La ciambella dentro l’uovo

Must Try

I Cannoli Siciliani

In Sicilia chi non si sposava piuttosto che rimanere zitella preferiva farsi monaca. Le monache, è risaputo, erano abilissime nella preparazione di dolci dall'indescrivile...

Le uova rosse per Pasqua

Che la Pasqua in Grecia sia molto sentita è un'informazione pressoché inutile perché lo sanno tutti. Viene onorata e celebrata ed elementi pagani e...

Il casatiello con un ingrediente a sorpresa

Il casatiello è immancabile nelle tavole pasquali dei napoletani ma la verità sai qual è? Che tutta la penisola se ne è perdutamente innamorata di questa ciambella salata deliziosa e ricchissima. Il casatiello è entrato ormai nelle case di tutti gli Italiani e non ha intenzione di uscirne (meno male!)

La Torta di riso con mele

Una torta a base di riso e latte profumatissima di cannella e vaniglia. Le mele e le mandorle fanno il resto: un incanto. Una torta che ti farà innamorare sin da subito e a cui ripenserai spesso, posso assicurartelo.
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Avevamo giusto finito di uploadare cupcake natalizi che già su Pinterest si repinnava selvaggiamente roba pasquale e una delle prime immagini capitatemi a tiro è stata proprio una simile a questa. Simile perché con l’arte del magico Photoshop (questo sconosciuto in casa tranne che per il correttore al volo. Devo aprire quel maledetto tutorial prima o poi, uff)  ai miei occhi si erano parate rotondità di una beltà strabiliante. Alla fine senza tirarla troppo per le lunghe erano delle piccole ciambelline servite all’interno del guscio. Solo immagine senza ricetta e spiegazione. Non mi restava che rimboccarmi le maniche e darci sotto perché queste ciambelline servite all’interno del guscio d’uovo non potevano certamente mancare. Non è stato difficile come sospettavo ma anzi semplice e indolore solo che naturalmente non calcolando bene le dosi da inserire all’interno del guscio ho ecceduto giusto un attimino ed esteticamente non mi hanno soddisfatto come  avrei voluto. Nel senso che questo è il primo risultato ed era giusto mostrarlo per onestà; adesso affinando un po’ la tecnica si spera in un risultato migliore. Dal basso della mia esperienza ciambellosa in fatto di ciambellegusciose trascrivo però quello che ho imparato:

  • Il miglior metodo per bucare l’uovo e privarlo del contenuto rimane sempre e comunque l’ago. Basta, con un po’ di violenza necessaria, infilare nella parte superiore del guscio un qualsiasi ago e pian piano ticchettare. Appena si saranno formate le prime crepe sempre con delicatezza al fine di non rompere l’intero guscio “martellare” con micro colpetti e aprirsi un varco. In questo caso, considerando che non si devono decorare/colorare e che il buco può (e deve) essere visibile si potrà lavorare e allargare il foro quanto necessario per far inserire l’impasto della ciambella prescelta.
  • Qualsiasi impasto di torta e ciambella può essere adoperato. Questo per dire che anche l’idea di ficcarci dentro impasto di cupcake o muffin, per non parlare di versioni cioccolatose, tanto malvagia non è. E’ bene inserirlo delicatamente con un cucchiaino e non eccedere perché gonfierà e parecchio pure. A me sono strabordate infinitamente perché per diffidenza e paura che non arrivassero al bordo ho giusto un tantinello esagerato. Considererei 3/4 del guscio per quanto riguarda il riempimento la migliore soluzione. Posizionare le uova all’interno della teglia si potrebbe credere essere un’operazione difficoltosa ma così non  è. Io le ho sistemato in una teglia in grado di raccogliere tutta la quantità preparata (12 uova nel mio caso). Con iniziali difficoltà le ho incastrate vicinevicinevicine e se per le prime risultava tutto complicato perché tendevano a cadere facendo fuoriuscire l’impasto, poi è diventato semplicissimo. Certo è che se ci fosse qualcuno ad aiutarci in questa operazione che richiede semplicemente qualche minuto sarebbe meglio. Dopo aver sistemato in altezza e per bene le uova si può tranquillamente infornare a 180 per 30 minuti massimo, ma come nelle preparazioni classiche è bene controllare con uno stuzzicadenti. Quando esce asciutto tirare fuori e lasciare raffreddare.
  • Per l’impasto da utilizzare si può pensare davvero a una vastità infinita di elaborazioni. Ne lascio giusto qualcuno nel caso si fosse a corto di idee:
  • quattro quarti alla vaniglia- cupcake
  • alla banana -cupcake
  • base vegana
  • base cioccolato -cupcake
  • base caffè – muffin
  • vegano al matcha
  • pandorini 
o la classica ai bicchieri di plastica (3 di farina, 2 di zucchero, 1 di olio, 1 di latte, 1 bustina di lievito, vaniglia, 3 uova piuttosto grandi. 180 grammi in forno caldo per 30-40 minuti).

Delizioso. Il risultato è semplicemente delizioso e in pochissime mosse si sorprenderà chiunque abbiate in tavola. Se ci siete solo voi non crederete ugualmente ai vostri occhi. E’ un’idea deliziosa; anche come regalo. Un assaggino ciambelloso in versione monoporzione che potrà essere gradito e gustato in questa insolita presentazione a tema.

Sul fatto che non passerà inosservato ho pochissimi dubbi e con le decorazioni necessarie sarà davvero un successo assicurato, magari presentato in un cestino adornato con fiocchetti e pulcini. Per chi ha più tempo si può pure pensare di dipingere i gusci con il pennello o preventivamente adoperare i coloranti alimentari lasciandoli a mollo per un paio di ore.

Capolavori uovosi commestibili. Mai più senza. Una delle presentazioni che mi piacerebbe provare poi, oltre ad accompagnare queste uova con un buon caffè,  è quello di organizzarle come segnaposto. Con accanto un fiocchetto e la scritta con il nome con una calligrafia, o font se stampato, ricercata;  sicuramente avremo in questo uovetto ciambelloso un fido alleato.

Anche posizionati sopra ai portauova, eh. Perché a me piace da impazzire santo cielo il porta uovo segnaposto pasquale (non si è capito in effetti*fischiettando). Lo trovo delicato, chic e rustico al tempo stesso. Che sia con un uovo dipinto e colorato o che sia con un uovo così, semplice nudo e crudo, sino ad arrivare a questa variazione assolutamente sì: pollice in alto per il portauovo come segnaposto a Pasqua.

Il fascino intramontabile del segnaposto. Ma davvero perché bisogna rinunciarci? perché imporsi questo martirio? Che segnaposto sempre e comunque sia. Anche se si è in due.

Non si fanno solo per gli altri queste delicatezze. Anche per carità ma lo stile bisogna regalarselo a piccole dosi giornalmente e in forma egoistica. A me piace da matti mettere il segnaposto e non vi è settimana dove non lo utilizzi almeno per due-tre volte (nel week end è una certezza). Se non ho tempo anche un semplice post it con su scritta una carineria o anche una pernacchia. Ma l’importate è il dettaglio. Se elaborato è meglio, ma se assente è peggio; la filosofia del segnaposto insomma.

E a volte il post it è il giusto compromesso ma per le feste un bel portauovo o uovociambelloso deve assolutamente essere presente.

 

Forse potrebbe interessarti leggere...

48 COMMENTS

      • ahahah Hariel mia buongiorno !
        giuro che sono posizionata qui da otto minuti.
        avevo programmato il post e volevo gareggiare insieme a voi.
        ma è pazzesco *_*
        come fa’!?
        COME FFFFFFFFFFFFFAAAAAAAAAAAAAAAAAA?!?!?

        • Beddaaaaaaa 😡
          e non lo so come fa..però so che nel mio pc la mail arriva alle 12.13 :@ e non capisco peccccccchhhèèèèèèèèèèèè :'(

            • e non lo peccchhhhhè 🙁 …ho appena messo l’orologio un minuto indietro…potrà servire? domani capirò!!!! di certo nella mail spunta il 13 e non il 12 come da post……lasciando perdere che a dirla tutta la mail risulta con orario 10.13 e non 12.13…ma sarà normale?…aehm..forse! santo cielo Max mi avrà mandato un virussssssssss per farmi arrivare sempre in ritardo!!!! :O

  1. So tre anni che mi organizzo questo colpo di scena.
    ti ho tenuto al telefono per rincretinirti otto ore.
    e tu arrivi primo?

    e ALLORA DITELOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO

  2. grandioso! Come riciclare il guscio d’uovo. E chissà quante altre cose si possono fare. Ad esempio: tende, lampadari a uovo, rosari giganti per nani giganti, tirasciacquoni, casette per lumache senza chiocciola…

    • I rosari giganti per nani.

      Io su questa ti giuro amore eterno ( lo avevo già fatto in effetti ma ribadisco)

      E’.

      E’ la cosa più geniale che abbia mai letto da quando ne ho memoria.

      Grazie Grandenanodagiardino per avermi dato il mio Pani quotidiano.
      Grazie,

  3. io l’unica cosa che mi chiedo è…e se mi resta la ciambella attaccata al guscio? ragion per cui io preparerei questi contenitori uovosi prima…(forse appunto li colorerei) e poi, da asciutti, per sicurezza, prima di mettere l’impasto dentro con il ditino ungerei un pò l’interno per evitare il dramma del “oh porcapuzzola non si stacca”!!

    • Me lo stavo chiedendo anch’io… ma a meno di avere sotto mano un nanetto coi ditini piccoli non so mica se riesci a ungere come dici senza rompere l’ovetto.
      Comunque gli ospiti resteranno talmente strabiliati e strabuzzati che non si sogneranno neanche di protestare se un po’ di ciambella ovale resta attaccata al guscio. secondo me.
      Però la cosa delle uova colorate mi intriga… si possono colorare a crudo/freddo?

    • Ale *disse correndole incontro e lanciando cuoricini.
      Grazie!
      sono felicissima che ti piacciano.
      Grazie per essere passata di qui !
      Un bacione :*

  4. Iaia ho ricevuto la mail e ti ho risposto. 😀
    LA LEGGI??
    Ti ho scritto la data della mail con il video cioè sabato scorso il 24. Lo hai trovato?? Mi fai sapere per favore? Gabri mi sta a stressà 🙁

  5. 180 grammi o 180 gradi? uhahaha perdonami sisteruzza ma quando scrivi qualche strafalcione (lavori troppo!) mi piaci ancora di più!!!!

    un mito queste uova! un giorno le farò. ma non quest’anno.

    love love love per tutti!

  6. Uffi, proprio oggi che c’eri anche tu non sono riuscita a partecipare alla gara delle 12.12… sigh… avrei voluto salutarti… :-< E' un'idea davvero simpatica! E se chiedessimo direttamente alle galline di produrre uova che contengano già il preparato per ciambella?! 😉 Tanti bacetti ovettosi… anche da Frugolino!!!

  7. uuuuuu…ma sono bellebellissime!!!
    :*
    <3 <3 <3 <3
    io non so ma spargerei infinità di cuori e bacini ogni volta che sono qui! ;*

  8. eeeefffffinalmente torno a commentare!!!
    yeeeeeeee!!!!!!
    uordpress non mi funzionava piùùùùù!

    tutto è tornato a posto…pfiuuuuuuu….
    <3

  9. Bellissima questa cosa! Stupire tutti con effetti speciali! Pensavo se sarebbe fattibile con le uova colorate… indagherò.
    Ma e se io all’ovetto faccio un buchino sopra e uno sotto come quando dà piccola andavo a rubare le uova alle galline per bere direttamente fuori dal guscio ancora calde?
    Buchino piccolo sopra e sotto, aspirare e hop! È fatta! Buchetto aperto a sufficienza per infilarci la tasca dà pasticcere… secondo te è fattibile?
    Idea per metterli in forno senza problemi: appoggiarli nelle formino dei minimuffin?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Gelato al burro d’arachidi salato

Il gelato viene sempre prima di tutto. È la cosa che mi piace di più in assoluto. Sempre e per sempre. Questo al burro d'arachidi non credevo potesse essere così buono.

Colazione dolce o salata?

Colazione dolce o salata? Un po' come essere o non essere? Che sia dolce o salata la colazione è necessaria per la tua salute.

Il terzo numero di Mag-azine

Il terzo numero di Mag-azine è dedicato ai profumi di Sicilia. Un'isola incredibile che non smette mai di farti sognare.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

10 Primi piatti siciliani che non puoi perderti

La pasta alla norma e quella col macco. Il riso con l'ennese che profuma di zafferano e l'immancabile pasta al pistacchio senza dimenticare "a muddica". Scopri i dieci primi piatti irrinunciabili che non puoi perderti se sei in Sicilia.

More recipes like this