Home / A cena con Oscar  / A cena con Oscar: La zuppa di Inchiostro del Segreto di Kells

A cena con Oscar: La zuppa di Inchiostro del Segreto di Kells

 

Che siccome ( bell’inizio) sono stati raggiunti i 10.000 download della mia App Gikitchen sull’ App Store in così breve tempo ( ed è pure in costruzione santapizzetta) io direi solo una cosa: piangere commossa nell’angolino buio  non basta più e ringraziarvi fino a sfinirvi, nemmeno. Siete riusciti nell’epica impresa, insomma, di zittirmi. Dire che sono sconvolta è riduttivo. Santo cielo: GRAZIE! ( E Grazie soprattutto ad Emanuele    che per qualche inspiegabile ragione mi incoraggia ed esorta)

Oggi la ricetta del giorno sull’App è il Pollo Giapponese al sedano >>>>

Che siccome ( bell’inizio – il tragico ritorno) prima o poi doveva accadere:  Avrei la febbre (l’emozione dei 10.000 download. Non ho retto)  e sarei a rilento su  tutto, ergo: perdonatemi ma forse stavolta non ce la faccio davvero. Lapalissiano: La mia dipartita pare essere certa e  imminente.  Si sappia: vi ho amato  ( mi piace non essere scenografica, teatrale e tragica ma obiettiva, razionale e sensata).

Ugualmente però non voglio privare la rete della mia inutilità e quindi mi sono trascinata alla scrivania, esanime, pallida e febbricitante. Ho raccolto tutte le mie forze e con fatica e devozione ho attraversato il lunggggggggggggghhisssimo corridoio che separa la camera da letto dal soggiorno ( due metri)  e.

Ok la smetto. Digito comodamente da sotto le coperte, servita e riverita dai nani da giardino e coccolata dal Nippotorinese, schiavizzato per l’occasione. Avrebbe preferito, piuttosto che assistermi, fare triploturnoalavoro ma no: il destino gli è avverso e gli tocco io *in lontananza si udì una risata malvagia fuori campo*

“Ehitupoliglottaaaaaaaaaa muovi la pelata e fammi un succo di arancia ! E temperami le matite colorate che sono tutte spuntate. Intesi?” ( spaccato di realtà numero 1 )

Per certi versi però essere bloccata non potrà che farmi bene. Non mi agiterò ai fornelli e non correrò avanti e indietro sopra sotto. Potrò essere spiaggiata come una balenottera e finire-cominciare disegni e storie senza essere distratta da macaron esplosivi, lievitati scoppiettanti e carne bruciata. Potrò resistere ventiquattro ore massimo ma sembrerebbe già un ottimo risultato per iniziare.

Per qualche assurda e inspiegabile ragione, anche se qualcosina si potrebbe pure intuire, il Segreto di Kells pur essendo stato candidato agli Oscar nel 2010 non è mai stato distribuito in Italia. Certo in quell’anno gareggiava contro il colosso di Up e quindi vi erano davvero poche speranze di vincita ma la nomination avrebbe dovuto come minimo bastare per la divulgazione di quella che rimane un’opera estasiante dal punto di vista visivo. In questo periodo convulso di tridimensionale, che per inciso detesto, una visione in bidimensione è quantomeno bizzarra e addirittura alternativa.

( Disegnare sul Galaxy Note è la mia ultima passione, sì. Urge recensione approfondita, prometto)

La prima cosa che mi è venuta in mente guardando già i primi fotogrammi è stata che una forza mi avesse concesso di essere catapultata dentro un quadro Klimtiano. Anche se a tratti cubista rimane tutto fuorchè lineare e riesce in qualche modo magico ad avere ondeggiature e curve. Le illustrazioni sono meravigliose e mi ricordano parecchio oltre che la Satrapi in alcune linee (anche se qui vi è un tripudio di colori e non solo il bianco e nero) anche delle favole. Dal sapore antico, nordico e ancestrale. Artù. Ecco sì anche un po’ Artù.

Favole indimenticabili. Di quelle classiche e intramontabili. Di quelle che si trovano nei libri di cuoio chiusi da pietre preziose. E difatti il libro nel libro c’è. L’inizio, emozionante e con delle musiche che restano e rimbombano in mente, ti catapulta in questo mondo che dapprima ti lascia un po’ sbigottito per poi riuscire a farti perdere la testa e le pupille; che schizofreniche piroettano ttra le diverse forme geometriche. Sono rimasta estasiata e incantata di fronte alla foresta e ai capelli, mia perversione da sempre, di Aisling e dalle foglie e ghirigori che molto spesso sono ricorrenti nei miei disegni. Nulla di paragonabile per carità ma l’effetto dello stile visivo, identico nella percezione dei mondi, è stato come veder realizzarsi davanti agli occhi visioni che non avevi ancora avuto la capacità di tirare fuori ma che hanno sempre fatto parte di te. L’occhio di Crom e le sue sfaccettature filosofiche e la piccola bacca verde che crea inchiostro con la quale puoi realizzare mondi. Quella bacca difficile da trovare. Lo strumento necessario per perseguire il sogno e far sì che diventi realtà.

