Vanille Kipferl. Oggi andiamo in Germania!

Must Try

Mochi al matcha e cioccolato

Questi mochi al matcha sono di una bontà incredibile e sarà difficile, una volta provati, farne a meno. Un dolcetto unico, facile da realizzare (vegan) e sano che ti farà fare sempre un gran figurone quando lo servi. 

La frolla con i fiori

I fiori si possono ammirare, coltivare, regalare e mangiare. Sì, esistono dei fiori eduli perfetti per zuppe, insalate e dolci sorprendenti.

(Japanese) Tulip Sandwich

Di rara bellezza spicca il Tulip Sandwich, che regala uno splendido tulipano all'apertura. Questo modo tagliare il sandwich è tipico giapponese anche nella versione salata.

Dalgona Coffee, la food obsession 2020

La food obsession del 2020? Il Dalgona coffee, il caffè coreano o cappuccino capovolto.
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

In tedesco Vanillekipferl, cornetto alla vaniglia, tipico biscotto natalizio diffuso in Germania, Austria e Alto Adige. Una frolla semplicissima con farina, burro e mandorle. Il tutto aromatizzato alla vaniglia. Alcuni utilizzano le nocciole al posto delle mandorle ma tradizione impone le seconde. Una volta ottenuti dei semplici bastoncini, si formano i cornetti e via. Una nevicata di zucchero a velo per un sapore antico che non si dimentica. I classici biscotti dei ricordi. Della Nonna. Dei momenti importanti e incancellabili che molte volte purtroppo non si possono vivere più se non attraverso l’immaginazione. Conservali in scatole di latta. Regalali. Infiocchettali. Prepara le dosi secche come si fa per la Torta/biscotti in barattolo (non sai cosa sia? Clicca qui) e datti al Do it yourself! (quanto mi piace dirlo con accento ammmeriggano manco fossi rimpatriata dopo trentatre anni a Nuovaiorc).

 

Ingredienti per una trentina di biscotti

(dipende chiaramente dalla grandezza)

  • 280 grammi di farina
  • 100 grammi di farina di mandorle
  • 200 grammi di burro
  • 80 grammi di zucchero a velo
  • 1 uovo
  • 1 pizzico di sale
  • estratto di vaniglia
  • zucchero a velo per finire

 

Mescola tutti gli ingredienti e impasta rapidamente ottenendo una pasta liscia. Metti l’impasto nella pellicola trasparente e lascia riposare in frigo. Preriscalda a 170. Prendi l’impasto e forma tanti rotolini e piegali a mezzalune. Metti su una teglia con carta forno e inforna per 15 minuti circa. Cospargi i biscotti ancora caldi con abbondante zucchero a velo.

Si conservano benissimo nelle scatole di latta.

 

Stavo qui a sistemare tutto il Pappamondo. Poi una telefonata di lavoro. Poi un’altra (lo so è incredibile crederlo ma a volte rispondo *segue risatina isterica*). Dovevo fare una bella illustrazione e invece uff. Ieri con la Drizzle Cake siamo andati in Inghilterra e oggi? Germania! Lo scorso anno per Natale abbiamo fatto ben 23 tappe. Tocca davvero fare un riepilogo ed è giusto quello che sarebbe dovuto comparire oggi. Ma non demordo! Piuttosto che accantonare l’idea e autocommiserarmi in un angolino mentre Koi mangia l’ennesima pallina dell’albero (non sono finite ma manca poco), mi rimbocco le maniche e agisco. Del resto mica devo dormire per forza! Posso pure recuperare la notte. Dico questo perché i voice over delle Videoricette natalizie saranno con molta probabilità registrate la notte mentre Koi russa e il Nippotorinese collassa tra i cuscini. Mi ha minacciato di azionare le videocamere e i rilevatori di passaggio ma riuscirò come una novella Eva Kant (e 234 chili in più) a eludere le fasce rosse invisibili (al primo salto mi rompo un’anca, vabbè). Avremo le videoricette natalizie (come se qualcuno le stesse aspettando con tanta preoccupazione. Fingiamo come sempre ok?)! Mi diverte moltissimo fare le VideoRicette. Pacioccare. Sporcare l’obiettivo. E adesso spostare le luci che ho comprato perché mi sono incaponita. Volevo proprio provare con le luci –cosa che non ho mai fatto- e mi sono detta: è proprio il momento sbagliato adesso! Proprio per questo bisogna farlo. E allora le sposto e finiscono sul piano cottura. Pina inciampa e finisce sullo spigolo dell’isola. Io mi attorciglio con i fili e cado come una salama da sugo per terra. Sono veramente bei momenti. Retroscena inquietanti che dovrebbero essere documentati per ribadire -oltre la mia inettudine- la mia totale svampitaggine.

Nella speranza che tu abbia il passaporto rinnovato e che sia pronto a partire anche quest’anno con me e i miei amici immaginari beh: Il Giro del Pappamondo comincia ufficialmente oggi! (e io corro subito a fare il riepilogo dopo aver spaccato il telefono ed essermi rinchiusa in un bunker. Bastapococheccevò?)

Curiosità

  • I piatti appartengono a un servizio acquistato su Amazon
  • Il carillon è di Tiger- collezione dello scorso anno
  • La tovaglietta è una tenda da bagno della zia Immacolata ricamata a mano
  • Il cucchiaino “finto” vintage è di Zara Home
  • La tazza è Ikea

Il mio Canale Youtube

Se ti fa piacere iscriviti al mio Canale Youtube perché tantissime Videoricette, idee, apparecchiature e tantissimo altro sono in arrivo. Ti va di passare il Natale con me?

Forse potrebbe interessarti leggere...

7 COMMENTS

  1. Te lo scrivevo un minuto fa nel post della Drizzle Cake… io sono pronta! (PS:questi biscottini meravigliosi li preparo ogni anno per la mia selezione natalizia!!!)

  2. ridomolto ma per favore non ve fate male *_____* manchi na cifra. e come pronunci vanille kipferl nessuno mai ❤️ (continuavo a leggere knipfel nuncelapossofà)

  3. Questi biscotti sono buonissimi e, sinceramente, non pensavo che prepararli fosse così facile!
    Credo proprio che proverò! 😉
    Buona serata.

Rispondi a gluci77 Cancel reply

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Gelato al burro d’arachidi salato

Il gelato viene sempre prima di tutto. È la cosa che mi piace di più in assoluto. Sempre e per sempre. Questo al burro d'arachidi non credevo potesse essere così buono.

Colazione dolce o salata?

Colazione dolce o salata? Un po' come essere o non essere? Che sia dolce o salata la colazione è necessaria per la tua salute.

Il terzo numero di Mag-azine

Il terzo numero di Mag-azine è dedicato ai profumi di Sicilia. Un'isola incredibile che non smette mai di farti sognare.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

10 Primi piatti siciliani che non puoi perderti

La pasta alla norma e quella col macco. Il riso con l'ennese che profuma di zafferano e l'immancabile pasta al pistacchio senza dimenticare "a muddica". Scopri i dieci primi piatti irrinunciabili che non puoi perderti se sei in Sicilia.

More recipes like this