La cheesecake al Tè Matcha per la mia Elisa con tre L

Must Try

Cheesecake Cioccolato e Marshmallow

Per caso te ne sei accorto che non ho mantenuto la promessa di dedicarmi anima (venduta in saldo) e corpo (nessuno lo avrebbe comprato...

Cheesecake di riso con yogurt e mele

Ingredienti per 8 persone circa 1 litro di acqua 1 bacca di vaniglia 100 grammi...

Ma un’altra Cheesecake la facciamo?

Per la base: 130 grammi di burro, 240 grammi di farina, 30 grammi di zucchero, 2 tuorli e un cucchiaio generoso di formaggio spalmabile. Per...

Schwarzwälder Kirschtorte ? No, tipo una Cheesecake Foresta Nera

Non è propriamente la Foresta Nera. Che tutti i Tedeschi (zia Luci Amore mio!) mi perdonino per questa rivisitazione cheesecakkeccara (si dice così suppongo. Ho pochi dubbi a riguardo). Schwarzwälder Kirschtorte o semplicemente Schwarzwald è una bomba meravigliosa di pan di spagna al cioccolato con tante ciliegie, panna montata come fosse un vulcano innevato e zampilli di ciliegie. La mia Etna catapultata a Monaco, insomma. Questa cheesecake non ha proprio niente della vera e unica Foresta Nera ma la ricorda parecchio proprio per gli ingredienti principali che la compongono. Per una sicula come me Foresta Nera è completamente un altro dolce; anzi rettifico: per una catanese come me perché sicuramente non in tutto il triangolo della Trinacria, come spesso accade, sarà conosciuta così. Ricordo che piaceva moltissimo a papà e mamma e che la mangiavano praticamente ogni Domenica.
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Elisa è una fotografia in bianco e nero. Di quelle sospese ed eteree in uno sfondo bianco. Elisa rapisce nani e ride davanti all’obiettivo per me sotto un lenzuolo bianco. Regala nani la mia Elisa con tre elle. Di quelli piccoli portatili da tenere nel terrazzo o in borsa quando mi sento sola e ho paura. E guanti di hello kitty quando ho freddo. Beve tè matcha Elisa e ci accomuna questa insana passione di elaborare biscotti complicati verdi mentre facciamo al telefono torte di mele il sabato pomeriggio. Siamo continuamente assillate da una biondina io e Elisa; la stessa che si ostina a volerci bene mentre noi sogniamo di liberarcene e rimetterla al suo posto che è il cielo. Perché è una stella.

Non ho mai abbracciato Elisa ma accadrà presto e per lei ho confezionato delle piccole tortine sotto forma di cheesecake al tè matcha. Accendendo una candela e soffiando. Sperando che attraverso questa nuvola di vento giungesse tutto l’amore e la stima profonda che provo per lei.

Auguri Elisa con tre elle. Grazie di essere nella mia vita.

La ricetta della cheesecake al tè matcha sicuramente sarà stata fatta in ogni angolo del web ma io ho adoperato la base di una torta al formaggio classica americana aggiungendo e togliendo. Andando a sensazione e improvvisando. Guidata dallo spirito Matcha.  Si sa che non consiglio mai le mie follie culinarie ma semmai ve lo stesse chiedendo : sì. Sono sopravvissuti tutti ed è stata trascritta nel sacro Libro di Bodrum a dimostrazione che vale davvero la pena provarla (nuovamente).

E’ facilissima da realizzare e l’idea dei pirottini monoporzione è graziosa e comoda. Avevo già adoperato la soluzione classica da cupcake per queste elaborazioni formaggiose, ed esattamente ad Halloween di due anni fa con monoporzioni di cheesecake alla zucca.

Trovo conferma, insomma,  che sì. Metodo assolutamente confermato. Se non si ha quindi la teglia a cerniera il cheesecake lo si può fare tranquillamente così. E son cose belle, insomma. Mai quanto il sorriso di Elisa ma tant’è.