E’ per questo che oggi la ricetta, completamente estrapolata e vista dai miei occhi senza alcun collegamento, è una semplicissima zuppa di piselli. Di un verde che non mi fa paura, stranamente.

Non fa paura a tal punto che ho proprio annunciato, solennemente, che in casa da oggi in avanti la zuppa di Piselli dovrà essere chiamata “La zuppa di Inchiostro di Kells”.

Sogno un figlio che mi dica entusiasta ” mamma mi prepari la zuppa di inchiostro di Kells?”. Solo allora potrei definire tutto: perfetto.

 Quando Brendan era in cerca della bacca nella foresta tra deliziose curve e scintillanti fiorellini in rami  ondulati come ricci, non ho potuto fare a meno di pensare a una zuppetta di “inchiostro” verde. Tanto grande quanto gli oceani affinchè lui potesse non smettere mai di disegnare.

E’ un’animazione profonda che riconferma ancora una volta la qualità straordinaria di questi prodotti troppo spesso sottovalutati quanto le graphic novel. E’ una visione da non perdere e Brendan con le sue scene rosse,  per poi catapultarti in un mondo bianco e nero e infine nel manicomio dei colori, è indimenticabile.

Pur avendo apprezzato Up ed essendomi innamorata del Dottor Fredricksen (e le mie incessanti foto su Instagram sono tediose conferme) credo assolutamente in questo prodotto e un po’ più addirittura della mega produzione tecnologica Pixar; perchè nonostante le difficoltà della bidimensionalità e la storia tremendamente più complessa e meno romantica, è incredibile invece come a tratti il monumento dei palloncini e la casa volante sembrino qualunquisti rispetto al Segreto di Kells.

E’ una semplice zuppetta di piselli che non necessita certamente di una ricetta specifica o di chissà quale elaborazione. Basterà lessare in acqua bollente i piselli e se si ha a disposizione un po’ di menta fresca passarla  insieme alla verdura con il frullatore a immersione. Si può pensare di aggiungere anche un dadino vegetale per insaporire il tutto. Non di quello commerciale, santo cielo (così giusto per fare l’antipatica). Che preparare il dado non è poi così difficile. Tutto naturale e sano. Chi vorrà anche un filo di olio extra vergine di oliva e se piace una spolveratina di parmigiano grattugiato sul momento. L’abbinamento dei piselli con la menta lo trovo oltremodo delizioso.

Come consuetudine riporto poi tutte le altre ricette “Cibo- Cinema e Cartoon”  che sono state preparate e su cui si è blaterato qui al Gikitchen sinora:

Qualcosina da Instagram: 


Ed adesso scusate ma ho da fare. Devo  schiavizzare chiunque mi capiti a tiro.

Insomma febbre o no, cambia davvero poco.

Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Review overview
33 COMMENTS
  • Wish aka Max 03/02/2012

    Eccolo!

    • Angela 03/02/2012

      Ehi a pari merito oggi eh!!!

      • Wish aka Max 03/02/2012

        😀 è bello avere avversari agguerriti

      • Angela 03/02/2012

        Bhè tanti nemici tanto onore 🙂 comunque Max con l’iPhone e la tre Intanto che caricano le immagini e tutto non posso fare meglio si
        Così!!!

  • Angela 03/02/2012

    Eccomi

  • luci 03/02/2012

    ci sono!

    • Angela 03/02/2012

      Ciao luci!!!

      • luci 03/02/2012

        ciao Angela! Tutto ok? Qui nevica di brutto!

      • Angela 03/02/2012

        Io vivo a l’aquila, e anche qui nevica tantissimissimo 🙂 nonostante i disagi è tutto meraviglioso!!!!Frugolino è guarito??

      • luci 03/02/2012

        Pare che ora la febbre sia sparita, speriamo bene! e’ un po’ deboluccio, ma adesso ci facciamo una bella cura ricostituente! 🙂 L’Aquila… allora non siamo tanto lontane, io sto a Rimini!

      • Angela 03/02/2012

        🙂 dai il peggio è passato!! 🙂 ma nevica a Rimini!!! Cacchius… 🙂

      • luci 03/02/2012

        ebbene sì, nevica pure a Rimini! A meno di 40 km da qui, verso l’interno, dove abitano i miei, ci sono 1 metro e 1/2 di neve, in alcuni paesi hanno già raggiunto i 2 metri! E’ un vero macello!!!!!!!!!!!!!!

  • luci 03/02/2012

    sempre terza…

  • Tiziana Sissa 03/02/2012

    Ma come cacchio èèèèè?????!!! Non arrivo maiii!!!

