La Sacra Giornata della Cuddura cull’Ova

Must Try

I Cannoli Siciliani

In Sicilia chi non si sposava piuttosto che rimanere zitella preferiva farsi monaca. Le monache, è risaputo, erano abilissime nella preparazione di dolci dall'indescrivile...

Le uova rosse per Pasqua

Che la Pasqua in Grecia sia molto sentita è un'informazione pressoché inutile perché lo sanno tutti. Viene onorata e celebrata ed elementi pagani e...

Il casatiello con un ingrediente a sorpresa

Il casatiello è immancabile nelle tavole pasquali dei napoletani ma la verità sai qual è? Che tutta la penisola se ne è perdutamente innamorata di questa ciambella salata deliziosa e ricchissima. Il casatiello è entrato ormai nelle case di tutti gli Italiani e non ha intenzione di uscirne (meno male!)

La Torta di riso con mele

Una torta a base di riso e latte profumatissima di cannella e vaniglia. Le mele e le mandorle fanno il resto: un incanto. Una torta che ti farà innamorare sin da subito e a cui ripenserai spesso, posso assicurartelo.
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Non esiste la Sacra Giornata della Cuddura cull’Ova. No dico siamo pazzi? C’è pure la giornata mondiale del Backup e non quella dell’aceddu cull’ova? Ma santo cielo dove siamo finiti? In che mondo viviamo? Non ci sono più le mezze stagioni e l’abito non fa il monaco. Hariel ne  ha confezionate non di  belle mapropriobellebellebelle e per ammirarle, e purtroppo non gustarle se non con la fantasia, basta cliccare qui >>>  ( tra l’altro ancora non ho potuto leggere ma sarà mia premura farlo prima di dormire ma c’è una Colomba talmente bella che mi sono commossa accarezzando lo schermo dell’Ipad e ordunque un click di massa proprio di qui, grazie)

( Hariel ti prego svelami dove hai acquistato lo stampo per colomba o faccio una strage di nani da giardino)

Una matta non contenta di questo tripudio cuddurioso (clicca qui per la ricetta) , dopo aver fatto i biscottini in questo inizio tour pasquale ne blatera pure su Style ( ebbene sì il mio nuovo articoletto è online e parla proprio di Koullura Greca ai giorni nostri. E per infliggersi questa pena basta cliccare qui ) . 

Per dire insomma che dopo questa infornata variegata di ciambellotti biscottosi siculi mi ero quasi convinta di aver chiuso con le cuddure-aceddu cull’ova, (  da pubblicare intendo perché ne devo fare un bel po’ per amiciparentipassanticonoscenti) , solo che poi la mia Cri mi repinna su Pinterest queste meraviglie (clicca qui per vederle) e cosa devo fare io se non catapultarmi in cucina a farle? Ho adoperato un impasto diverso dalla cuddura siciliana utilizzata in passato (ti manca? e clicca qui allora, suvvia!) perché al mio papino, oltre a quella classica delle dita mozzate di Halloween ormai must  irrinunciabile, piace moltissimo questa elaborazione biscottosa e molto agrumata. Confesso di avere un debole anche io per questo impasto. Lo ricordo senza dovere cercare numeretti e indicazioni. Butto dentro una ciotola con il burro freddo a pezzi come fosse una frolla e mi rilasso un po’ amalgamando tutto bene. Uso la scorza di un’arancia biologica e di un limone ma è sempre bene ricordare che questa buccia non deve essere trattata, santapizzetta. E’ importante davvero. Nel dubbio via di amuchina e tanti saluti (così parlò la malata di igiene). Insomma come potevo non fare la cuddura siciliana con le uove colorate? No dico ma a noi siculi cosa c’è passato per la testa? E’ anche una ricetta greca e la tradizionale prevede le uova rosse, perché mai non abbiamo dovuto colorarle invece di tutte le nuance queste benedette cuddure? No dico ma siampassi?

Invito ordunque tutti i siculi a rispettare almeno dodici minuti di silenzio e giurare in solitudine che mai e dico MAI PIU’ senza l’uovo colorato. Mai più. Più forte amici più forte! Mai piùùùùùùùùùù.

Del resto su come colorare le uova qui si ha un vero e proprio master. Ne ho straparlato lo scorso anno abbondantemente qui e pure quest’anno su Style, così giusto per il gusto di essere innovativa. Ne ho straparlato al supermercato con la signora anziana che becco sempre e che non arriva mai al reparto latte parzialmente scremato (oh COOP! le vogliamo mettere più in basso le confezioni o devo avviare una protesta seria con tanto di cerchietto con piume e nani da giardino?!).

Cosa ho fatto ordunque, a parte aiutare signore al supermercato e pavoneggiarmi sostenendo “no no. Non ho venticinque anni. Molti di più” (e si vede che la signora doveva essere operata di cataratta, ma tant’è).

Ho fatto la seguente:

  • fatto bollire le uova
  • immerso le uova in acqua e colorante in una ciotolina
  • preparato l’impasto biscottoso agrumato (leggi sotto gli ingredienti)
  • fatto riposare l’impasto biscottoso per venti minuti in frigo
  • tirato fuori l’impasto dopo il riposino in frigo e proceduto alla formazione di una palletta.
  • aperto con le mani questa palletta e creato una base per cuddura.
  • creato un varco e leggermente spennellato con del latte la base biscottosa.
  • poggiato l’uovo sodo colorato
  • con l’impasto rimasto ho creato dei piccoli filoncini che terranno ben saldo l’uovo alla cuddura
  • spennellato tutta la superficie
  • fatto cadere le codette. Ho provato queste un po’ fashion dorate e argentate che avevo scovato in un angolo davvero gourmet durante una delle mie trasferte ma a fine cottura volevo picchiarle una ad una perché la resa visiva è drammatica. LE ODIO!
  • Infornato a forno già caldo 180-190 per 30-40 minuti circa finchè dorata
  • Per due cuddure abbastanza grandi: 290 grammi di farina OO, 170 grammi di zucchero semolato, 3 tuorli di media grandezza, 2 cucchiai di panna, la scorza di un’arancia grattugiata e la scorza di un limone grattugiato, 1 pizzico di vaniglia fresca appena raschiata dal baccelllo.

E quindi dove voglio arrivare? Beh. Che oggi a mio insindacabile giudizio si indice la Sacra Giornata della Cuddura Dell’Ova. Da oggi e per sempre il 3 Aprile. Così è deciso la cuddura è tolta.

( qualcuno ha visto il mio cervello passare? Se sì. Potete fermarlo? Tanto è piccolo)

 

Forse potrebbe interessarti leggere...

43 COMMENTS

  1. ohperbacco….dopo l’olè di gioia per essere arrivata prima perchè m’ero appena appena seduta al piccccccì arriva l’emoSSSSSione per essere stata citata e lodata ( ti faccio bonifico bancherio domattina occcheeeei???? )
    Grazie…e ancora grazie….e grazie elevato a 12! perchè anche se una cosa mi riesce bruttina, o le foto non mi piacciono perchè non ho dei bei piattini e cosine carine su cui mettere i mie pasticci..è solo merito tuo se ho il coraggio di mostrarli sul web…e al di la del fatto che qualche pazzo mi legge per me è una gran gioia essere riuscita a mettere qualcosa di mio in condivisione con gli altri. Sono sempre stata quella che si vergogna di mostrare…di parlare in pubblico…quella che sogna di fare tante cose e non le fa per paura. e quindi grazie..non smetterò mai di dirtelo. e se faremo quella passeggiata tra i prati o quella “cuttigghiata” sul divano giuro che mi metto la scritta grazie da qualche parte in bella vista! si! 🙂

    e queste uova colorate sò belle assai…
    e l’idea di impastare burro è un’ottino antistress sai?? ho sfornato poco fa dei biscottini di frolla *_* ..ma ne ho mangiati solo 2 giuro!!!!

    bella la mia Gy…
    <3

      • dimenticavo di dirti…gli stampi…qui c’è un negozio che vende articolo per pasticceria…mesi fa ricordo che ti scrissi pure l’indirizzo O_o

        • hahahaah scrissi l’indirizzo seguito da quella faccia mi ha fatto scoppiare a ridere in un modo che mi ha sentito pure la suocera a torino.

          se vuoi ridere adesso tu posso dirti:
          spetta che recupero l’email.

          ok .
          e anche stasera abbiamo da ridere fino a pasqua 2099

          ( santocielo sono pazza)

          ( e ho risposto sotto a Luci. Luci ti amo )

    • Hariel stellina…continua a scrivere e condividere…io sono una di quelle che leggono…e mi piace tanto!!! Bacio

    • Cucciola sono di corsa corsissima ma se vuoi domani approfondiamo.
      Non è questione di avere belle cose, te lo giuro.
      E’ la luce sbagliata e non è colpa tua. Capisco che non si può’ inseguire la luce o magari si possono fare solo di sera ma.

      Se hai tempo e voglia e me lo concedi come fossi una tua vecchia amica ( e in effetti so vecchia santocielo) ti dico due o tre segreti per ovviare a qualche problemuccio. Tra l’altro le foto miglioreranno con il tempo te lo assicuro. Io non ne capisco nulla di fotografia e m conosci abbastanza da sapere che mai penserei di essere professoressa di qualcosa ma.
      quando guardo le tue foto vedo solo una luce sbagliata.
      Non foto brutte
      e ti assicuro che sono due cose completamente diverse.
      il problema è la luce ma tu ce l’hai dentro e non sarà’ difficile tirarla fuori.
      per passeggiate e cuttugghiu sono tua *_*

      e per quello che hai detto.
      ecco.
      troverò il tempo invece di dirti grazie io .
      perché è meraviglioso quello che stai facendo e perché mettersi in gioco è il primo passo per una cosa soltanto:
      vincere.
      ti abbraccio forte fortissimo Harielmia. corrovelocissimamente via perché Pi stasera mi picchia.
      avevo promesso che alle 9 staccavo tutto e sono ancora con disegni ovunnnnnquuuuueeee
      40583823849248230483 baci

      • Pi lo sa che se ti picchia si trova sotto casa 5459745574 aMMMMore tue con mattarelli e cucchiai a mano????? 😀
        abbracciamoci <3

  2. Ultimaaaaa!!!! Ero qui tranquilla a leggere il post spaparazzata sul divano dopo aver messo a nanna Frugolino…ho fatto vedere la cuddura con le uova colorate all’Ingeriminese…mi ha chiesto se erano finte…quando gli ho risposto che erano vere mi ha chiesto se per colorarle si fa bere del colorante alle galline… SIGH!!!!

  3. questa storia delle uova colorate mi fa pensare, molto. E mi sono chiesto: perché le uova hanno sempre l’albume bianco e il tuorlo giallo-verde-arancio? Voglio dire: tutte le galline fanno le uova con l’albume bianco? Tutte le galline di qualsiasi razza e nazionalità?

  4. Buonanotte a tutti quanti… Dopo Frugolino mi tocca portare a nanna pure il marito… Si addormenta seduto… 😉 vi abbraccio tutti, fate sogni bellissimi…

Rispondi a Giulia Cancel reply

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Gelato al burro d’arachidi salato

Il gelato viene sempre prima di tutto. È la cosa che mi piace di più in assoluto. Sempre e per sempre. Questo al burro d'arachidi non credevo potesse essere così buono.

Colazione dolce o salata?

Colazione dolce o salata? Un po' come essere o non essere? Che sia dolce o salata la colazione è necessaria per la tua salute.

Il terzo numero di Mag-azine

Il terzo numero di Mag-azine è dedicato ai profumi di Sicilia. Un'isola incredibile che non smette mai di farti sognare.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

10 Primi piatti siciliani che non puoi perderti

La pasta alla norma e quella col macco. Il riso con l'ennese che profuma di zafferano e l'immancabile pasta al pistacchio senza dimenticare "a muddica". Scopri i dieci primi piatti irrinunciabili che non puoi perderti se sei in Sicilia.

More recipes like this