Tartufi al cioccolato e Matcha

Must Try

La Panna Cotta al tè matcha

Un dolce gustoso, facile e fresco caratterizzato dall'inconfondibile sapore del tè matcha. Perfetto per un dopo pasto ma anche per accompagnare un tè nero fumante caldo e avvolgente.

Semi di papavero e glassa di limone

Una delle preparazioni più buone mai preparate. Mi è sempre piaciuto moltissimo questo accostamento, quello dei limoni con i semi di papavero. Diversi dolci pasquali polacchi e dell’Est Europa hanno proprio i semi di papavero; anche il cozonac, per esempio, ha diverse volte il ripieno di semi di papavero. Il risultato -ma con una ricetta di Ottolenghi è facile- è sorprendente. Molto profumata, leggera e gustosa.

Tiramisù fragole e basilico e un dolce speciale

Un tiramisù molto profumato e fresco. Stupisce per leggerezza e freschezza questo dolce al cucchiaio di cui tutti sono ghiotti.

A brioscia co zuccuru – La brioche catanese più famosa!

La differenza tra la brioscia co zuccuru e quella col tuppo. È importante e non da sottovalutare.
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Pastiglie Leone annuncia che da settembre alcune confezioni saranno dei veri e propri cupcake. Apprendo la notizia con l’appppplomb che mi contraddistingue  e comincio a vaneggiare circa l’uso dei contenitori una volta ingurgitato il contenuto ( quindi cosa farne esattamente dopo tre secondi netti). Bramo di infilarci dentro la pasta (anche due rigatoni per volta eh). Fantastico su un fantomatico uso “bento” dove infilarci polpette. Mi convinco addirittura di poterle usare come trousse, porta sale, porta blush e pure come infradito per il mare (nel remoto caso in cui mi convertissi all’infrandito intendo). Insomma. Tutto. Con questi adorabilibellissimicontenitori io potrò farci di tutto. 

Mentre mi crogiolavo in questo amletico interrogativo “infradito sì- infrandito no” e ” posso usarli anche come portapenne e portaspazzolino”  fissando la confezione cupcakoso (?) mi sono resa conto di una grandissima verità. La parte superiore del cupcake altro non è che un cappello di nano da giardino. E confesso che da lì la mia vita è cambiata ancora una volta; Cupcakeland e Garden Gnome hanno avuto ancora più senso di esistere. Incredibile come le Pastiglie Leone e Torino siano pillone di saggezza e portatrici di verità. Incredibile come la città Magica stia diventando il fulcro di tutte le visioni, accadimenti e il futuro che sarà.

Incredibile anche come ancora il 118 non sia venuto a prendermi ma questa è un’altra storia. Che poi fare i tartufi è davvero una stupidata apocalittica e allora perché non li faccio più spesso? Sono un po’ come il fudge. Ci impieghi pochissimo. Occorrono pochi ingredienti che generalmente non si fa fatica a trovare in dispensa e soprattutto sono adorabili e piccoli e fanno emettere gridolini ( ini ini ini. sono esauritaaiuto).

Per dire che i tartufini forse come il fudge non sono poi così estivi ma per una serie di ragioni che mi piace ripetere al fine di lamentarmi sottolineando quanto io sia esaurita, stanca, blablablabla eccomi con. I tartufini, giustappunto. Perché le foto. I progetti. Mi servivano. Noiosa. SONO NOIOSA, lo so.

Questi tartufini cioccolatosi in realtà non dovevano essere arrotolati nel tè matcha. La ricetta è quella di Donna Hay e suppongo di tutto l’universo in quanto per fare questi adorabili cosetti cioccolatosi non  è che ci possano essere variazioni così incredibili o segreti inconfessabili. L’idea di arrotolarli nel matcha era giusto per farsi volere bene da Elllisa con tre L prima di tutto e poi perché di questo oro verde qui non se ne ha mai abbastanza.

Eufemismo perché ultimamente ne ho fin troppo e abbastanza a dirla tutta. Dovrò metterlo al posto della lavanda  dopo averlo infilato nei classici sacchetti di stoffa con tanto di nastrino, ideali per profumare il bucato. Ho il trauma del matcha e poco tempo per parlarne con uno bravo psichiatra. Prima avevo problemi a reperirlo. L’angoscia mi ha destabilizzato a tal punto di comprarne quantità vergognose capaci da fare impallidire una geisha a pieno ritmo durante la cerimonia del tè. Tè freddo -budini-panne cotte- e ingredienti principale per aromatizzare la pasta, il riso e il pollo e le carni e sì pure il pesce. Quattro tir inutilizzati stracolmi di matcha giacciono lì e allora qualsiasi cosa faccia mi dico: “e ci metto un po’ di tè matcha?” . Il Nippotorinese gradisce tranne quando lo dico in riferimento al caffè e all’anguria. Fermo restando che sì:  Ho provato il tè matcha con l’anguria da brava psicolabile e posso dire con assoluta certezza che sì è una schifezza ma chisenefrega. C’è gente che cucina pasta al kiwi (io) e quindi potrà pure assaggiare anguria e matcha no? Un ragionamento ineccepibile in questa giornata indefinibile tra polveri di muratori e musica gitana a tutto volume. Qualcuno infatti nel raggio di otto chilometri mantiene un volume considerevole su una collezione mp3 della durata di otto settimane e quattordici giorni. Una raccolta entusiasmante . Chitarrista; leggi uno psicopatico che strimpella motivi gitani che ti fanno venire voglia di gridare olè. Ma solo per i primi minuti eh; quando la passione iberica (esiste?) si impossessa di te e il ritmo caliente del sangue pulsa irrefrenabile. Perché trascori quei primi minuti quantificabili in 2 minuti nella massima tacca di sopportazione, ti viene solo voglia di uscire con una motosega e uccidere il vicinato.

Tra musiche gitane, polveri di muratori e decisioni importanti cerco disperatamente di capire cosa esattamente io stia ticchettando ( anche perché quel rettangolo dotato di touch con le icone non smette di suonare).

Ma tornando ai tartufini  diciamo che rimangono davvero un’idea velocissima per smistare cioccolato fondente o tè matcha come nel mio caso;

dolcetti prelibati freddi di frigo da offrire come pillole del buon umore quando questa paranoia da caldo si impossessa di noi.

Fortuna che verrà allietata dall’inizio dei saldi: YUPPIDUUUUUUUUUUUUU!!!!!!!!!!!

Naturalmente è un evento che a me non tocca per nulla. Non sono mica una di quelle che pur di accaparrarsi una borsa fa diligentemente la fila, spara ai piedi con un fucile a piombini alla signora che ha appena osato guardato l’oggetto del desiderio, tzè. Non sono mica una che.

Vabbè sì. Sono una di quelle e ho fretta. Tanta fretta. Devo ricaricare la pistola-spara-piombini, mettere le scarpe con gli speroni e preparare microbombeditèmatchalacrimogene per allontanare le donzelle che oseranno avvicinarsi alle MIE borse. SONO TUTTE MIE INTESI? 

Che sia un week end tranquillo e rilassante. Per me suppongo l’esatto contrario. Ma per essere una femmina materialista e stupida occorre dedizione e impegno e giuro su quanto è vero che la chiusura della Birkin è scomoda  che io sono disposta a tutto pur di dimostrare tutta la mia idiozia.

La Ricetta

Ingredienti: 1 cucchiaino di acqua bollente, 400 grammi di cioccolato fondente, 160 ml di panna, cacao per spolverare e tè matcha.

Mescola in un pentolino a fuoco basso il cioccolato e la panna finché il composto è liscio e tutto ben amalgamato. Fodera un recipiente con della carta da forno e versa il composto. Quando è freddo per non urtare la sensibilità della temperatura del frigo mettilo dentro per almeno 4 ore finché non si rassoda. Tira fuori dal frigo e lascia ammorbidire un po’ il composto. Con le mani leggermente inumidite raccogli delle palline o tocchetti e forma delle palline. Queste ricoprile facendole rotolare su di un letto di cacao amaro se ti piace e poi spolvera con il tè matcha. Puoi farle rotolare anche in granella di nocciole o cioccolato. Qualsiasi cosa ti piace di più. Se non hai il te matcha non disperare mica perché anche senza saranno gustoso, appetitoso e apprezzati questi adorabili tartufini che appartengono alla tradizione dolciaria Piemontese, guarda un po’.

 

 

 

 

 

Forse potrebbe interessarti leggere...

49 COMMENTS

  1. La pasta col kiwi mi terrorizza, non so se per la sua verdosità o che ma giuro, tevjobeneassaje, ma la pasta col kiwi noooo…pasta col kiwi e tè macha, da addestramento alla tortura!!!

  2. Oddio!!!! La confezione delle pastiglie Leone a forma di cupcakes?! So già che resterò senza, che qui non le troverò da nessuna parte… sigh! A proposito di vicini che sparano musica a palla, nel palazzo vicino – lo stesso nel quale c’è la signora di mezza età che stende i panni in mutande e non è un bello spettacolo… – si è trasferita famiglia con adolescente persa per quei gruppi che tanto piacciono ai ggggiovvani… spalanca la finestra, alza a tutto volume e canta pure! Goditi i saldi anche per me stellina, quest’anno devo starmene buona buona… per consolarmi, mentre voi girate per negozi, posso mangiare un po’ di queste delizie?! Buon weekend, ti voglio bene…

  3. e con “porta blush” mi hai fatto schaittare!Si vede che i tutorial hanno lasciato il loro segno :DDD

    I tartufozzi sono da mangiare a palate, lo so, magari con qualche fetta di anguria (SENZA) matcha per pulire la bocca (E sputacchiare semini in libertà)!
    Ora, la ricetta è facile, ma gustosissima… la vera domanda che mi affligge è:
    come diavolo sei riuscita a far stare in equilibrio il tartuffello sulla tazza???
    (come il nome rispecchia la realtà…maghetta mica per niente, eh!? )

    :*

  4. per la cattiveria da saldi….
    …stasera andrò per negozi con un machete tra i denti!
    La lista è:
    -comprarsi un nuovo pigiamino estivo
    -comprarsi un costume da sfoggiare quelle due volte che andrò al mare
    -comprare carta da origami ( ehhh, lo so… )
    -comprare uno stampino specifico per il tuo concorso sull’aipòd (c’ho un’idea fissa in testa e la devo realizzare 😉 )

    -con i soldi che restano accaparrarmi quante più borse-scarpe-gonne-magliette riesco!

    e il machete lo offre la casa!

    • Signori per chi non la conoscesse ( si metta in fila che lo picchio)
      lei è la mitica zebbbbbretta (regia: cuori, brasiliani con ananas in testa, samba, carnevalediriodubrasil e pistacchi e analcolici per tuttiiiiiiiiiiiiiiiii. E che i nani da giardino ballino la zumba!)

      – pigiamino estivo siiiiiiiii da oyshooooooooooo *_*
      – costume no perché non lo metto. Ma tuta di amianto sììììììììììììììììììììììììììì
      – origami ellapeppa li aggiungo alla lista hairagione
      – santapizzetta stampino *_* mamamamamamamamaamamamamamamamamamammamsìììììììììììììììì ( a forma di nano da giardino? ok la smetto uff)
      – BORSE ti prego BORSE non bastano mai. FALLE NERE ! ucccidile! acchiappa tutte leborsetipregoooooooooo ( sedami)

      e.
      e io per sicurezza ti preparo i tartufinipiombinidainfilareinborsabombecarteditematcha.
      non sono sicura solo con il machete.
      ci sono donne pericolose in giro ( e forse siamo noi)
      e cielo.
      abbracciamoci *_*

    • no non ci credo santocielo noncicredo *_*

      aspettacheguaddo
      ( e ho fatto uffa il video haul dei miei prodotti comprati lultimasettimana per farci due pianti insieme e. e niente non si uploda. ma comefannoleguru? COMEEEEEEEEEEEEEEE?!?!?!)

      incotinenza digitante.
      ne soffro in maniera violenta.
      e la amo.

    • ghghhghggh sisteruzz ( con accento romansiculo ) sapevo di inimicarmi la mia pistacchietta .
      mathoprovocatoemometemagno
      ( no vabbè ma dimmela qualcosa. LO VEDI COME STO?!)

      *_*
      sparamiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii
      ( e ti prego quell’avatar. METTILO a 450×450 che lo voglio vedeatuttoschemmo)

  5. uffa proprio quando mi metto allegramente a chiacchierare suonano al telefono .
    MA PERCHEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE
    SABATO NON e’ LAVORATIVOOOOOOOOOOOOOOOOO NEL MONDO NORMALEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE

    ah vero.
    io non abito in un mondo normale.
    chi è che mi viene a prendere ?
    TONNERO’ *disse distrutta

  6. Le cose da fare oggi per me:
    1) accendere un cero per quelle donne, commessecomprese
    2) continuare a domandarsi perché non mi hai messo the matcha nel pescespada
    3) rivelare che tu hai mangiato uva con la senape quindi anguria e the matcha manco è troppo male

    • non posso risponderti per bene perché sono al telefono.
      che io faccio telefonate importanti.
      mica come te che il sabato viaggi, ti diverti , mangi gelato e fai filmini a piccoli biondi bellissimi vestiti da puffi.
      e la storia dell’uva con la senape era segreta maledetta!
      aspetta che metto giu’ e dico a tutti .
      e dico a tutti che.
      santo cielo io non ho niente contro di te , PERCHE’?!

      • dobbiamo star qua a dirci ti amo e. farci cuoricini? sai che ti amo dai. e io la smorfia dell’uva con la senape ancora me la ricordo <3 maledettabestiatiamo

  7. sono reduce da una mattinata infernale.
    ho avuto la cattiva idea di uscire con mia mamma per saldi.
    non sono sopravvissuta ciao.

  8. la motosega è un po’ scomoda, fai attenzione. Intanto pesa e poi, se sbagli la miscela di olio e benzina si ingolfa e quindi, inveci di ammazzare il vicinato perdi un sacco di tempo per farla partire e ti intossichi. Provane una elettrica. Sì, c’è l’inconveniente del filo. Prendilo bello lungo. E magari munisciti anche di una sparachiodi. Sai che tonfo sulle chitarre gitane?

  9. Donne saldatrici, comprate anche per me. Io al massimo posso saldare con la fiamma ossidrica se qualcuno mi assume in qualità di muratore rumeno sotto mentite spoglie.
    Ah, Iaia: ogni volta che dici Torino, per me, dici me.

    • aaaaaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh noooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo ahahahahah noooooooooooooooooooooooooo

  10. tra commenti e post sono totalmente fuori. ho caldo, sto per dimenticare ogni buonanorma. voglio il video haul. dannazione è necessario. voglio il mango fritto. e se ti avanza il matcha spediscilo verso roma che io ancora non riesco a comprarlo. lo assaggiai in polvere su cioccolatino delizioso e lo bevvi pure. ma comprare la bustina formatodazucchero con il tè matcha e vedermi svenare il portafoglio..je ne puis pas encore. magari vado a fà una rapina.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Gelato al burro d’arachidi salato

Il gelato viene sempre prima di tutto. È la cosa che mi piace di più in assoluto. Sempre e per sempre. Questo al burro d'arachidi non credevo potesse essere così buono.

Colazione dolce o salata?

Colazione dolce o salata? Un po' come essere o non essere? Che sia dolce o salata la colazione è necessaria per la tua salute.

Il terzo numero di Mag-azine

Il terzo numero di Mag-azine è dedicato ai profumi di Sicilia. Un'isola incredibile che non smette mai di farti sognare.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

10 Primi piatti siciliani che non puoi perderti

La pasta alla norma e quella col macco. Il riso con l'ennese che profuma di zafferano e l'immancabile pasta al pistacchio senza dimenticare "a muddica". Scopri i dieci primi piatti irrinunciabili che non puoi perderti se sei in Sicilia.

More recipes like this