La Ricetta

 

Le porzioni sono per 6 mini cheesecake abbondanti: 120 grammi di biscotti secchi comuni, 30 grammi di matcha ( ma ne bastano anche 15-20 ma per Elisa dovevo esagerare eccome! Ahem forse ne ho adoperati di più addirittura*fischiettando*), 40 grammi di burro leggermente salato fuso, 200 grammi di formaggio spalmabile, 80 grammi di zucchero grezzo di canna,  uovo, 1 cucchiaio di panna.

Metti i biscotti in un sacchetto e con l’aiuto di un matterello colpiscili e riducili in polvere. aggiungi 20 grammi di Matcha se usi la mia dose esagerata e scuoti per bene in modo che la polvere di biscotti si unisca al tè. Riponi la polvere ottenuta in una ciotola e fai colare sopra il burro fuso ( forse potresti averne bisogno di un po’ di più. dipende dalla secchezza e consistenza del biscotto che usi). Dovrai ottenere una sorta di impasto ben appiccicosiccio. Quando avrai compattato per bene la polvere di biscotto e tè insieme al burro suddividi in parti uguali questo composto nei vari pirottini. Sarà la base dei tuoi adorabili cheesecake monoporzione.

Nel frattempo in una ciotola pù grande metti il formaggio spalmabile, l’uovo, lo zucchero e il tè matcha rimanente. Aggiungi un cucchiaio di panna generoso e con l’aiuto di uno sbattitore elettrico rendi il composto cremoso anche se piuttosto liquido ( non preoccupartene. Ahem se è troppo liquido preoccupati però eh. In quel caso aggiungi un altro po’ di formaggio spalmabile. Potrebbe dipendere dalla grandezza dell’uovo che se troppo piccolo non riuscirà a rendere il composto leggermente più compatto).

Versa per bene nei pirottini sopra la base dei biscotti e inforna per 20 minuti, massimo 25 ad una temperatura preriscaldata di 160. Questi tortini formaggiosi saranno dopo la cottura visibilmente mollicci. Si devono lasciare raffreddare assolutamente. E dopo essersi lasciati raffreddare occorre che riposino almeno un’oretta in frigo prima di essere serviti. L’idea di accompagnarli con un ciuffetto di panna fresca appena montata potrebbe essere giusto un idea ma credo che la scelta giusta sia un buonissimo tè matcha.

E se avete la fortuna di avere un’amica speciale come Eli tutto risulterà migliore. La vita in genere, diciamo.

Forse potrebbe interessarti leggere...

77 COMMENTS

    • batti il 5 :)))))) …anche se luci non c’è per i problemi di wordpress me lo sento :((((((( Luci se ci stai leggendo apriti almeno l’account twitter per sicurezza!!!!!!!!ti prego, che se sta cosa di wordpress è definitiva , come faremo??????????

    • sì ma è tutto fatto di fretta e manca il disegno.
      ero convinta che fosse domani e volevo scriverlo con calma stasera.
      poi ho letto tusaidove.
      e mi sono fiondata a ticchettare sistemare .
      e.
      e santo cielo perdonami.
      sono una franaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

      *_*
      e mi organizzo da settimane eh.
      ma sempre in ritardo.

            • polpacci?
              hai visto che i polpacci flosci lo sapevo.
              e comunque io rido pensando a bestiabionda sul motorino con il giubbino catarifrangennnnte.
              penserò solo a questo.
              ci scriverò un libro.
              e tu farai le foto *_*
              e lei farà la modella.
              e poi faremo le pazienti in un ospedale occhei?!*_*

            • i miei polpacci. io li odio.
              comunque sì. sì. bestiabionda con casco di mashmellouuuv.
              per farci ricoverare c’è tempo. dobbiamo prima fare dolci verdi e pure salati verdi. e poi viaggiare e chiacchierare. c’è tempo. quando avremo trent’anni forse. manca ancora tanto mh?

