Chutney al Mango

Must Try

La frolla con i fiori

I fiori si possono ammirare, coltivare, regalare e mangiare. Sì, esistono dei fiori eduli perfetti per zuppe, insalate e dolci sorprendenti.

Il poolish

Il poolish, altrimenti detto biga liquida, serve per consumare pochi grammi di lievito di birra. Un altro modo per consumare meno lievito e ottenere dei...

Torta al cioccolato vegana (la più buona since 2012!)

Era il 2012 quando per la prima volta pubblicavo questa ricetta sul Blog. Ne rimane traccia però solo un vecchio post che non ricordavo....

Organizziamo i pasti per vivere sereni, felici e in salute, soprattutto

Ehhhhh. Sono tornata! E lo dico con voce da Freddy Krueger quando tutti credevano fosse finito a pezzetti nella fornace e invece. Con la...
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

[youtube=http://youtu.be/plxLLa9XkEI]

Mango mi fa venire in mente, oltre il cantante che ulula intendo, La Boqueria di Barcellona e quella granita buonissima fresca servita con pezzi di frutta senza conservanti. Fatta proprio lì davanti ai tuoi occhi sbirluccicosi che catturano meraviglie. Sa di fresco, vacanza, spensieratezza e sogni. E’ un frutto che ti porta lontano con la fantasia. Le nuvole diventano automobili che ti fanno schizzare verso l’autostrada delle stelle. La luna un autogrill solitario lampeggiante piena di caramelle a forma di pianeti. La chioma dell’albero di mango così larga e possente e sempreverde mi ricorda un paesaggio solitario. Puoi nasconderti giù, dopo essere stato avvolto e protetto e cominciare a leggere un libro. Magari il tuo preferito. Esistono delle coltivazioni di mango anche in Italia e proprio qui poco distante da Catania a Fiumefreddo di Sicilia oppure ad Alcamo pare che ce ne siano diverse. La polpa ha sempre un gusto diverso. Quando è compatta e acerba fa storcere il naso come mi accade con l’avocado, mentre quando è matura diventa zuccherosa, profumata e gustosa; ma a me piace tutto quello è che è più acerbo, immaturo e “giovane”. Non apprezzo la decadenza, il mollume e la maturità; forse perché io stesso non riesco a esserlo. Matura, intendo. E’ quella fase di transizione dal verde orrendo all’esplosione di sapore dove sto. Ferma. Immobile. In quel punto preciso quasi di equilibrio. Mamma, papà e il nippo quando mi vedono mangiare l’ananas ancora verde, pungente e per loro gusto “orrendo e duro” strizzano gli occhi e dicono “mamma mia “. E io lì.

Anche se ultimamente non posso mangiarlo. Perché un’antipatica allergia all’ananas ha dato il colpo di grazia a una situazione già compromessa; l’ananas infatti è uno dei miei frutti preferiti ma ultimamente mi provoca un fastidio inaudito. E’ come se mi gonfiasse l’ugola e non riuscissi a respirare. A volte mi vengono delle palline enormi in viso e come accadeva con la pesca oltre a rischiare il soffocamento mi si forma un gonfiore alle labbra; nonostante questo continuo a mangiarlo sperando che possa passare. E invece peggiora.

Peggiora e quindi alterno con il mango; che non amo quanto l’ananas ma che può essere annoverato a buon diritto tra i preferiti. Il mango è buono così. Con la salsa di soia (provato mai? se no: fallo. E’ pazzesco). Con sale e limone (proprio come l’ananas). Se mangi la carne è buono con la carne. Se mangi il pesce è buono con il pesce. Se mangi il formaggio è ottimo pure con quello. Il mango è così eclettico ed esuberante che passa dal dolce al salato senza problema alcuno. In più ha l’enorme capacità di saziare, contenere vitamina C da far paura e rendere la tua salute al top. Il mango come la papaya ha delle proprietà perfette, tra l’altro, per noi donne. In diverse età e contesti è un amico fidato per la linea, la pelle e l’umore.

Mango sempre, insomma. Ultimamente faccio granite di mango semplicemente mettendo in freezer pezzetti già tagliati a dadini da frullare con latte di miglio, soia a o riso. E’ chiaro che chiunque può fare lo stesso con il latte o lo yogurt. Vengon fuori delle granite-gelato così buone da farmi stare male per la gioia. Il periodo primaverile-estivo poi per me significa solo: granita-gelato. Certo quest’anno sarà “dura” perché mentre lo scorso anno qualcosa che conteneva il latte qualche volta l’assaggiavo anche se in quantità minime per tentare di sfidare l’intolleranza, già da diversi mesi si è passati alla scelta “total vegan” in quanto mancava solo “il latte”, diciamolo. I formaggi sono da venti anni che non vengono mangiati. Le uova ho perso il conto. Carne e pesce idem. Insomma anche quel microgrammo di latte dello scorso anno nel gelato: è andato. E sono felice così. Sto meglio così. Era chiaro che fosse questa la mia direzione: nessun derivato animale neanche da lontano. Neanche un microgrammo. Questo significa dover rinunciare al Gianduja di Fiorio. Ad assaggiare lo Yogurt di Fiorio. A non poter mangiare più la nocciola da Marchetti. A non dover mai più assaggiare il Muller alla ciliegia ma francamente, ribadisco, era chiaro che stessi virando verso una scelta decisa. Questo non significa che mi definisca vegana. Ho appena scelto due divani in pelle per il salotto. Da una parte sento la voce: sei una schifezza immonda, ragazza. Dall’altra parte so che è un percorso troppo complesso distante dalla mia vita, dalle mie abitudine, dalla mia psiche, da. Massima comprensione e stima per chi vota la sua vita (perché è un voto a tutti gli effetti) al veganesimo e quindi alla ricerca di uno stile primordiale “anormale”, complesso e bistrattato. Rimango quell’antipatica figlia unica viziata collezionatrice di borse che è molto più attenta però rispetto agli anni passati. Le migliorie, le attenzioni e i cambiamenti non possono che far bene. Confesso che nella mia mente vi è sempre stato il desiderio di non nutrirmi neanche di una microparticella animale o  derivata. Sono sempre stata “frenata” dopo il dimagrimento da papà, mamma e il nippo. La situazione alimentare è più sotto controllo (per quanto possa esserlo) e io “un po’ più equilibrata” e francamente non potevo più andare avanti così. In un limbo. Senza.

Adesso sono. E ne sono felice. Sempre nel rispetto delle persone che mi amano, si preoccupano e vivono e vivranno con me non ne farò mai una scelta strettamente etica. In questo blog ci saranno piatti “normali” con derivati animali proprio come nella mia vita. Mio figlio che avrà la sfortuna di dover sopportare tutto questo fino all’età della coscienza e comprensione sarà all’oscuro, sperando di non influenzarlo nelle sue scelte estremamente personali.

Per dire che. Mango. Mango tutta la vita. Anche con il tofu. Tofu, mango e salsa di soia. Voglio morire così.

Felice.

Altre Ricette con il Mango?

Forse potrebbe interessarti leggere...

17 COMMENTS

  1. mi piace il mango…mi piace il suo profumo…il suo colore..lo adoro nello yogurt.
    Però non c’ho mai preparato nulla…uhhmmmm…devo rimediare! Però contrariamente a te lo preferisco maturo 😛
    uh mamma…allergia all’ananas???????? nuuuuuuuuuuuu 🙁
    Per quanto riguarda la tua scelta invece…beh è una tua scelta appunto. Il fatto di non mangiare nulla di provenienza animale però non significa che sei cattiva perchè hai divani e borse di pelle! quello è un concetto diverso…più complesso mi sa. la scelta alimentare non deve per forza essere accompagnata da altro. l’importante è che quel che mangi non ti fa star male. Certo..se andiamo a cena insieme fuori il locale lo scelgi tu però..però sei quella che ha più richieste da fare 😀

  2. “E’ come se mi gonfiasse l’ugola e non riuscissi a respirare. A volte mi vengono delle palline enormi in viso e come accadeva con la pesca oltre a rischiare il soffocamento mi si forma un gonfiore alle labbra”…ecco, è quello che succede a me con (quasi) tutta la frutta. Argh. Abbracciamoci <3
    E anche io continuo a mangiarne pocapoca sperando che passi. 🙂
    La Bouqueria di Barcellona:AMO.

  3. avrebbe tutto per essere bello, quella emme iniziale, il rimbalzo con la an, la dolcezza del go finale.Eppure…forse proprio a causa del cantante, il nome mango non mi piace.E mi dispiace tantissimo

  4. ma lo sai che sei proprio brava bella e buona?
    complimenti davvero, ti seguo da poco ma leggendo e rileggendo i tuoi post ho avuto la possibilità di trovare quello spirito giusto che serve per affrontare la vita, anche nei momenti più duri!grazie cara!

    • poi a fine anno facciamo le premiazioni vero? miglior voceprotagonista. miglior comparsa conigliosa nonprotagonistamaimprescindibile. nano d’oro per la regia.
      (non lo so perché mi è venuta in mente una cosa simile. sarà l’euforia post video. nel senso di dopo il video. ma anche di combo video post. anche se il post mi ha più che altro fatto il doppio nodo alla gola. però faccio la brava e la smetto qui va bene?)

  5. Per quanto riguarda la follia di continuare a mangiare qualcosa che ti dà l’asma. PIANTALA.
    Sai cosa dice mio cane di tuo ananas? Ci piscia sopra!!! Anzi, come dice kuroko, chiama tutti amici cani per pisciaparty!!!! Vuoi andare a ospitale? Butta via ananas e mangia mango!

  6. Ragazza, ti adoro! video, post e testo sono sempre meravigliosi da te, Grazie per tutti i consigli e le risate che ci fai fare;) posso provare a ricambiare un minimo? ho una ricettina degli gnocchi in crema di carciofi in un’abbinata tutta primaverile:) Buonweekend passa se ti ho un poco incuriosito:)
    besos

  7. […] I chutney sono delle delizie perfette da gustare sotto le feste, ma soprattutto barattolini preziosi da regalare. Qui ne trovi uno con litchi, papaya e avocado, mentre qui uno con yogurt e menta perfetto per il salmone. Uno che ti sorprenderà ipocalorico e perfetto anche per i formaggi firmato Nigella lo trovi qui. Cipolla e menta che ti stupirà per gli arrosti. Quello che riscuote sempre tantissimo successo alle pere e cipolle senza dimenticare l’idillio al mango. […]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Gelato al burro d’arachidi salato

Il gelato viene sempre prima di tutto. È la cosa che mi piace di più in assoluto. Sempre e per sempre. Questo al burro d'arachidi non credevo potesse essere così buono.

Colazione dolce o salata?

Colazione dolce o salata? Un po' come essere o non essere? Che sia dolce o salata la colazione è necessaria per la tua salute.

Il terzo numero di Mag-azine

Il terzo numero di Mag-azine è dedicato ai profumi di Sicilia. Un'isola incredibile che non smette mai di farti sognare.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

10 Primi piatti siciliani che non puoi perderti

La pasta alla norma e quella col macco. Il riso con l'ennese che profuma di zafferano e l'immancabile pasta al pistacchio senza dimenticare "a muddica". Scopri i dieci primi piatti irrinunciabili che non puoi perderti se sei in Sicilia.

More recipes like this