  • Amaradolcezza 03/02/2012

    settima alle 12.15

    basta non gioco più -.-

  • arielfoodie 03/02/2012

    Ciao!
    Ti trovo abbastanza geniale e ti sbircio spesso 😀 quindi quello che sto per dirti sarà poca cosa, ma… in ogni caso volevo avvisarti che ti ho inserito nella lista dei blog che ho premiato col Versatile Blogger award. ^_^
    Ancora complimenti e se vorrai passare dal mio blog ne sarò felice!
    http://f00l4f00d.wordpress.com/

  • luci 03/02/2012

    Carissima Giulia, non conoscevo “Il segreto di Kells”… cercherò di rimediare perchè – come sempre – hai stuzzicato la mia curiosità…. Per quanto riguarda Up, infatti, qui ormai sappiamo tutto e anche troppo… io e Frugolino abbiamo fatto pure il libro delle avventure di Frugolino e la foto del sig, Fredricksen che vola via con la sua casetta è appesa sul letto… Baci colmi di vitamina C!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  • Hariel 03/02/2012

    mò pensa..che pure una semplicissima zuppa di piselli mi sembra bellissima descritta e fotografata da te!!!! verde speranza oggi!! (che per altro ero convinta fosse sabato e già mi immaginavo stasera in cucina a preparare per il pazzo qualcosa di caruccio! vabbbbbbè!)… C’è da dire che sabato o no io c’ho voglia di quacchecosadibuono da pasticciare… ma ho casa sottosopra ç_^ invasa da scatoloni e polvere qua e la! Ergo…dovrei pulire,rassettare…e forse forse pure mettermi al pc e avviare autocad che è finito pure gennaio????????? ok niente pasticci in cucina… oggi lascio tutti a dieta! ecco! (se…credici!!) …baciuzzo sulla fronte (come ai bimbi malatucci quando stanno a letto)…e rimettiti preeeeesto prestissimo!!! :-*

  • Angela 03/02/2012

    Giulia un abbraccio grandissimo con effetto guaritore 🙂 mia mamma, quando vivevamo insieme, non appena avevo la febbre metteva in un pentolone tutte le verdure che le capitavano a tiro, spinaci zucchine carote cipolle broccoli piselli… Li faceva bollire per un’ora, li passava e me la portava a letto… Anche merenda ( ma questo non importa)…:) non sono Mai stata male per più di due giorni :'( Guarisci presto ****

  • Katia Ostanel 03/02/2012

    Oggi non ho gareggiato, sono in ritardissimo!!!!
    Scusate, ma alle 12 e 12 stavo ancora con i piedi piantati nella neve a far foto al Valentino qui a Torino (che fa anche rima)!!!
    Giulia come stai?!?!?
    Bellissimo post, bellissimi i disegni (mi farò un tatuaggio, loggiuro) e bellissimi tutti voi che state qui a chiacchierare!!!

  • ecco. respiro un pò finalmente. (a livello metafisico. sono raffreddata)
    fuori ci sono 40 centimetri di neve che continua ad accumularsi e leggere i post tentando continuare a fare fiocchi di neve è impossibile. per cui ho gettato all’aria le hama beads. e ora mi ritrovo come al solito a sorridere.
    mi è venuta tanta fame.

  • pani 03/02/2012

    ops! e come mai de il Segreto di Kells non ho mai saputo nulla?
    Urge correre ai ripari in questo fine settimana.
    Quella mezza dozzina di piselli…pronti a tuffarsi, eh?

  • Katia Ostanel 03/02/2012

    E comunque si, anche io odio il 3D.

  • giovanna 03/02/2012

    delicatissima un assaggino lo farei

  • Manola 03/02/2012

    Sto già cercando notizie su “Il segreto di Kells” e sono molto certa che per vederlo dovrò ricorrere a mezzi illeciti… 🙂
    La tua zuppa di piselli è bellissima; ne ho mangiata una con un aspetto simile a Edam, un paesino vicino ad Amsterdam (un luogo molto da Iaia, a occhio). Nevicava e mi hanno servito la zuppa con due microtramezzini con il prosciutto cotto e del burro…
    Vivo alle porte di Roma e nevica, piove e fa un freddo cane. Appartengo alla categoria prof. delle medie e oggi eravamo sette professori e quindici alunni…
    Non mettere il naso fuori dalle coperte…
    E… proposta: ma la tua appicazione per android? (seguono lampi e fulmini perché magari per qualche ragione che mi sono persa odi android e quindi chiederti una cosa del genere ti fa drizzare i capelli…)

  • Alessandra 03/02/2012

    Ecco, pure io odio il 3D! Soprattutto nei film d’animazione!!!

  • luci 03/02/2012

    Ok, mi sto portando avanti con il lavoro… ho visto il trailer… sembra davvero bello…

  • lalisa99 03/02/2012

    scusa, mai sentito parlare:( dovrebbe essere bello… anche la zuppa di piselli promette bene:D

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi