Home / Dolce  / Una ricetta speciale con un ingrediente: l’amore. La cuddura.

Una ricetta speciale con un ingrediente: l’amore. La cuddura.

Nella Cuddura c’è il significato primordiale dei miei ricordi. Quelli più ancestrali e profondi. Papà, nato subito dopo la guerra, ha vissuto in una realtà ben diversa dalla mia. Fin qui nulla di nuovo. La disparità però tra la mia vita e la sua è talmente abissale da farmi talvolta girare la testa fino a perdere i sensi. Questo perchè il mio papà è riuscito ad uscire da una condizione che apparteneva alla sua famiglia da sempre. Suppongo che non sia cosciente della sua grandezza quando parlando mi dice sempre “eh amore ma io non ho studiato”. Non correla certamente lo studio all’intelligenza, anche perchè fulgidi esempi vicino a noi dimostrano quanto faccia ridere solo pensarlo, ma quasi. Si sminuisce credendo che non avendo potuto studiare la sua vita sia stata totalmente compromessa. E’ questo il punto debole del mio papà. Perchè il suo sogno era studiare. Il suo sogno era diventare un ingegnere o un matematico, suppongo. Non lo ha mai ammesso ma in particolar modo la figura dell’ingegnere nel suo immaginario rappresenta l’estrema conoscenza. Il dottore no. L’ingegnere e il matematico sì. Appassionato da sempre di matematica e genio puro, mi racconta di come con i primi soldi comprò un libro di Estimo. Noi quel libro lo abbiamo ancora. E’ lì fermo e racconta la sua storia. E’ stato bocciato in prima elementare. E quando comincia a raccontarlo ti vien quasi voglia di dire “e va beh ma allora cominciamo male”.

E’ stato bocciato in prima elementare il mio papà perchè aveva altro da fare e la notte dormiva poco. Suo padre lo portava a fare quello che i suoi fratelli maggiori facevano durante la guerra: prendere delle pietre, caricarle su un carro e portarle chissà dove. Subito dopo il pranzo, ammesso ce ne fosse uno, era il momento di consegnare il pane. Girava con un carretto di legno. Aveva dei calzoncini marroni bucati ed era biondo con i capelli ricci. Ho appurato che fosse davvero biondo con i capelli ricci guardando una foto. Papà ha solo una foto. Una foto a tre anni. Si passa poi direttamente a quando ne ha venti. E’ a Roma per il militare dentro una cinquecento e inventa storie alle tedesche per abbordarle raccontando di essere un attore famoso. In quell’intervallo papà non ha neanche una foto. Proprio come me ha uno spazio temporale inesistente. Quella foto a tre anni che lo ritrae con una patatina lessa nella mano destra  è il ricordo al quale sono più affezionata. Ha i capelli ricci. E’ biondo. Ha una sorta di salopette vecchissima e guarda l’obiettivo tenendo ben saldo il suo tesoro. Nonna gli raccontò che era felicissimo perchè quel giorno c’era una patata lessa piccola per tutti. Era talmente felice che gli fu concesso di andare per strada davanti la porta quasi a voler esprimere la sua felicità. Il gioco e il cibo insieme. Un fotografo passò e si innamorò di quel bambino meravigliosamente felice. Chiese a nonna di potergli fare una foto e fu così. Fu così che mio papà ebbe la sua prima e unica foto.

Molte volte quando fotografo penso a questo signore. Vorrei sapere come si chiamava. Vorrei sapere se ancora respira. Vorrei abbracciarlo e ringraziarlo. Vorrei portargli dei fiori sulla tomba. Perchè in quella foto c’è l’infanzia che il mio papà non ha mai avuto. In quella foto c’è il sacrificio di una vita per me. Papà si era fatto la promessa che sua figlia, perchè sapeva che  sarei stata femmina, non avrebbe condotto la sua vita. Non avrebbe tirato un carretto e avrebbe avuto tante foto.

