio l’arancia e mai la mela e se mangio le zucchine posso solo mangiare il kiwi ma è il giorno che mi piace meno perchè ho difficoltà con il verde anche nel cibo.

Si comincia con il papà che attacca i fili delle bustine del the e di questa predilizione per l’Earl Grey che è anche un po’ mia. La madre che prende in prestito bastoncini di pesce e inforna cupcake ascoltando le partite di cricket e tracannando ancora e ancora Sherry che verrà purtroppo confuso per altro. Mary ha un gallo come amico e non ha amici perchè gli unici che ha le pisciano sopra i panini con la carne in scatola. L‘anello che cambia colore a secondo dell’umore rievoca un film adolescenziale che amo molto; quello in cui il biondino di mamma ho perso l’aereo  muore divorato dalle api.

Non ho potuto non soffermarmi su quel chocolate hot dog che Max dice di avere inventato.

Anche io mangiavo panini con il cioccolato dentro e se Max ne faceva fuori 36 io credo di averli contati pure ma forse l’ho battuto. Però certo dipende da quanto fosse grande il panino di Max rispetto al mio.

Ho appuntato diligentemente qualsiasi ricetta. Non me ne è sfuggita una. Neanche una. E allora Pier premeva stop e io segnavo tutto.

  • Lunedì: Knish Pataten Glicks supersalato!
  • Martedì: timballi di pasta (Noodle Kugel)
  • Mercoledì : bastoncini di Pesce Captan Salty’s
  • Giovedì panzerotti al formaggio (Cheezy Blintz)
  • Venerdì: crocchette di pollo chicken nuggets

Sabato: una ricetta inventata da Max e una su tutte l’hamburger con gli spaghetti in scatola.

Lo psichiatra di Max diceva che non si dovrebbe mai superare il peso del proprio frigorifero e che si dovrebbero mangiare razioni ben inferiori al peso specifico della propria testa; Max aveva mangiato una volta un’anguria ben più grande. E suppongo pure io e più del frigo stesso. Più del frigo di tutti i  palazzi.

Gli obiettivi di Max non erano poi dissimili dai miei e per certi versi potrei usare il presente. Anche io ho sempre voluto poco e in quel poco c’erano matite e pupazzetti. Anche cioccolata e quello che non ho avuto mai. Un vero amico.

Ecco perchè io davvero l’ho sempre tanto desiderato e nonostante si siano susseguiti volti, facce, racconti e indistintamente sessi che mi hanno fatto credere di volerlo essere  io un vero amico non ce l’ho avuto mai. Il mio vero amico è stato ed è sinora l’uomo che am

Non sono mai andata alla seduta dei mangioni anonimi ma quando l’inquadratura virava sul fondoschiena di Max percepivo ancora il mio dolore di dover stare davanti a qualcuno. Quando al liceo mi preoccupavo più se qualcuno mi stesse dietro. Avevo paura di occludere la visuale. Il mio sogno era stare al primo banco ma “dovevo” stare all’ultimo proprio perchè non volevo in alcun modo essere di intralcio visivo. Ho avuto il mio Mister Ravioli e ho sognato anche io un amico di penna. Ce l’ho anche avuto ma quando dal Ghana mi ha fatto sapere che voleva trasferirsi a casa mia con i suoi sette fratelli mamma mi ha proibito di scrivere ancora.

Nel latte condensato e nello zucchero mi sono rifugiata. In quel “I’m sorry” chiedendomi se scusa dovevo chiederlo a qualcuno. Quando la risposta è stata no, non mi sono sentita piena di me ma indifesa. Indifesa a tal punto da farmi tenerezza tanto quanto quel pon pon triste sul cappello. Max crede che Mary odori di gamberi e alla fine Mary scopre che Max odora di liquirizia. Un rapporto decennale se non più tra odori mai sentiti ma percepiti nella mente e pasti consumati. Pesci morti mentre si preparano ricette al cioccolato e diverse e disparate forme di tristezza sotto forma di barretta. Che sia una Cherry Pie o un formaggio al gusto formaggio. Che sia dentro un panino o dentro un timballo. C’è anche la torta Lamington e un gelato fatto con una barretta sfracellata da un viaggio Australia-America e tanti dodici.