    • ti amo Elllisa con 12 l.
      perchè sono 12.
      non ho il tempo che vorrei per dimostrartelo ma.
      ti amo davvero

      e comunque è colpa di bestiabionda.
      è la mia manager e segretaria e memoria.
      e cosa fa?
      non mi avverte.
      un sms.
      niente di niente.
      mi ha detto solo ” eh ? che vuoi? ”

      ti rendi conto?
      *_*
      io l’ammazzo ma non oggi.
      mi serve viva.

      domani però l’ammazzo.

      non puoi piangere *_*

  1. ellllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllisa
    tanti augulllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllli 🙂

  2. “questa insana passione di elaborare biscotti complicati verdi ”
    Suvvia, sono verdi ma non mordono.
    Elllisa con 3 elle è un bel nome e chissà perché non è nato subito così .

    • Evvaiiiiiiiiiiiiiiiii
      e uno
      e due
      e tre
      e parte il coro

      Tanti auguriiiiiiiiiiiiiiiiiiiii
      a teeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee
      tanti auguri
      a teeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee
      tanti auguri Elisaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa
      contrellllleeeeeeeeeeeee
      tanti auguri a teeeeeeeeeeeeeeeeeeeee

      • tanti auguri a teeeeeeeeeee tanti auguri a teeeeeeeeeeeeeeeeeee (ma non ti ricorda niente sta canzoncina… 😛 ) tanti auguri a Elisaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa….tanti auguri a teeeeeeee champagne tricchebballacche e lancio di seadas FRITTE col miele di castagnooooo :*

  3. CAZZUCAZZU mi sono scordato la cosa più importante

    AUGURIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII ELLLLLLLLLLLLLLLLLLLLISA con 284783758482 elle che sennò è elllole…. 😉 enonsocomecazzosifannoiquoriqui…comunque pioggiadiquoricollaquperchéoggimigiracosì

    • amore *_* che poi sono uguali a 200 cupcake ma senza cioccolato e panna perché mi sono resa conto che non sono chheesseecakecupcake ma proprio chhheesecake innnondate di cioccolato fondente *_*
      e orabaciamisubito *possiamo pure danzare?
      *_*

  4. COMUNICAZIONE DI SERVIZIO
    SISSA E’ VIVA E LOTTA INSIEME A NOI!!!! 😀 😀 😀 😀 😀

    Deve stare questa notte ricoverata per accertamenti ma sta bene, vi saluta commossa per l’attenzione ricevuta.

  5. Mi sono commossa.
    Ma uffa mi trattate male e io mi commuovo ugualmente.
    Ma che storia è u.u

    E comunque io vi voglio volervi bene pessempre.
    E no. Non vi libbberererererete mai dimmè *_____________*

    non è meraviglioso?

    Auguri gnomettaaaaaaa <3

  6. Carissima Elli… mi scuso per il ritardo, ma ho avuto qualche problemino con il malefico wordpress… TANTI AUGURI di cuore, per tutto! Un abbraccio

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Gelato al burro d’arachidi salato

Il gelato viene sempre prima di tutto. È la cosa che mi piace di più in assoluto. Sempre e per sempre. Questo al burro d'arachidi non credevo potesse essere così buono.

Colazione dolce o salata?

Colazione dolce o salata? Un po' come essere o non essere? Che sia dolce o salata la colazione è necessaria per la tua salute.

Il terzo numero di Mag-azine

Il terzo numero di Mag-azine è dedicato ai profumi di Sicilia. Un'isola incredibile che non smette mai di farti sognare.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

10 Primi piatti siciliani che non puoi perderti

La pasta alla norma e quella col macco. Il riso con l'ennese che profuma di zafferano e l'immancabile pasta al pistacchio senza dimenticare "a muddica". Scopri i dieci primi piatti irrinunciabili che non puoi perderti se sei in Sicilia.

More recipes like this