Home Dolce

Dolce

Tiramisù al pistacchio

Una varietà semplice eppur gustosissima del classico tiramisù. Un dolce che ti piacerà tantissimo tanto quanto l'originale se non addirittura di più. Lasciati sedurre dalle note del mascarpone e dalla ricchezza della panna e i meravigliosi pistacchi di Bronte.

I Cannoli Siciliani

In Sicilia chi non si sposava piuttosto che rimanere zitella preferiva farsi monaca. Le monache, è risaputo, erano abilissime nella preparazione di dolci dall'indescrivile...

La Torta di riso con mele

Una torta a base di riso e latte profumatissima di cannella e vaniglia. Le mele e le mandorle fanno il resto: un incanto. Una torta che ti farà innamorare sin da subito e a cui ripenserai spesso, posso assicurartelo.

Torta al limone e semi di papavero di Ottolenghi

La torta che ho scelto è con limone e semi di papavero. Mi è sempre piaciuto moltissimo questo accostamento, quello dei limoni con i semi di papavero. Diversi dolci pasquali polacchi e dell'Est europa hanno proprio i semi di papavero; anche il cozonac, per esempio, ha diverse volte il ripieno di semi di papavero. 

Una torta di mandorle e pere, morbidissima

Una torta morbidissima con le pere e la farina di mandorle firmata Donna Hay. Le pere tagliate in quarti le ritroverai intere e morbidissime quando la taglierai. Un tè nero per accompagnare questa meraviglia capace di sciogliersi in bocca lasciandoti un sapore e un ricordo.

Cuddura cull’Ova, Aceddu cull’Ova, Pupi cull’Ova

La produzione artigianale dei dolci è strettamente collegata alla storia della panetteria, perché tutto comincia esattamente da quei forni capaci di sfornare pane di incredibile bontà. I nobili mangiavano il pane, neanche a dirlo, e pian piano la diffusione dei dolci -nelle feste e a fine pasto- e questo ricordo di aver letto su un libro comportò la produzione eccessiva dei dolci a discapito del pane e per questo fu imposto che i dolci fossero preparati solo per le feste

Torta (vegan) con la spremuta d’arancia

Una torta vegana profumatissima all'arancia che ti lascerà senza fiato. Pochi ingredienti ma perfetti.

Torta di Carote con glassa

Il classicone poteva mancare? La Torta di Carote? No, non poteva mancare. Immancabile e imprescindibile, la torta di carote che affonda radici molto più...

Le frittelle alla ricotta con miele e arancia (di Ottolenghi)

Di Plenty More del nostro amato Yotam Ottolenghi non ti ho ancora parlato nello specifico. Ho blaterato un po' a riguardo nelle storie di Instagram ma non nello specifico e dedicando un post come vorrei e avrei dovuto. Rimedierò. Dopo il meritatissimo successo di Plenty continua a esplorare il mondo del cibo vegetariano e raccoglie 150 ricette che definirle meravigliose è poco. Ci sono pochi dolci ma sono quelli giusti perché Ottolenghi non sbaglia un colpo. Di una bellezza e bontà inaudita. Per il resto c'è Sweet di cui devo e voglio assolutamente parlarti molto presto (ho già fatto tantissime preparazioni e sono davvero senza parole). Queste frittelle alla ricotta con miele e arancia hanno tutti i requisiti per essere inseriti indirettamente in questo Tour Pasquale, che ne dici? Una piccola pastiera ma anche cannolo. In fondo la ricotta c'è e pure il profumo d'agrumi. Vogliamo forse non gustarlo? Giammai!

Le mie Storie in Cucina

A Must Try Recipe

La frolla con i fiori

I fiori si possono ammirare, coltivare, regalare e mangiare. Sì, esistono dei fiori eduli perfetti per zuppe, insalate e dolci sorprendenti.

Il poolish

Il poolish, altrimenti detto biga liquida, serve per consumare pochi grammi di lievito di birra. Un altro modo per consumare meno lievito e ottenere dei...

(Japanese) Tulip Sandwich

Di rara bellezza spicca il Tulip Sandwich, che regala uno splendido tulipano all'apertura. Questo modo tagliare il sandwich è tipico giapponese anche nella versione salata.

Il Latte di mandorla Siciliano

Per noi siciliani è sempre stata la bevanda estiva. Quella che bevi ghiacciata sotto il patio nella bottiglia di vetro. Uno scrigno di ricordi e bontà.

Torta al cioccolato vegana (la più buona since 2012!)

Era il 2012 quando per la prima volta pubblicavo questa ricetta sul Blog. Ne rimane traccia però solo un vecchio post che non ricordavo....