Quando fu bocciato in prima elementare decisero per lui che non fosse il caso di perdere ulteriore tempo e che il pane andava consegnato e le pietre trasportate. Non si poteva certamente sognare. Per papà fu un colpo durissimo ma mai pensò di non perseguire il suo sogno. Era l’alieno della casa. Comprava libri con i soldi guadagnati e quando potè si iscrisse pure ad un corso serale per conseguire la licenza elementare e media. Totalmente a sue spese, è quasi stupido ribadirlo. Praticamente un pazzo. Additato da tutti come un tipo strano. Quando prese il diploma di geometra, perchè quel libro di Estimo servì a qualcosa, aveva all’attivo  mestieri e ore lavorative degne di un attuale quarantenne stakanovista. Non si è fermato un momento. Non ha smesso un secondo. Non ha speso un soldo. Con i soldi che guadagnava oltre i libri comprò dei pezzi di materiale elettrico. Lampadine, fili, spine e prese. Era convinto che nell’elettricità e elettronica fosse il futuro. Era convinto che un giorno avrebbe avuto un grande deposito con tante lampadine e tempo per studiare e realizzare tutti i sogni di sua figlia.

Papà ne era convinto e papà ci è riuscito. Anche se crede che i miei sogni debba ancora realizzarli. Non vi è un giorno che io non gli dica grazie. Non posso dargli più la buonanotte con un bacio come ho sempre fatto da quando sono nata ma al telefono quando gli dico “buonanotte papino. Grazie” mi sento rispondere solo “grazie a te amore mio”. Che altro sogno dovrei realizzare io? Io che ho sempre vissuto in un sogno che lui ha realizzato per me?

E allora ho cercato disperatamente di realizzargliene uno io. Fare la cuddura perfetta. Quella che gli ricordasse sua mamma. Perchè la cuddura perfetta non è dolce come si fa adesso. Non è biscottosa con codette sopra. Mica esistevano le codette di zucchero colorate. La vera cuddura era di pane. Di quel pane fatto in casa che ti racconta l’eternità. Conscia del fatto che non sarei mai riuscita ho sfornato quintali di cuddure e quando ieri papà ha detto “è più buona. E’ più buona di quella di mia mamma” ho capito da dove provenisse la mia indomita faccia di marmo.

Durante il periodo pasquale la proprietaria del panificio, che ancora ha un panificio, regalava una piccola cuddura a  fine giornata dopo che papà aveva consegnato il pane a tutto il paese. Era talmente felice. Un po’ come quella patata lessa. Più quando la faceva sua mamma ma non poteva certamente farla sempre. Papà ha sempre diviso quella cuddura con tutti i bimbi. Anche quelli più ricchi che avevano cento cuddure ad aspettarli in casa. Perchè il mio papà è sempre stato amico di tutti. Perchè il mio papà mi ha insegnato che siamo diversi solo nel cuore e che non importa cosa hai, cosa sei e chi sei.  E’ sempre stato tutto e non ha mai dimenticato da dove viene.

Per un momento ho  pensato di fare una versione cuddura con patata lessa ma troppo impegnata nella ricetta della cuddura perfetta inesistente non ho avuto il tempo. E’ in cima alla To Do List. E quando scrivo To Do List rido perchè un altro sogno di papà era imparare l’inglese. Stima imperitura per chi parla l’inglese. E lui l’inglese lo ha imparato. A detta sua non sa dire nulla ma non è così. Si vergogna tantissimo ma è capace e spigliato. Solo davanti a me e alla sua professoressa. Con il Nippotorinese ha giusto un po’ di timore reverenziale ma qualche volta ci lanciamo in teatrini maccheronici deliranti.

Chi mi guarda mi dice costantemente “sei uguale a tuo papà”. Fisicamente. Nel volto. Negli atteggiamenti. Nel mio modo di parlare. Nel mio modo di muovermi. Del resto mamma ci guarda basiti quando siamo seduti vicino e solo muovendo le labbra dice “uguali. uguali”. Non mi si può dire niente di più bello. Niente.

Sei uguale a tuo papà corrisponde ad una dichiarazione d’amore. Ad un sogno e al complimento che mai nulla potrà superare. In cuor mio so di non somigliare purtroppo a lui. Sono stolta e stupida. Ho tutto e pur ricordandomene non ho dovuto faticare per inseguire sogni. O almeno non quanto lui. Mi rende pazza il fatto che lui sia spudoratamente orgoglioso di me pur non avendone motivi oggettivi. Ma la cosa che mi fa più impazzire, ma di gioia, è che a me non importa davvero nulla delle mie fortune. A me importa solo di essere sua figlia. E non c’è un giorno che io non dica : Grazie Papà. Non avrei mai voluto vivere  senza essere tua figlia.

Questo per dire che generalmente quando mi spoglio totalmente dalle maschere ho difficoltà ad esprimermi ed è per questo che poche volte parlo di amori profondi. Ho solo una certezza però. Un giorno presenterò Max al mio papà. E’ un ingegnere, parla inglese ed è pazzo perchè pensa che io sia una persona meravigliosa. E l’ho corrotto solo con delle paste di mandorla, santo cielo. Per asserirlo convinto non sarebbe bastata la Trinacria tutta.

 Andranno d’accordissimo e mangeranno cuddura come non ci fosse un domani. Io dal canto mio mi strafogherò di pistacchi con Carla. Max merita il mio più profondo rispetto e stima. Ammetto di essere rimasta letteralmente sconvolta per la sensazione extrasensoriale di “rincontrarci” e non “conoscerci”. Grazie Max. Anche da parte del mio papà. Per aver avuto una delicatezza smisurata nel capire che per me è tutto difficile. E che sto cominciando pian piano a vivere. Veramente.

——–

Appurato che la ricetta perfetta per la cuddura non esiste e che la conosce solo la mia nonna che non c’è più,  lascio la ricetta della cuddura finta. Quella biscottosa e se ti va di leggerla devi cliccare qui >>>
Per chi volesse cimentarsi in quella originale però bastare usare la propria ricetta del pane. Quella ricetta antica che racconterà la vostra di storia.

L’Angolo del “Ma lo sapevate che?” : La cuddura , dal greco Kulloura significa focaccia, pane, ciambella. In Sicilia è rimasta l’abitudine di usare “cuddura” anche in riferimento a vari prodotti da pane. Uno su tutti il pane casalingo giornaliero dei Catanesi che si chiama proprio cuddura (alcuni lo hanno italianizzato in “cullura” ma fa piuttosto ridere e il vero siciliano aborre questa forma linguistica). Verso l’una entrando in qualsiasi panificio del catanese sarà un tripudio di ” Mi da una cuddura da un chilo?” , “Mi da una cuddura da mezzo chilo?” . La cuddura di pane a forma di ciambella vi è in questi due formati. Ha una crosta particolarmente croccante e una mollica morbidissima. Si presta benissimo al “pane cunsatu”, che è una tipica forma di pane con dentro prodotti semplici e gustosi. A volte soltanto l’olio, sale e pepe. Altre volte con pepato fresco siciliano, olive e peperoncino (salumi come se piovessero).

La cuddura però è anche un dolce tipico della tradizione Siciliana e si consuma generalmente proprio nel periodo Pasquale. Nelle tavole tradizionali della trinacria mai dovrebbe mancare. Nel tempo si è trasformato da semplice lievitato adornato con uova sode ad un dolcetto biscottoso che ne riprende soltanto la forma ma non l’essenza e la consistenza. Tradizione vuole che i fidanzati (ufficiali, mizzicccca!) se la regalino dando alla cuddura una forma a cuore. La forma della cuddura infatti può variare. Sono ricorrenti le seguenti forme: colomba, cestino, cuore, ciambella e campana.

Ma lascerei la parola a chi ne sa più di me:

Via Sicilian Wikipedia: La cuddura è pani di forma circulari. Poti èssiri macari nu duci di forma circulari chi si mancia a Natali. Pò essiri fatta cu l’ovu o senza ova, e è fatta di pani câ gigghiulena e pò essiri puru di biscottu aduci. Nti certi zoni si usa na varianti, dirivata dâ cuddura, chiamata cudduredda.

——–

Inciso: nella foto papà indossa una cravatta orrenda. Glielo ho regalata io. Ma per gioco. Lui continua ad indossarla nelle occasioni più importanti. Senza vergognarsene. Perchè glielo ho regalata io. E’ questo il mio papà.

Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Review overview
36 COMMENTS
  • PieceOfStar24 25/04/2011

    Primaaaaaaaaaa?

  • iber 25/04/2011

    secondoooooooooooooooo

  • Wish aka Max 25/04/2011

    Il nemico in casa… Ora anche i romani si mettono in corsa per il campionato… Non c’è più religione!!!
    Iaia hai email.
    A dopo

    • PieceOfStar24 25/04/2011

      Ho pianto. Ogni due righe dovevo fermarmi a soffiarmi il naso. Non è che mi sono commossa, ho proprio pianto.
      Perchè io non ho mai avuto un bel rapporto con mio papà, perchè mi piace pensare che sia bello averlo. Perchè. Perchè non importa, solo che siete splendidi.

      • PieceOfStar24 25/04/2011

        oddio dove cacchio ho messo il commento X_x (Maxxx io non sono Romana de Roma, posso gareggiare 😉 )

  • darklovers 25/04/2011

    Mi è scesa una lacrimuccia,sono sincera,bellissima storia quella del tuo papa’,una persona da ammirare ed imitare per la sua tenacia e costanza.. Un abbraccio a te cara Giù e uno anche al tuo babbo 

  • Bibi 25/04/2011

    mi sono definitivamente innamorata anche del padre, oltre che della figlia.

    e le storie dei nostri padri, si somigliano, per alcuni versi. ma questo io lo sapevo già.

  • lookia72 25/04/2011

    E’ incredibile come il tuo papà assomigli al mio. Ed anche se non ha studiato sa risolvere i problemi di matematica come bere un bicchier d’acqua. Ecco mi hai fatto commuovere.
    Ti voglio bene 🙂
    (Uguali uguali!)

  • Cey 25/04/2011

    Mi piacerebbe un padre così e mi piacerebbe avere una figlia come te.

  • Marta (twitter) 25/04/2011

    Uguali. Uguali. Tale padre. Tale figlia.
    Meravigliosi entrambi
    (mi hai fatto piangere )

  • EssenZadiCanneLla 25/04/2011

    Bellissimo l’amore che da ogni parola da te digitata sprigiona. Rimango basita dal tuo racconto e mi fermo a pensare che io non ricordo molto della mia infanzia, via via crescendo è diventato tutto sbiadito. Non so per colpa di qualcosa o di qualcuno….A questo punto non importa. Grandiosa Giulia hai un cuore grande così ————————— e di più ancora. Ma fai bene a proteggerlo a non volerlo sempre esternare, viviamo in un mondo difficile e talvolta duro….Le cose belle vanno protette e custodite. Non è un reato, anzi!!!
    Che posso dirti Giulia che ti leggo e voglio leggerti….ti farei una miriade di complimenti, ti riempirei di preziosi aggettivi…ma in questo preciso post..non voglio dire nulla…è una lettera d’amore a tuo padre…..sublime!!
    A te, al tuo caro compagno e alla tua famiglia…auguro una serena e dolcissima Pasqua. Un abbraccio Giulia. Ale.

  • Darsch 25/04/2011

    Commovente. :’)

  • PieceOfStar24 25/04/2011

    La cuddura a me ricorda nonna. Essendo siciliana, a volte me l’ha fatta a Pasqua. Quest’anno non sta tanto bene e non l’ha fatta. Mi ero impuntata di fargliela io, ma per un motivo o per un altro non ci sono riuscita e me ne dispiace non poco.
    (continuo intanto a piangere per il post eh)
    Ma la cuddura di pane è il ciambellone giallo??? O.o no perchè io potrei vivere solo di quel ciambellone con un filo d’olio, un pomodoro a fette e origano. Mi ricorda quand’ero piccola, in Sicilia, facevo merenda così ai bordi della strada del paesino di nonna.
    Le vecchiette parlavano su seggioline di legno piccole e io andavo a raccogliere i loro sorrisi. Un bel ricordo.
    Una bellissima storia quella del tuo papà, raccontata attraverso gli occhi di una figlia e che fa respirare amore a chi legge.

    Grazie. A te che l’hai raccontata e a lui che l’ha fatta.

  • iber 25/04/2011

    grazie papà di Iaia 🙂

  • Selena 25/04/2011

    Dio quanto ho pianto. Perché nelle parole si vede tutto l’amore che hai per tuo papà. E l’amore che tuo papà ha per te.

    Io da bambina ero in adorazione totale per il mio papà, poi periodo in cui ci scornavamo parecchio (ma nell’adolescenza è anche un po’ normale scornare) e ora, che vivo per conto mio (anche se ancora aiutata economicamente da loro -maledetta disoccupazione-) siamo tornati ai vecchi tempi dove ci volevamo un mondo di bene.
    Se non fosse che incarna tutta la pignoleria della vergine lo adorerei XD

  • Wish aka Max 25/04/2011

    Io non vedo l’ora di conoscerlo, don Turi. E sono praticamente certo che sarà come è stato con te. Come se ci conoscessimo da sempre.
    E ricorda una cosa, Iaia. Ricordala per quando sarai mamma. Un padre (o una madre) ringraziano sempre i figli. Per il semplice fatto di esistere. Perché la semplice esistenza dei figli riempie la vita dei genitori.

  • valentina brida 25/04/2011

    amore mio che parole meravigliose, mi fai commuovere, anzi ecco mi sono commossa.
    sei molto dolce, un vero tesoro, tuo padre sarà fiero di te.
    ^_^
    V.

  • yliharma 25/04/2011

    …e non solo mi fai i “pupi coll’ovo”, mi parli pure di pane con la “giuggiolena” che mia mamma se lo sogna di notte delirando!!!!!!!! non fa che dire “ah ma sapessi quant’è buono il pane con la giuggiolena!!!!!!!”
    come ti capisco quando parli del tuo papà: anch’io mi sono sempre sentita tutta orgogliosa quando mi dicevano “uhhhh ma è uguale al papà”, pure quando mamma me lo diceva prendendomi in giro “eh sì, testarda come suo padre, siete proprio uguali!”. lui che sapeva sempre tutto di storia e di geografia, che sognava di girare il mondo ma senza prendere l’aereo e ci ha portato in giro per mezza Europa in macchina…. lui che mi ha insegnato col suo esempio che la vita va presa un po’ come viene, che non è il caso di agitarsi e farsi prendere dall’ansia, che mi ha trasmesso quella calma che bilancia il nervosismo ereditato da mamma. lui che ha accettato la malattia senza lamentarsi mai, sempre col sorriso. con lui non ci siamo mai detti “ti voglio bene”, non da adulta almeno, non che io ricordi. ma noi siamo fatti così, esprimere a parole i sentimenti ci riesce difficile. e lui sapeva che ero orgogliosa di essere sua figlia. e io so che era fiero di me. e il bene che ci vogliamo non ce lo toglie nessuno. nemmeno la morte.
    GRAZIE Gi mia, mi piace tanto ricordare e rivivere pezzi di me attraverso la tua vita, è come esserti vicina. sei proprio “un essere speciale. ed io avrò cura di te”….

  • elllisa 25/04/2011

    questo post è amore, amore e forza.
    al solito resto senza parole e un po’ scioccamente mi commuovo anche io. perché sei bella, non solo fuori. perché siete belli. e, ha ragione Peace, è bello sapere che rapporti con i genitori così forti e sinceri esistano davvero.
    spero che se e quando avrò un figlio, potrò costruire un legame tanto intenso.
    un abbraccio. uffa le lacrime.

    • Pieceofstar24 26/04/2011

      Smetti di chiamarmi Peace >.<''

  • Lisa 25/04/2011

    ecccomiiiiiiii……
    quando parli della tua famiglia, del tuo amore, leggerti è ancor più meraviglioso!!!
    un bacione grande tesoro!!!! ;-*

  • Cuocopersonale 25/04/2011

    Sono profondamente fiero ed orgoglioso di sapere che mi consideri amico…
    Lo sono con tutto me stesso…
    E sono anche davvero commosso…
    Ti voglio bene Iaia… tantissimo…

  • sasettiinufficioarompersileballs 26/04/2011

    vorrei avere una figlia ed esserne fiero così come il tuo papà lo è di te!!! Giuro! Perchè è proprio vero che l’amore di un genitore è insostituibile…è anche vero che ogni scarrafone è bello a mamma soje! (ma perchè a mamma soltanto???anche a papà soje) 😛

    la cuddura fotografica esiste!!!! ora c’ho le prove (ma è Canon) ahahahhaa…..

  • lacinzietta 26/04/2011

    tesoro mio, tutto ciò è stupendo…

  • maghettastreghetta 29/04/2011

    Grazie. Grazie per aver condiviso con me.
    Non rispondo singolarmente perchè.

    commossa Iaia.
    io.
    Grazie davvero.
    Un abbraccio fortissimo.
    Sempre.

  • Rita71 09/05/2011

    Ecco, mi hai fatto piangere! Non si fa!!!
    (sono commossimissima eh *___*)
    Un abbraccione forte a te ed al tuo papà!

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi