Un Timballo di Anelli Siciliani Vegetariano? Ma sì

Di queste specialità culinarie cotte nel forno ho sproloquiato all’infinito. Sarà perché ancora oggi mi crogiolo nel dubbio se davvero per fare il Timballo del Gattopardo (quello originale intendo come Tomasi di Lampedusa descrive) devo avere davvero il coraggio di metterci dentro la crema pasticcera. Che sia pasta o riso li immagino sempre, questi chicchi e formati, tutti abbracciati che si tengono ben saldi. Dentro quella sauna, che è il forno, e si giurano amore eterno diventando un tutt’uno con gli ingredienti. Senza razzismo. Che ci sia carne o pesce o anche semplicemente verdure riescono a legarsi. Senza litigare. E stanno su. Senza paura di cedere. Di crollare.

Io se dovessi rinascere come una ricetta vorrei proprio essere un timballo. Duro, unito e saldo ma morbido e gustoso dentro. Un eccesso e un altro. Che non deve essere per forza sempre fresco e brillante come la pasta ma può essere riscaldato e ancora e ancora. Che si adatta alle esigenze ma mai sfigura.

Che meraviglia è il Timballo?!

E d’estate più che l’insalata di pasta direi proprio di affidarsi a lui. Il perché è presto detto. L’insalata di pasta va servita rigorosamente fredda e l’opzione “calda” non è contemplata minimamente. Mentre il timballo, a differenza della pasta che prevede solo l’opzione calda (o appiccicata sul piatto per essere sbattuta sul muro e rimanere attaccata), può essere servito in entrambi i modi. Come temperatura e desiderio vogliono. Hai voglia di qualcosa di caldo anche se ci sono quaranta gradi? Timballo riscaldato. Hai voglia di qualcosa di freddo ma pur sempre una bella botta di carboidrati? Timballo freddo.

Con pesce? Con carne? Con verdura? Con niente? Solo con formaggio e salsa? Timballo! E pare sia di origine siciliana in quanto araba, nonostante sia presente anche nei ricettari, che risalgono al 700, della cucina napoletana. Naturalmente molto in voga negli ambienti aristocratici, come testimoniato dalla presenza anche nel capolavoro di Tomasi di Lampedusa in occasione del ballo, evento mondano anzichenò. Mentre a Napoli la versione con il riso (il sartù) spopola, qui in Trinacria non si rinuncia a quello tipicamente composto dagli anelli siciliani.

Sul blog ne ho fatte diverse versioni e a fine post cercherò di ricordarli tutti (leggi: dimenticarli tutti) facendo piccolo sunto timballoso.

La Ricetta

Questa volta ho adoperato degli spinaci soltanto. Non è un timballo vegan per la presenza dell’uovo e del formaggio. Doveva essere servito al mio papetto (che vorrei eliminasse la carne, lo confesso. Sarà per questo motivo che appena mi giro si fa un panino con il salame? Meglio così però, ecco), a Nanda e al Nippo e non me la sono sentita di aggiungere tofu grattugiato, intrugli di soia e. E tanto non l’avrei mangiato considerata la mia avversione per la pasta (jammbellsoloriso *disse con tono siculnapoletano). E’ di talmente ridicola preparazione che spiegarla rasenterebbe il ridicolo.

Lessa gli spinaci e aggiusta di sale. Cuoci la pasta in acqua salata (metà cottura o poco più). Fa che gli spinaci perdano tutta l’acqua (ne hanno sempre molta) e frullali con un mixer aggiungendo un gran bel pugno generoso di pinoli e perché no? scorza di limone grattugiata. Sì sì. Anche qualche goccia di succo se è per questo. Tra l’altro aumenterà leggermente la presenza del ferro. Raccogli pasta scolata e spinaci e versa un uovo. Dipende dalla quantità potrebbero occorrerne due. Un po’ di pecorino siciliano grattugiato o se preferisci parmigiano e gira che ti rigira. Versa nella teglia leggermente unta. Se usi il silicone non c’è bisogno e in forno a 200 per 40 minuti. Dipende sempre dalla pasta che hai adoperato. Controlla. Puoi naturalmente arricchire con tocchetti di prosciutto. E se in questo caso adoperi riso, spinaci e prosciutto otterrai un mega arancinocataneseenorme. Di quelli al forno con giustappunto questi ingredienti.

Libero sfogo alla fantasia, come sempre.

Gli altri Timballi? Eccoli!

QUESTO POST È STATO PUBBLICATO IL: 

19 COMMENTS

  1. bello.
    non so dire altro.
    noi siamo qui tutti attaccati, ci abbracciamo come gli anellini e rimaniamo uniti solo grazie a te, il nostro collante perfetto.

  2. Buongiorno!!! Non sono prima ma contenta lo stesso 🙂
    Questa ricettina è giusta giusta per mia sorella, indi la preparo a lei e poi ti dico!
    Adoro gli anellini. Il tuo timballo con le melanzane lo faccio e rifaccio spesso a casa, i miei uomini lo adorano, come anche quello di tortellini. Sallo ❤❤❤

  3. starei a guardarli. per ore. quegli anellini. il riso che quasi non si vede, diventa una texture traslucida. quello con i tortellini è un cuscino. e dentro ha tante camere che.

    insomma, visivamente fanno delirare. ma parecchio parecchio.

  4. Colonna sonora: prego, vuoi timballare con me. Grazie, preferisco di no. Non ballo il tango col caschèèèèèèèèèè perchèèèèèèèèèèèè….

  5. io adoro i timballi! ok, non quelli vegani..lo ammetto…ma vegli vegetariani siiiiiiiiiiiiii! il mio preferito è quello con le melanzane anche se ammetto di nona verlo mai fatto con gli anellini….devo provvedere subbbbbbbbbbbbbito!!! 😛

  6. Quello con le melanzane… è il timballo che farò non appena troverò gli anellini!!! In questi giorni sono un po’ di corsa, ma ci sono. E ti penso sempre tantissimo!!! <3

  7. Mi sembra ottimo! A Milano gli anellini non sono così di moda come in Trinacria, domani li cerco e vediamo un po’ cosa trovo…

  8. Adoro il Timballo, io sono di Roma e pasta a go go ma niente Timballo.
    Per gustarmelo però non devo fare altro che andare da una vicina Siciliana Doc che lo prepara squisitamente, sicuramente come fai tu!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Seguimi anche su Runlovers

Tutte le settimane mi trovi con una ricetta nuova dedicata a chi fa sport

MUST TRY