Home / America  / Cheesecake chenonèunacheesecake con Chocolat Coulant

Cheesecake chenonèunacheesecake con Chocolat Coulant

E lo so. Ci era un po’ venuta la depressione con il brodino di pollo della cucina taoista. Nani da giardino kamikaze che al grido di “nooooooooo bastaaaaaaaaaaaaa” mi hanno devastato le aiuole e feroci rappresaglie di pupazzetti sul terrazzo che a gran voce urlavano “aridatece er colesterolo! Noi abbiamo detto sì al colesterolo altrochè valsoia scemunita di una pazza!” (pare che anche loro seguano con passione le lezioni di romano di Max tanto che l’altro giorno si sò fatti pure duspaghiallamatricianaeallagricia”).

E insomma per dire che d’accordo lo yin e yang ma dopo l’equilibrio di brodo di pollo è giusto pure sfondarsi le budella di cioccolato colante e burro. Checcefregaannoi? Amo la coerenza.

Prima che dimentichi un passaggio importantissimo vista la mia rincitrullaggggine, Katia l’amore di Iaia ha preparato una sua versione della torta su cui mi accingo a blaterare (farò oggi stesso la versione katiosa, tiè al colesterolo! Del Nippotorinese eh; perché rimane un sogno. C’è tanto di quel burro da far crollare un mammut) pertanto lascio il link perché senza dubbio alcuno sarà squisitissima. Basta cliccare qui >>> (e non trovo il link e il titolo santapizzetta, pardon)

E ci mancava la pasticceria francese in effetti. Sottotitolo: noncelapossofarcela.

E allora il cuore coulant de chocolat dovevo prima o poi farlo. Solo che di fare tortini cioccolatosi grondanti proprio non ne avevo voglia; anche perché il Nippotorinese con il tripudio dell’oro nero mi va in paranoia reputandolo eccessivamente lezioso (ma che dna piemontese, patria del cioccolato, ha? che vergogna!). Questo però potrebbe in effetti non essere determinante ai fini del discorso, infischiandomene altamente del nordico. Insomma oh. Nunciavevovoglia.

Ma avevo voglia di una tortona enorme e grande. Ma che non fosse una semplice torta. Oh insomma una giornata all’insegna del “e non mi sta bene niente” (nessuno dica “e perché gli altri giorni?”).

Mi è stata bene l’idea, dopo una serie di tentennamenti che generalmente non ho, di una base di cheesecake e una ganache al cioccolato coulant. Per i biscotti della base ho scelto i pan di stelle. Confesso che mi ha mandato in paranoia e non poco il metodo di cottura della ganache coulant. Doveva cuocere dieci minuti ma da brava psicolabile sono rimasta appiccicata al vetro del forno agitando la testa e dicendo “nonono non è possibile. Dieci minuti non bastano nononono”. E infatti l’ho tirata per le lunghe e sono arrivata a diciotto minuti suonati. Eh lo so. Sono una donnetta isterica e malfidata però la crosticina che si è formata con tutte quelle deliziose crepature mi ha convinto solo al diciottesimo minuto. Né un minuto prima né un minuto dopo.

Semmai vi voleste cimentare direi dunque di fidarsi del proprio istinto e non certamente del mio (però per dovere di cronaca devo confessare che i fatti mi hanno dato ragione). In sostanza, anche se vi è l’esatta descrizione all’interno della ricetta poco più sotto, la ganache all’interno dopo diciotto minuti risulterà troppo liquida e vi preoccuperete (molto) ma *inspiriamo espiriamo* la situazione migliorerà dopo qualche ora. Questa torta infatti non va in alcun modo servita subito. Ha bisogno di riposo. Si prepara in pochissimi minuti e il risultato è sorprendente ma per nessuna ragione deve essere gustata sul momento.

Oh ma la cheesecake rimane una soluzione velocissima o sbaglio?