Così tanti dodici da fare paura. C’è pure un 48 e quattro più otto fa proprio dodici e pure la fatina del grasso che succhia il grasso la notte e lo porta via. Anche io mi sono sempre chiesta perchè non esistesse ma ci fosse solo una versione azzurra che trasformava bimbi di legno in bambini adorabili.

E per i bimbi obesi che non riescono a smettere di mangiare pane e cioccolato una fatina non c’è?

Zuppe con capelli e compleanni consumati con un cupcake al cioccolato e c’è pure la ricetta del pollo con le caramelle e il ketchup che vorrò fare insieme ai choco chip blue cheese. Ci sono i peli blu dell’ombelico e le domande esistenziali della vita su dove sono nati i bambini. Se in una lattina di coca cola o dentro un boccale di birra.

Si vincono lotterie che se messe a paragone con una lettera mancante nel cuore valgono davvero nulla. A dimostrazione del fatto che i soldi davvero possono crearti solo qualche problema in più e non in meno. Quest’assurda credenza che sia diverso e contrario ci rende tutti senza lacrime. E per fortuna qualcuno le raccoglie per noi e le mette in una bottiglia.

Il disagio dell’amore e dell’affetto attraverso un tour culinario astruso e confuso senza alcuna ragione. E’ una malattia Max and Mary che ti entra dentro e non va via. E’ l’esatta ispirazione per quello che ho sempre inseguito e cercato disperatamente senza che io lo volessi. In Mary c’è un po’ di Oscar di Molto lontano incredibilmente vicino e un po’ di Christian de Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte in Max. E’ come se ogni tassello di questo puzzle stesse prendendo corpo.

Mi trovo sempre più spesso davanti a questo enorme tavolo dove muovo tasselli di diversa grandezza e colore. E prendono corpo e forma. Dando ad ogni luogo, viso e sensazione una giusta connotazione. Sistemando le lettere che troneggiano in alto.

E’ da anni ormai che mi cerco disperatamente cercando di capire se davvero vale la pena di volermi bene.

E io finalmente quella risposta la comincio ad intravedere. Perchè non c’è una N e una O. Sembra proprio che ci sia una esse e una i. Potrei sbagliarmi ancora eh. Ma a me sembra proprio una esse.

Il cibo preferito di Mary era il latte condensato. Il cibo preferito di Max era il cioccolato. Ho deciso di fare un semplicissimo fudge in onore di questa amicizia meravigliosa. La comunione del latte con il cioccolato fondente. E ho voluto aggiungermi. Volevo essere una macchia anche io. Nella speranza di poter godere di loro due e del loro significato. Mi sono messa sotto forma di pistacchio. Come un elemento verde disturbante ma che al tempo stesso amo. A dimostrazione del fatto che sì. Puoi essere paura pura o semplicemente averne. Ma credere in qualcosa. Come la comunione del latte condensato e cioccolato. Come semplicemente l’amicizia.

Ingredienti per sei persone circa: 350 grammi di cioccolato fondente (70% di cacao minimo), 30 grammi di burro, 340 grammi di latte condensato, 150 grammi di pistacchi interi non salati (io ho usato quelli di Bronte).

Metti il cioccolato tritato, il latte condensato e il burro insieme a un pizzico di sale in una pentola dal fondo spesso a fuoco basso. Mescola per bene mentre si scioglie. Aggiungi i pistacchi interi e mescola per bene. Versa il composto piuttosto compatto in una teglia dove hai appoggiato precedentemente della carta da forno e livella con la spatolina a uno spessore di 1-2 cm circa.

Lascia raffreddare in frigo e quando è solido taglia a quadrotti e servi freddo. Puoi pure tenerlo in frigo e servirlo ghiacciato perchè è ottimo e non avrà mai una consistenza eccessivamente dura.

Update: C’è anche la versione Fumetto Ricetta di questo Fudge al Cioccolato e Pistacchi. Per leggerla clicca qui 

Questa Ricetta fa parte della sezione Cartoon e Cibo, che comprende anche Cinema e Cibo e A cena con Oscar. Sinora sono state eseguite le seguenti ricette:

Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Review overview
50 COMMENTS
  • Luci 24/02/2012

    Io?

    • Luci 24/02/2012

      Primaaaaaaaa!!!!!!!

    • Angela 24/02/2012

      e nooo….ma come fai??? io stavo sulla home,il tempo che si è riaggiornato sono andata a lascia un commento e scritto e tu avevi lasciato già un commento con due caratteri in più!!!-.-.. bravissima 🙂

      • Luci 24/02/2012

        Tutta fortuna… Max direbbe che sono una culona!!! Povero il mio sederino… 😉

  • Angela 24/02/2012

    a

  • Luci 24/02/2012

    Max?! Questa settimana qualche volta ti ho fregato… Giusto perché sei in riunione, eh? 😉 baci

  • Angela 24/02/2012

    Ma luci hai visto che questi gareggiano pure su style???? non hanno pudore proprio 🙂

    • Luci 24/02/2012

      Mi sono persa nel post… 🙂

  • Angela 24/02/2012

    Giulia bellissima!!! Ti voglio bene ….quanto mi colpiscono le tue parole a volte!?!?…invece di usare il termine italiano ,mi sento di usare quello inglese…più esplicativo…You touched me 🙂 un abbraccio fortissimo….FORTISSIMO!!!

  • Luci 24/02/2012

    Giulia… Che dire?! Anche oggi mi hai toccato il cuore… Mio piccolo pistacchio, continua cosi’, non smettere mai di cercarti e soprattutto non smettere mai di parlare di queste cose… Perché parlandone le conosci e conoscendole smettono di essere paure… Piano piano… Poco a poco… SI, Giulia, vale la pena volerti bene, SI, SI, infinite volte SI… Per te e per tutti noi per cui volerti bene non solo vale la pena, ma vale molto di più… E’ un privilegio!!!! Ti abbraccio

    • luci 24/02/2012

      Stellina, ho letto solo ora l’articolo su Style… anzi, ho letto solo l’inizio e sono subito corsa qui…. come hai l’otite e un orzaiolo?! E non mi dici nulla?! E se venissi subito lì da te?! Ormai sono un’infermiera perfetta (per la cronaca, l’Ingeriminese è stato fuori due giorni per lavoro ed è tornato con un’infiammazione al nervo sciatico, dunque si sta letteralmente trascinando per casa… come se non bastasse la febbre di Frugolino che per fortuna sta scendendo!) Fatti stringere forte per un po’, porto una valigetta piena di bacini di Frugolo… <3 <3 <3

  • Amaradolcezza 24/02/2012

    BOOONO
    oh i pistacchi
    … di Bronte!
    i love it!

  • Amaradolcezza 24/02/2012

    Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte narra la difficoltà di comprendere le emozioni e la mimica facciale. Affonda nel baratro di avere paura dei colori e della logicità illogica di essere semplicemente quello che si è.

    è il mio libro preferito…
    ho scelto di fare l’insegnante di sostegno dopo aver letto questo libro!

    sei speciale

  • tittisissa 24/02/2012

    E’ un libro che anche a me è piaciuto moltissimo e mi ha lasciata enormemente più arricchita. Solo i libri migliori lo fanno.
    Iaia cara, io Max and Mary non l’ho visto e me ne rammarico. Su youtube, dopo aver letto qui il tuo post, sono corsa a dare un’occhiata ma vedere un film in quel modo, a pezzetti, non riesco a farmelo piacere 🙁
    Da quel poco che ho seguito in lingua originale e senza i sottotitoli l’ho trovato delizioso e mi piacerebbe poterlo vedere. Posso chiedere se ne hai una copia e come te la sei procurata?

    • Luci 24/02/2012

      Anche a me quel libro e’ piaciuto… Moltissimo!

      • mariaverzi 24/02/2012

        I biscotti erano buonissimi!
        Ciao stellina

        • luci 24/02/2012

          ciao maria! oggi tortina soffice alle mandorle… e un :-*

          • mariaverzi 24/02/2012

            Smack smack a te e frugolino!…appena passate da queste parti vi inondo di dolci…coni gelato cassate ( non e’ una brutta parola!)…arancioni e bigne’….e vai!….

            • mariaverzi 24/02/2012

              Ndr arancini!

            • luci 24/02/2012

              Sìììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììì!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! DolciIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Maria, attenta alle spalle che arriva una valanga di baci direttamente da Rimini!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

          • mariaverzi 24/02/2012

            Rimini! Bei ricordi di bimba! E’ una vita che non ritorno dalle tue parti! Ricordo tutto! Chissa’ …mi avra’ colpito l’atmosfera giocosa! Ai miei occhi ovviamente…avrò avuto 11/12 anni…una vita fa…

  • Katia Ostanel 24/02/2012

    Si.Vale tantissimo la pena di volerti bene.
    E non dico altro, chesennò vengo lì e ti prendo a ceffoni, adorabile creatura che non sei altro!
    Ti abbraccio,sempre.

  • Silvia 24/02/2012

    Cara Giulia,
    quanta passione tirano fuori le tue parole, è un vortice che leggi tutto d’un fiato e ti arriva addosso senza scampo.
    Devo a questo punto procurarmi il film!!!
    Devo.

  • Chiara 24/02/2012

    Bellissimo film Mary and Max! E pensavo di essere una delle poche poche persone ad averlo visto! L’ho visto 3 volte, tutte di seguito e mi ha stregata! Così come mi ha stregata la tua “recensione”, che mi ha fatto tornare la voglia di rivedere questo film così cupo, ma delicato, così forte ma poetico e con una cura per il dettaglio che si ritrova in ogni angolo. Grazie per avermici fatto ripensare!

    • tittisissa 24/02/2012

      Chiara come hai fatto ad averlo? Mi dai una dritta vorrei vederlo anch’io!

  • apity 24/02/2012

    Devo dirtelo: questo post è una meraviglia!

  • Beatrice Alvino 24/02/2012

    Tocchi l’anima…e la gola! Anch’io vedo una grande S.
    Un abbraccio a quattro mani <3

  • mariaverzi 24/02/2012

    Siiii!….sei sempre piu’ fuori…fuori dalla paura…dalla timidezza….dall’essere TU!….ok!…non so perche’…ma a dispetto del lavoro concitato, della tua vita privata…etc.etc..etc….mi sembra di sentire un alleggiremento….l’alleggerimento della tua anima…non voglio essere presuntuosa….ma la sensazione e’ questa!…e’ questa rispetto ai post. Precedenti

  • anya78 24/02/2012

    abbiamo gusti davvero uguali *____* e anche questo post è assolutamente una perla!
    max e mary l’ho visto tempo fa: un autentico capolavoro che mi ha commossa tantissimo!

  • mariaverzi 24/02/2012

    E insomma…ci riconosciamo in te perche’ e’ gia’ in noi una parte creativa geniale e sofferente…che stenta a riconoscersi nella vita di tutti i giorni..
    moebius da Il GARAGE ERMETICO

    – e perche’ portate sempre queste maschere?
    – senza ….non sono che me stesso tra muri insormontabili….

  • Wish aka Max 24/02/2012

    “Quest’assurda credenza che sia diverso e contrario ci rende tutti senza lacrime. E per fortuna qualcuno le raccoglie per noi e le mette in una bottiglia.”

    Grazie.

  • ogni volta riesci ad aprire porte su altri mondi. e ogni volta ne esco piena di stupore e con la testa leggera. ti ringrazio tanto.

    mi sono anche ricordata che stavo provando a condensare il latte di riso. sono state immolate per l’esperimento già due tazze di latte…non mollo.

    • l’ho visto. ieri l’ho visto. in piena notte, in piena solitudine. le lingue rosse erano come una scintilla, ogni volta che le vedevo mi davano una sensazione di stupore e di vita che mi sosprendeva non poco. e pensare che potevo non venirne mai a conoscenza.

  • Valentina 24/02/2012

    Mi sono commossa perché questo post mi ha fatto pensare a tanti ricordi dolorosi.
    Io ho 22 anni e ho perso 28 chili (me ne mancherebbero ancora 5 per il pesoforma, ci arriverò), e mi sono sottoposta all’operazione del bendaggio gastrico, a soli 18 anni. Non rientravo propriamente nei requisiti-peso del programma (ero troppo poco obesa..?), ma cosa dovevo fare dissi, mettere su altri 3 chili per poter fare questa cosa?! E quindi la feci.
    Ogni volta che dovevo andare a comprare da vestire, finivo in camerino a piangere, e sentivo mia mamma spiegare alla commessa la mia situazione (sa è sempre stata magra, faceva nuoto agonistico e quando ha smesso è ingrassata sempre di più, ecc ecc), vergognandomi tantissimo.
    Se indossavo soltanto una maglietta e dovevo sedermi, anche in classe, usavo le braccia come meglio potevo per nascondere la pancia.
    Qualcuno mi ha detto “stai zitta balena”.
    Ho visto così tanti dietologi da non poterne più.
    Non ho più fatto danza perché mi vergognavo quando prendevano le misure per i costumi del saggio.
    E poi basta perché se vado avanti riscoppio a piangere.
    Ancora adesso se in università sento qualcuno bisbigliare penso mi stia prendendo in giro, e quando mi siedo penso in automatico a cosa penserà quello che ho seduto dietro, anche se non ce n’è più motivo. Quando cammino per strada penso che la gente mi fissi le gambe perché sono grosse. Quando mi faccio la coda controllo che la faccia non sembri un pallone rotondo, anche se adesso è asciutta e allungata. E così via..
    Non vedo l’ora di non farmi più questi problemi, e penso che le persone sappiano essere veramente crudeli a volte, soprattutto quando non se ne rendono neanche conto.

    Ti ringrazio tantissimo anche qui per aver citato il mio progetto e per volerlo seguire, sei davvero una ragazza gentile e premurosa.
    Grazie con tutto il cuore.

  • Chemical 24/02/2012

    Grazie per avermi fatto scoprire l’esistenza di Mary and Max 🙂

  • Pieceofstar24 24/02/2012

    Come solito mi scendono due lacrime grosse quanto un’alluvione per la commozione.
    Leggo e mi si contorcono le budella quando quello che dici riesce a entrare prepotente dentro fra le viscere. Ricordo di aver avuto questa sensazione quando ho letto il tuo primo post, quasi due anni fa.
    Cerco il film perchè voglio vederlo.
    ho sempre voglia di dirti grazie ma so che ti fa arrabbiare. ho sempre parole che escono e vorrei dire, ma a noi ci piace anche stare in silenzio e abbracciarci ognittanto. E questo faremo. (disse dopo aver scritto un poema)

  • Manola 24/02/2012

    SOS
    Letto quanto sopra, ho in canna un pioggia di colpi… di grazie, di solidarietà e di belle speranze… Ma non è giornata…
    E’ venerd’, domani niente scuola e quindi ci sarà tempo per fare cose. Proseguo con la richiesta di aiuto e appiccico il commento che appiccicherò fino a che… Vabbè, spiego sotto…

    Ciao!!!!
    Appiccicherò questo messaggio come commento a tutti i tuoi post fino a quando non accadrà che
    a- ti accorgerai di lui
    b- avrai tempo e voglia di rispondere…
    Oggi mi è venuta voglia di fare una crostata con la marmellata di mirtilli. Il problema è che… ho rimesso le mani in pasta (dopo vent’anni di stop) solo dopo essere arrivata alla corte di Iaia e per il momento le cose mi riescono solo se seguo te o giallo zafferano… Mi aiuti?? Per favore….
    Manola
    PS: ho passato la tua ricetta della cioccolata a una mamma con figlio allergico al latte e hai fatto felice un pargoletto…

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi