Il Pandolce morbido reale e le mie promesse da bambina

Must Try

La frolla con i fiori

I fiori si possono ammirare, coltivare, regalare e mangiare. Sì, esistono dei fiori eduli perfetti per zuppe, insalate e dolci sorprendenti.

La Panna Cotta al tè matcha

Un dolce gustoso, facile e fresco caratterizzato dall'inconfondibile sapore del tè matcha. Perfetto per un dopo pasto ma anche per accompagnare un tè nero fumante caldo e avvolgente.

Semi di papavero e glassa di limone

Una delle preparazioni più buone mai preparate. Mi è sempre piaciuto moltissimo questo accostamento, quello dei limoni con i semi di papavero. Diversi dolci pasquali polacchi e dell’Est Europa hanno proprio i semi di papavero; anche il cozonac, per esempio, ha diverse volte il ripieno di semi di papavero. Il risultato -ma con una ricetta di Ottolenghi è facile- è sorprendente. Molto profumata, leggera e gustosa.

Tiramisù fragole e basilico e un dolce speciale

Un tiramisù molto profumato e fresco. Stupisce per leggerezza e freschezza questo dolce al cucchiaio di cui tutti sono ghiotti.
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Quel Nano verde me lo ha regalato, ormai anni fa, Nicol, che ti consiglio di seguire nel caso malaugurato non lo facessi. Dice che si divide tra la cucina, i tessuti aerei e la macchina fotografica. Il tutto in un ordine (non) ben definito. Io ti dico che qualunque cosa faccia è elegante, bella e curata.

Oggi voglio parlarti di questo pandolce morbido reale, che somiglia molto a un panettoncino, talmente facile da realizzare che qualora volessi prepararlo farai di sicuro un figurone. L’ho servito qualche pomeriggio fa per un tè speciale. In casa insieme a mamma e la mia zietta Luci abbiamo organizzato (nel giro di un quarto d’ora) una sessione di cucito e tè. Una cosa un po’ d’antan e vintage che ormai, vista l’età, comincia a entusiasmarmi come un after. Non che io sia mai stata a un after. Discoteca? Due volte. La prima mi sono messa in una poltroncina a piangere. La seconda fissavo quel cretino che mi ci aveva portato e dentro di me la domanda “ma perché sono qui?” prendeva così tanto corpo che dopo un’ora ero già fuori. Mi sento un’eroina però per aver resistito così tanto perché già all’entrata per me era troppo. Inutile, sono nata proprio noiosa. Lo ero prima. Lo sono adesso. Lo sarò.

Il fatto è che sono cresciuta con nonna che di mestiere faceva la ricamatrice e zia che era sarta. I pomeriggi passavano tra punto erba e “inciumature”, così le chiamava le zia. Tra conche -piccoli bracieri che facevano caldo perché eravamo della fazione no ai termosifoni- tè, acqua con alloro, fili e uncinetto ho tessuto tutti i giorni che mi hanno fatto diventare quella che sono. Loro cucivano, ricamavano e io disegnavo. A volte cucivo e ricamavo anche io. Poi sbagliavo e ricominciavo. Poi piangevo per Leonela e pure per Manuela. Mi ero convinta che Grecia Colmenares fosse una delle più grandi attrici mondiali. Anche più della Castro, credo si chiamasse così. Piangevano sempre le protagoniste delle telenovela e io tra un punto, un’inciumatura e un disegno mi ripromettevo che non sarei diventata come loro. Non volevo piangere per tutta la vita, per amore, per invidia, per cattiveria e per tutto quello per cui piangevano loro.

E ci sono riuscita, sai?

Alla fine piango solo per il mio papà. Me la passi questa, no?

Insomma, ti dicevo prima di divagare che ho fatto questo pandolce. Poi per un susseguirsi di eventi quel pomeriggio mamma si è liberata all’improvviso e la zia Luci pure. Mamma doveva fare un orlo a dei pantaloni.  E da questo ho deciso di smettere di lavorare e stare semplicemente con loro. Come si faceva un tempo. Bello dire “come si faceva un tempo”, vero? Abbiamo cucito gli alberi di Natale con i ritagli di stoffe che ricordano le trame del Natale e ci abbiamo infilato dentro i chiodi di garofano. Abbiamo riso e ci siamo commosse. Ci siamo raccontate con un tè. E ho tagliato questo pandolce che avevo fatto, ti confesso, solo per pubblicarlo. E invece sai cosa? Credo che lo rifarò per Natale o subito dopo le feste perché è davvero delizioso. Sono indecisa tra questo e il Kristollen.

 

Si cerca sempre di fare cose esclusive, vedere posti nuovi e scoprire locali che fanno questo piuttosto che quest’altro. Bellissimo, per carità. Eppure io continuo a emozionarmi davvero per queste cose così semplici che sembrano noiose. A volte purtroppo addirittura patetiche. Perché mi sono ripromessa di non diventare come quelle piagnucolone che non riuscivano a risolvere nulla se non gettandosi a terra e piangendosi addosso sì, ma anche che sarei rimasta sempre quella bambina entusiasta di vedere la nonna ricamare, della conca e di aver finito un mio disegno. Per quanto stupido e fatto male potesse essere.

Ed è così bello che anche per questo Natale ho mantenuto a me stessa almeno questa promessa.

 

La Ricetta

400 gr di farina 00

180 gr di zucchero di canna integrale

120 gr di zucchero a velo

190 gr di burro a temperatura ambiente

3 uova

1 bustina di lievito in polvere

150 gr di frutta disidratata (uvetta di Corinto, albicocche, datteri, uva sultanina o quella che preferisci)

50 gr di ciliegie candite tagliate a pezzetti

50 gr di limoni canditi

60 gr di mandorle tritate

80 gr di amido

150 ml di latte intero

 

Lavora lo zucchero a velo con il burro a pomata. Aggiungi anche lo zucchero di canna. Di seguito le uova una per volta fin quando tutto è ben amalgamato. Setaccia la farina insieme all’amido e al lievito e aggiungi pian piano al composto di burro lavorando continuamente. Metti il latte a filo e continua a lavorare fino a ottenere una pasta liscia. Aggiungi infine la frutta candita e quella disidratata. Se vuoi l’uvetta morbida lasciala in ammollo dieci minuti e poi strizzala oppure inseriscila saltando questo passaggio se ti piace più croccante. Di latte ne potrebbe servire di più. Regolati a occhio perché dipende sempre molto dagli ingredienti e dalla composizione degli ingredienti che usi. Fidati sempre del tuo istinto, del tuo occhio e del tuo cuore. Una volta lavorato per bene l’impasto -meglio se con un robot- lascialo riposare dieci minuti dentro una teglia da plumcake (o quella che preferisci) prima di infornare per 60-65 minuti a 180 già caldo. Fai la prova stecchino. Lascia raffreddare prima di servire e spolvera con una generosa porzione di zucchero a velo.

 

Ti ricordo che ho due account Instagram

MAGHETTA e

IAIAGUARDO

Ti aspetto.

Se ti fa piacere commenta e scambiamo anche quattro chiacchiere lì, perché il maledetto algoritmo se non mi commenti o non interagisci con me ti farà ben presto scomparire maghetta e iaiaguardo dalla timeline. Grazie infinite.

 

Forse potrebbe interessarti leggere...

20 COMMENTS

  1. amore.
    ma io piango.
    e mollo l’ufficio, corro al supermercato e compro tutte le cose per preparare il pandolce perchè è vero, le cose nuove fanno sempre emozionare, ma quelle che scaldano il cuore, da sempre, lo sono ancora di più.
    ti abbraccio forte, fortissimo ♥
    grazie, davvero, di cuore.

    • Grazie davvero di cuore a te, che mi sei sempre rimasta accanto. Nei momenti sorridenti e non.
      Meriti davvero tutto e di più. E io non ho fatto davvero nulla.
      (dobbiamo fare una ricetta insieme al più presto o spacco tutto *VIOLENZA PRE NATALIZIA!*)
      Sei speciale Nicol.
      Ti abbraccio fortissimo <3 :*

  2. Mi credi se ti confesso di essermi emozionata un pochino? Sei riuscita a farmi sentire quasi il calore del braciere. Ti abbraccio fortissimo!

    • E io mi emoziono leggendo te. Mi fa davvero tanto piacere. Non potevi dirmi niente di più bello. Ti abbraccio fortissimo Calry e ti ringrazio.
      Un bacione :*

  3. Non credo che quel tipo di semplicità possa mai essere patetica piuttosto quanto ne gioveremmo tutti se facessimo insieme spazio per un po’ di semplicità ogni giorno? ❤️

    P.S. a proposito di cose semplici e noiose. Faccio caffè. Canovaccio prende fuoco. ? Per cortesia un video-tutorial su come non mandare a fuoco la cucina.

    • Semplicità <3

      Dici a me di fare un videotutorial? MA IO SONO BRAVISSIMA a incendiare casa con un caffè.
      Giriamolo insieme ti prego !

  4. Solo il nome… “pan dolce” mi ingolosisce?… proverò senz’altro La ricetta è proverò senz’altro a non finirlo….su quest’ultimo non garantisco ??

    • Se ne parla il 6 Gennaio per non finire le cose 😀
      Che ne pensi?
      Un bacione Chiara e grazie per avermi scritto

    • Sì, è stato davvero un bellissimo compleanno.
      Il pandolce, Giulia, l’hanno spazzolato in pochi minuti e credo proprio che lo riproporrò per Natale (sottotitolo: altrimenti mi picchiano tutti 😀 )

  5. Ciao a tutte!!! Manco da tanto qui sul sito cavoli!!! Decisamente uso moooolto di più instagram 🙂 però è tradizione da anni di riunirci qui per cui anche se un po’ in ritardo eccomi!!! Un bacio alla padrona di casa ovviamente <3

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Happy Vegan Christmas

Un libro che racconta un Natale total veg saporito, bello e profumato. Karoline sorprende con semplicità e con una disarmante bellezza.

Christmas Tea Time

La storia del marchio Dammann Frères ce la raccontano i diretti interessati nel sito ufficiale. Si tratta di un’infinita gamma di tè pregiati. Sir...

Mele, uvetta e cipolla

Amo questo contorno. L'ho scoperto un po' di anni fa e da allora è stato amore infinito. Facile, veloce, total veg e perfetto per quando hai voglia di qualcosa di buono e sano.

Chicago Pizza

La Chicago pizza, o deep dish pizza, ha un impasto dai bordi molto alti che viene riempito da mozzarella, salsiccia, parmigiano e salsa marinara.

Le polpette di melanzane

La mamma ha sempre ragione anche quando non ce l'ha. In cucina poi non ne parliamo. Se la mamma dice "a occhio" allora tu devi fare "a occhio", fine del discorso.

More recipes like this