(e giusto per una disgressione linguistica- chiedo aiuto a Max- confesso che per me è indubbio  continuare a declinarla al femminile essendo cake = torta; perchè santapizzetta se per il Banana Bread si usa il maschile giustappunto come IL pane, perché mai dovrebbe essere IL Cheesecake? effiniamola sù)

E mica me ne ero resa conto che ti salva nelle situazione più disparate quando il tempo scarseggia! Poco tempo? Cheesecake! (anche se da oggi alla suddetta domanda risponderò: starobaqui che voleva essere una Cheesecake ed è una Cheesecoulant? comelachiamo?)

Basta sfogarsi un po’ martellando nel sacchetto i biscotti. Spiattellare la base e versare su la crema di formaggio e via: in forno e tanti saluti.

Questa però per l’appunto tutto è tranne che una vera cheesecake e quindi una cheesecakechenonèunacheesecake perché pur avendo una base di biscotti sbriciolati e burro e una crema versata sopra, di formaggio non ve ne è ombra.

E allora fissando sconvolti il monitor vi starete chiedendo: e allora perché diamine la chiami Cheesecakechenonècheesecakechediavoloè?!

Uff. E’ che essendo la giornata “non mi sta bene niente”, ho usato la base classica della Cheesecake che da anni faccio e sopra ho messo una ganache coulant ibrida da una roba di Santin e una di Montersino e una della Gigli e una dinonsochi. In realtà ho fatto qualche variazione a una ganache coulant scovata nel solito forum ammmerigano.

In pratica un’italiana (io) che sbircia forum americani dove fanno ricette francesi (tutto chiaro no?).

L’altra mattina in preda ad un attacco di cheesecakechite (è un termine tecnico culinario) ho pure stilato una lista con tutte le ricettine papabili e le versioni che voglio realizzare (so già che poi diventeranno ibridi così senza sapere bene cosa ci si trova davanti). Ne ho giusto raccolte “solo” una quindicina e confesso di aver sperato in un ritorno immediato di Cey e Fab. Oltre che per godere della loro compagnia, anche per sottoporre questo sfornamento cheesecakechesco (oh ma abbondo di termini tecnici oggi eh?!) al giudice supremo lombardo Fab che oltre ad esserne appassionato è un vero e proprio intenditore.

Vengo a sapere poi, durante delle ricerche, che a New York vi è una versione della cheesecake con la panna acida e un’altra con un impasto che contiene pure il tofu (una matta vegana americana che il cielo l’aiuti. NON SOLO SOLA EUUUIUA! ) .

Infine una versione, da non sottovalutare,  con uno strato base simile al pan di spagna. Insomma davvero per tutti i gusti e con le declinazioni più varie.

La cheesecake ormai è di tutti e non solo americana. Ve ne sono versioni internazionali e che sia Giappone o Francia, ognuno la realizza mettendoci del suo. Oltre alle decine scovate in libri e su forum ammmeriiigggani me ne sono inventate altrettante mentre vaneggiavo sul tè matcha per rendere felice la mia Elllllisa e anche alcune in versione salata.

No perché in effetti, chi me lo impedisce adesso di sana pianta di inventarmi una cheesecake salata e intossicare tutti? eh? chi me lo dice che non posso?
(sono nervosa. assecondatemi santapizzetta!)

Ricapitolando brevemente (vabbè brevemente): è una torta semplicissima e che ha un successo sorprendente e assicurato. Ne sono certa perché mi baso sull’assaggio di quasi trenta persone, altrimenti non mi sarei esposta così. Non pagate e iper critiche, hanno detto sì a questa elaborazione ordunque direi proprio di condividerla. L’unica accortezza sarà seguire scrupolosamente due o tre cosette che ho (spero) diligentemente trascritto. E’ facile, veloce e non richiede cotture lunghe ma è altrettanto delicata e complessa nelle manovre.

Per una torta a cerniera di circa 26 centimetri occorrono: 400 -450 ma anche 500 crepi l’avarizia grammi di pan di stelle, 125-150 ma anche 170 crepi l’avarizia  grammi di burro fuso per la base. No. Non sono cattiva non dicendo le dosi esatte ma dipende dall’altezza che vi piace. A me piace una bella base corposa biscottosa altaaltaaltaalta, ecco. Perché è anche vero che bisogna andare anche un po’ a sensazione e secondo il proprio gusto (non in tutte le elaborazioni chiaramente ma qui sì). Al massimo se non si riesce a ricoprire tutta la superficie della teglia perché non è di 26 centimetri o per qualche assurdo e paranormale evento, mica c’è bisogno di preoccuparsi e mandarmi email dicendomi “ti odioooooooooooooooooo!” (anche se lo capisco). Si sbriciolano altri biscottini e si scioglie altro burro. Amen. Basta pocochecevò?

Per la ganache: 300 grammi di cioccolato fondente al 60 per cento almeno, 250 grammi di burro, 3 uova grandi e 3 tuorli, 125 grammi di zucchero semolato e 1 cucchiaino generoso di vaniglia purissima (lo zucchero può essere diminuito ma direi anche in questo caso: crepi l’avarizia. Non credo sia lo zucchero il problema in questo coma iperglicemico).

Per la base il procedimento è semplicissimo: infila i biscotti in un sacchetto e con l’aiuto di un mattarello riducili in polvere. Sciogli quindi il burro a bagnomaria o dentro il micro e versalo insieme ai biscotti dentro un recipiente. Lavora con le mani biscotti e burro liquido in modo da formare una dolcissima pappetta. Qualora non tutti i biscotti si fossero inumiditi (dipende se hai davvero ridotto in polvere i biscotti o ne hai lasciato pezzotti interi) aggiungi un altro po’ di burro fuso. Versa tutto il composto sistemandolo per bene senza lasciare spazi nel fondo di una teglia a cerniera e metti nel freezer per almeno quindici minuti. Nel frattempo prepara la ganache che andrà a coprire questa base. Si dovrebbe mettere nel frigo nella classica preparazione elllosò ma Montersino e Santin con la mania dell’abbattitore hanno fatto sì che io in qualsiasi preparazione decida di far comunque a prescindere riposare nel freezer.

La Ganache è semplicissima. A bagnomaria o nel micro fai sciogliere il cioccolato a pezzi (io ho usato tre tavolette lindt fondenti al 50%, quelle con la confezione argentata. Quanto mi piace dilungarmi oggi). A bagnomaria o nel micro sciogli anche il burro. Se lo sciogli nel micro però non esagerare e cerca di non renderlo liquido. In quel modo il burro cuoce e non va bene. Si deve leggermente liquefare per intenderci. Dopo che hai sciolto burro e cioccolato metti in un altro recipiente le tre uova e i tre tuorli e sbatti vigorosamente con una frusta a mano o elettrica insieme allo zucchero.

Otterrai un composto giallo gonfietto e spumoso. Aggiungi quindi la vaniglia e gira per bene. Con l’aiuto di una spatola adesso unisci il burro insieme al  cioccolato fuso e quando sono ben amalgamati falli incontrare con il composto uova-zucchero incorporando pian piano e girando con movimenti dal basso verso l’alto. Otterrai una ganache, grazie all’aiuto della spatola, molto consistente e soda e scura e goduriosa che ti verrà voglia di inghiottirla in un sol colpo. FERMATI! E prosegui santocielo.

Ottenuta questa ganache versa sulla base dei pan di stelle che hai tirato fuori dal freezer e inforna a forno già caldo a 200 gradi. Dovrai cuocerla per 15 minuti al massimo. No no non mi sono rincitrullita. Per 15 minuti al massimo perché si dovrà leggermente crepare in alto. Se non dovesse succedere prolunga la cottura di altri 3 minuti.

Ribadisco vi prenderà il panico perché essendo molto liquida sarete certi che avete combinato il disastro e mi odierete vivacemente. Pur comprendendo che è cosa sana e giusta odiarmi, calma e sangue freddo.

All’interno pur provando con uno stecchino ti renderai conto che è liquida. Ma uffa!

Non preoccuparti perché questa torta proprio deve colare cioccolato. In realtà la ganache dovrebbe addirittura cuocere molto meno, ovvero dieci minuti.

