Tediosi Riassunti e minacce di imminenti ritorni

Essendo ancora in viaggio e non trovando connessioni  stabili ma perseverando nel voler tediare ugualmente l’universo intero con le mie sciocchezze cosa mi sono inventata? Un piccolo riassunto visivo con i link delle ricette che sono state preparate qui  al Gikitchen. E’ la volta delle ricette correlate al Cinema in genere e alle amate animazioni. Una bieca scusa per raccogliere ulteriormente bacetti, insomma. Non si dica che io non sia fubbba con almeno tre b.

Colgo l’occasione per trenta secondi di serietà assoluta. Ringrazio spesso anche se non è mai abbastanza,  ma tutte le dimostrazioni di amore, affetto e amicizia ricevute in questi giorni mi hanno letteralmente lasciata senza parole. E non produrre amenità verbali corrisponde a un vero e proprio miracolo.

Per chi non avesse Instagram  e non volesse perdersi, per masochismo o inspiegabili ragioni, alcuni dei miei upload tramite iphone può sempre rovinarsi la giornata cliccando qui >>> . Tanto manca veramente poco e potrò rovinarvele davvero per bene. Questo dodici per cento non basta, me ne rendo conto.

QUESTO POST È STATO PUBBLICATO IL: 

15 COMMENTS

    • Ora che ho assolto alla consuetudine, posso nell’ordine:
      – abbracciarti
      – abbracciare il nippotorinese
      – darti il bentornata
      – dirti che mi sei mancata tantissimissimissimissimissimo
      – e ora vado a leggere

  1. Visto che oggi ho un maglione caldo caldo fatto a mano da una zia…bhè…ne approfitto e ti mando abbracci morbidosimorbidosi accompagnati da bacetti a gò-gò (quanto mi piace “a gò-go”!!!!)
    :*

  2. Ahahah…che bello il tuo mondo fumettoso!!! Mi mancava….specie da amante del cinema quale sono, questo è proprio un bel tributo!!!

  3. Ero sicurissima che non ci avresti abbandonato a lungo 🙂
    Ti lascio un bacetto anche qui, anzi, facciamo che te ne lascio 541861754124555653421564 e pure un abbraccio!
    Come stai???

  4. Abbracci in agrodolce pevvoi.

    Dolce perché gli abbracci scaldano sempre, a prescindere dal motivo.
    Agro perché, nonostante gli abbracci, a volte il motivo lascia comunque un retrogusto spiacevole.

  5. Pioggia di cuori. È un altro film, lo sto girando. La protagonista è una col vestito fuschia e gli orecchini pulcino che ti aspetta solo la pioggia (di acqua e di cuori). Cheppoi è tratto da una storia vera e dura poco, giusto il tempo di una granita. Ti voglio bene :*

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Seguimi anche su Runlovers

Tutte le settimane mi trovi con una ricetta nuova dedicata a chi fa sport

MUST TRY