Tirala fuori dal forno e per nessuna ragione prova con dita, coltellini o forchettine ad affondare nell’impasto. Al massimo con uno stuzzicadenti come già detto. Dovrai farla riposare almeno due ore prima di muoverla e spostarla. Quando la tiri fuori dal forno non agitarti troppo. Posala da qualche parte e amen. Addirittura puoi spegnere il forno e lasciarla lì con lo sportellino aperto (continuerebbe a cuocere però in questo caso. Se ti sei mantenuta bassa con i minuti di cottura allora conceditelo, altrimenti pian pianino tira fuori e lascia raffreddare). Per gustarla nel pieno della sua bontà deve riposare una notte intera o almeno otto ore; se hai troppa fretta il minimo sindacale però sono tre. E’ una torta che non va conservata per nessuna ragione in frigo in quanto con tutto il cioccolato fondente che contiene potrebbe diventare un allegro mattone da lanciare in testa per uccidere passanti. L’idillio si raggiunge appunto lasciandola a temperatura ambiente in un luogo né troppo freddo né troppo caldo. Quando verrà tagliata a fette (io l’ho lasciata riposare dodici- tredici ore) la crosticina lascerà spazio a quel meraviglioso interno colante retto dalla base dei pan di stelle, che difficilmente si potranno riconoscere. Sarà difficile distinguere i sapori dei diversi cioccolati adoperati.

E santo cielo è stata difficile questa telecronaca coulant proprio perché in realtà sono facilissimi i passaggi ma bisogna davvero prestare attenzione perché il pasticcio colossale è in agguato.

So già che non accadrà. Andate fiduciosi e coulaaaaaaaaaaatevi tutti di cioccolato! (fatela eh. Merita davvero questa. Non lo dico mai. Un motivo c’è)

Comunicazione di servizio: Più tardi il Vincitore di “Disegna Maghetta Streghetta”. Io lo so , gne gne gne gne. L’estrazione è già avvenuta gne, gne, gne.

Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Review overview
77 COMMENTS
  • Wish aka Max 01/03/2012

    z

  • luci 01/03/2012

    no

    • Wish aka Max 01/03/2012

      When the going gets tough te tough gets going… 😉

    • luci 01/03/2012

      maledetto pc che non fa altro che caricare!!!! se continua così lo metto in pensione e me ne compro uno più consono alla gara!!!

  • Angela 01/03/2012

    A

  • Amaradolcezza 01/03/2012

    no vabbè!

  • Wish aka Max 01/03/2012

    Approposito di nani da giardino kamikaze aspetto il disegno del pullman con orecchie da coniglio guidato da uno di loro…

  • Amaradolcezza 01/03/2012

    non sono neanche sul podio!!!!

    -.-‘

    • Tiziana Sissa 01/03/2012

      Pensa che io ho desistito ancor prima di provare! Qua è una gara al massacro!! 😀

  • valentina 01/03/2012

    IO. DEVO. FARE. QUESTA. TORTA.
    IMMEDIATELY. E devo venire a baciarti orasubitoadesso santo cielo, o comunque prima delle 18 del 45 marzo.
    ti amo
    ciao.

    • Ninphe 01/03/2012

      stesso mio pensiero <3 must eat this cake. ora e subito.

      • Giulia 01/03/2012

        ma che poi amore lo sai che mi perdo in chiacchiere ma è davvero facilissima da realizzare *_*

  • Lafloss 01/03/2012

    Ooohhhh io molto curiosa AUGH!

  • yliharma 01/03/2012

    mamma mia…ma questa è un omicidio premeditato O_O
    dopo ci vogliono 3 ettolitri di Danacol giusto? tanto per sciacquare…
    io comunque l’ho segnata…prima o poi avrò modo di pasticciare 😀

  • Amaradolcezza 01/03/2012

    voglio il vincitore!!!!

    e voglio vedere un po’ di disegni che ti hanno mandato!!!!!!!!!

    dai dai sono curiosaaaaa

  • Tiziana Sissa 01/03/2012

    Iaia come mai trovo tutto questo entusiasmo qui, che non mi pare ci fosse per il brodo di pollo? Eh??
    Non lo capisco, giuro! Mah……. *__*

  • luci 01/03/2012

    Giuliaaaaa!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Noooooooooooooo!!!!!!!!!!!!!!!!! Io che amo alla follia il cioccolato, ma sono costretta a limitare al minimo i nostri incontri – perchè nonostante il mio modo di alimentarmi ho ereditato dalla mia famiglia paterna (come diceva mio nonno: “i difetti si ereditano tutti”) il tremendo colesterolo “cattivo” alto – non posso che commuovermi di fronte a cotanto tripudio… e prepararlo per chi mi circonda, che, alla facciaccia delle porcherie che ingurgita, non deve dire sì ad Armolipidplus come me! Sigh! 😉

    • Tiziana Sissa 01/03/2012

      Non ti commuovere tesoruccio 😉 *disse passandole un fazzolettino..

      • luci 01/03/2012

        Uuuueeeeeeeeeeee!!!!!!!!!!!!!!!!!! Io Armolipidplus e l’Ingeriminese tripudio cioccolatoso!!!!!!!!!!! Disse piangendo sull’amata spalla dell’amica… e imbrattandole la maglia alla moda di Frugolino!!!! 😉

        • Tiziana Sissa 01/03/2012

          Luci mia, ma lo sai che da quando sono nati, tuti i bimbi della mia vita (figlio e nipotini) hanno sempre battezzato me per prima? 😉
          Essivede che è destino, il mio 😉
          Bello di ziaaaa il mio Frugolino <3

  • Angela 01/03/2012

    Gnam 🙂 titti io ero entusiasta anche per il brodo!!! 🙂 ma quests devo provarlo… Per far lo senna latte giulia Mia , secondo te, viene buono se metto la margarina nella base e qualche tipo d’olio per la parte cremosa ?! Mmm … Devo provare!!! 🙂 un abbraccio a tutti!!!

  • Tiziana Sissa 01/03/2012

    UELLA’ QUI SI BATTE LA FIACCA EH?? IAIAAAA…le foto sono attesissime insieme al nome del vincitore/trice! 😀
    Avevo già deciso di ammazzare, con la preparazione di questo tripudio di cioccolata tracotante, tutta la genteggiovane che avrò in casa il prossimo sabato pomeriggio, ancor prima che tu pubblicassi la ricettina! E chiamala ricettina!!
    Però ci tengo a precisare che la cioccotorta sarà servita dopo una generosissima porzione (circa un bidone da dieci galloni a testa) di brodo di pollo taoista!! Così…tanto per non appensantirli troppo 😉 Tu che dici????

  • elllisa 01/03/2012

    questa è la goduria.

    • Giulia 01/03/2012

      e pensa che oggi ho gettato le basi per la cischeik al matcha.
      tidicosoloquesto.
      epoidicichenontiamo.
      elosochenonlodici.
      ma io devo lamentarmi *_*

      • elllisa 01/03/2012

        *____________________* ma vero dici?
        eh sì, comunque. ogni tanto lo dico che non mi ami, eh!
        <3

        • Giulia 01/03/2012

          no . non lo dici mai *disse con una parrucca rosa andando via ( ma bestiabiondadovè?!!?)

  • pani 01/03/2012

    così mi piace! Quelle punte di cucchiaio imbrattate, la torta spezzata, la terrina sporca (che poi, tanto ci pensano i bambini a pulirla).
    Perché qui mica siamo in sala operatoria o dal dentista, dove gli utensili devono essere lindi, immacolati e disinfettati. Qui si lavora e bisogna mostrare anche il backstage: piatti, stoviglie, cucchiai sporchi. O arricchiti, ecco, mi piace di più

  • Myriam 01/03/2012

    Giulietta, ma la vaniglia purissima, ‘ndo la trovo ç_ç ??
    questa la farò sicuramont!

  • Katia Ostanel 01/03/2012

    AAAAAAAHHHH!!!
    Ma te sei matta, cosa mi citi, non mi citare, sei fuori di testa!!!!!! Che poi la gente abituata alle tue ricette va a vedere il mio blog e si mette a ridere, accidentaccio!!! A saperlo mi sarei messa l’abito da sera!!!!
    E comunque, no, Iaia, non sei te che sei sconnessa e non trovavi il titolo del mio post…è che mi ero dimenticata di metterlo…ho rimediato subito e ti chiedo scusa…Lo vedi che io non sono alla tua altezza, porca miseriaccia ladra?!?! (Che poi si, è vero, mi sa che te sei un tantinello più alta di me, quindi…)::::: Comunque, grazie tesoro,dopo il primo panico vergognoso iniziale, è sempre bello sentirsi dire “katia l’amore di Iaia”…Piango fino a domani,,,ma prima vado a finire di leggere il post!
    Ti addddoro, ueèèèè!!! Cerea!

    • Wish aka Max 01/03/2012

      Approposito del tuo blogghe, ho tentatoeritentatoeritentato di lasciare un commento specificando la mia openid uordpress, ma (come dicono in francia) non mi ha cagato neanche di striscio… alla fine ho lassiato un commento anonimo, quando lo approvi ricordati che è il mio, parla di diete che finiranno… 😉

      • Katia Ostanel 01/03/2012

        Ah ecco eri tu,Max!Si, l’ho appena approvato,,,ma c’è qualcosa che posso fare io in proposito per aiutarti nel commentare? Se si, dimmelo e lo faccio (non sono esattamente un genio dei pc, ma celapossofarcela)! Grazie della visita!

  • principessainsonne 01/03/2012

    Tesoromio, devo dirtelo, calmati!
    Respira, rilassati!
    Questa torta deve essere goduriosa e chissenefrega se aggiungiamo qualche grappolo di cellulite in queste belle cosciotte emiliane. 😀
    Ma mi devo preoccupare dato che ho un blog di cucina e non ho la minima idea di cosa sia una ganache coulant????
    Aiuto! Non ce la posso farcela!
    Michi

    • Giulia 01/03/2012

      Michi amore no. Nessuno sa cosa diavolo sia questachocolatecoulantganasccccia . L’importante è che da adesso ( mancoionesapevonulla e secondo me nessuno ne sapeva nulla e insomma) possiamo morire con cosciottecellulitichemafelici.
      E fanbagno la prova costume !
      ( io devo inventarmi qualcosa per il burro. Proverò con la margarina *_*)
      e ora baciamoci e urliamo ” aldiavololaprovacostumeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee”
      maledetta fashion week ! vederle tutte vestite primaverili mi ha fatto temere che davvero la prova costume sia alle porte.
      ma manca ancora TROPPO TEMPO *_*

  • Katia Ostanel 01/03/2012

    Uh ma la tua è davvero davvero goduriosa!!!!La faccio di sicuro!
    E adoro il tuo gne gne perchè sai chi ha vinto la gara di disegni.
    Ma io oggi ho già vinto, con la tua citazione e il tuo affetto!

  • Wish aka Max 01/03/2012

    Nota di servizio: “la” cheesecake. Approvato. Così è deciso, l’udienza è tolta.

    PS visto che ci siamo si approva anche “la” applepie.

  • francy 01/03/2012

    Godooooooooooooo!!!!! Non pensate male ma a me il cioccolato mi fa venire strani fremitiiiiii..grazie Iaietta per avermi fatto sobbalzare dalla seggiola…ora mi ci vuole una sigarettina!!!!!
    Ps….nonvedol’oradivedereidisegni *____*

    • Giulia 01/03/2012

      ma ma ma ma ma ma ma il bacio per me dove èèèèèèèèèèèèèèèèèèè?!?!?!

      • francy 01/03/2012

        speravo me lo chiedessi ^:^
        Eccoliiiiiiiiiiii
        :*:*:*:*:*:*:*:*:*:*:*:*:*:*:*:*:*:*:*:*:*:*:*:*:*:*:*:*:*:*:*:*:*:*:*:*:*:*:*:*:*:*:*:*:*:*:*
        Tesorabella!!!!!
        ♥•**•♥•**•♥•**•♥•**•♥•**•♥•**•♥•**•♥•**•♥•**•♥•**•♥•**•♥•**•♥•**•♥•**•♥•**•♥

  • Eleonora 01/03/2012

    Ho la bava alla bocca 0.0

    • Giulia 01/03/2012

      confesso che anche io quando la preparavo *_*
      non mi capita mai ma con questa santocielo troppa bavaaaaaaaaaa
      troppaaaaaaaaaaaaaaaa

  • xchiarax 01/03/2012

    Ummamma…O.O
    La voglio.
    La farò
    :* Tenchiù!

    • Giulia 01/03/2012

      se non mi dai un bacetto non puoi farla, ecco .

      • xchiarax 02/03/2012

        milioooooooniiiiii di baci per questo splendore coulant!!!
        :* :* :* :* :*:* :* :* :* :*:* :* :* :* :*:* :* :* :* :*
        e anche abbracci e cuori e coriandolini colorati e trombette che suonano e nani che ballano e tutto quello che vuoi!!
        ti voglio bene!

  • Khrystyna Samaruk 01/03/2012

    Che torta cioccolosamentecioccolatosa! Io adoro il cioccolato! ù_ù Mi ha fatto venire fame! >.<
    Un bacio.
    Non vedo l'ora di sapere chi ha vinto:"Disegna maghetta streghetta" Tanto so che non ho vinto io, ma voglio vedere che Leonardo Da Vinci dei nostri tempi, che scultore in erba o che artista alle prime armi avrà vinto! 😀 Buona fortunaaaaaaaaaaaa! ^ ^

    • luci 01/03/2012

      Ciao Khry! Come sono andate le verifiche?! E il regalo? Ti sono stati utili i nostri consigli? Un abbraccio

      • Giulia 01/03/2012

        Ecco pure io voglio sapere pureioooooooooo
        *_*
        santocielo schiaffeggiatemI ! sono quella che arriva sempre lanciando la borsa e urlando scusatescusatescusate ( FIGURIA CHE ODIO )

    • Giulia 01/03/2012

      picchieremo per bene il nippotorinese perchè è chiaramente colpa sua maledetto!
      possiamo abbracciarci otto ore perfavore? :*

  • ma pure tu a quest’ora del pomeriggio con queste ricette libidinose? illegalissimo!! 🙂

  • Lafloss 01/03/2012

    Tu mi sfidi a cercare le possibilità vegane di ogni ricetta che fai. Mmh…

    Flo

    • Giulia 01/03/2012

      amoreeeeeeeeee
      *_*
      facciamo un sito vegan totalllllll
      ( ho letto email. mi sono commossa. ti amo. e se sopravvivo ti rispondo perchè vorrei dirti 23w09482348230482094829034823048209438203948243824 cose)

  • anya78 02/03/2012

    un capolavoro :Q___

  • fantastica! devo farla assolutamente!!!

  • gisella 02/03/2012

    noooo sono a dieta

  • giovannagra 02/04/2012

    Aaaaaaaaaaaaaaaah…e questa sarà la torta ke farò in occasione del mio compleanno a metà aprile (la proverò però per pasqua per evitare di fare figuracce eh!eh! eh!)!!! Si si, ho deciso!!! sarà lei…tutta cioccolatosa…mammamiakegoduria!!! non vedo l’ora di farla!!! Grazie per i consigli…e dilungati pure nelle tue descrizioni…son belle e avvincenti! 😉

  • el 20/10/2012

    giusto per dire, che ieri è stata fatta. e un urlo a Iaia santa subito è uscito inconsapevolmente dal corpicino sbavante e bramoso mio e della bestiabionda. e poi che. la parte più difficile è stata aspettare che si freddasse. interminabile.
    dunque.
    santa subito. tu

    • bestiabionda 20/10/2012

      l’ho detto anche io? non ero in me.
      non l’ho detto.
      uff si l’ho detto, ma stavolta se l’è meritato tutto. si. interminabile. e vorremmo anche sapere quante ne ha fatte prima di fare la foto perfetta (o forse bastava usare la teglia cerniera? XD ahahahhaahah )

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi