Home / A cena con Oscar  / Ciambella degli Angeli

Ciambella degli Angeli

  • Romeo “Le tue labbra benedette, immacolate e pure”.
  • Giulietta  “Allora le mie labbra hanno preso il tuo peccato”
  • Romeo “Oh perdonami Angelo mio, me lo riprendo subito”.

E la ribacia.

Romeo e Giulietta vince come miglior fotografia nel 1969 e migliori costumi grazie a Danilo Donati. Candidato a miglior film e anche a miglior regista. Diretto da Franco Zeffirelli, senza neanche bisogno di dirlo è la trasposizione cinematografica della storia d’amore di tutti i tempi sempre e per sempre. Quella a cui tutti si sono ispirati e simbolo dell’amore più innocente, puro e travolgente. Olivia Hussey è la Giulietta per antonomasia, quella che destò scalpore per la censura italiana a causa della scena proibita dove compare timidamente un seno, ma anche quella indimenticata per i suoi lineamenti eterei, dolci e angelici, appunto. Un film che non smetti mai di rivedere e che ogni volta ti lascia emozioni sempre diverse capitanate tutte da un’incredibile commozione che non può -nè deve- trattenersi. Nelle stagioni della mia vita avrò visto Romeo e Giulietta decine di volte e il finale pur essendo sempre lo stesso è capace di infondermi un’infinita tristezza e riesce a svuotarmi. È come se sperassi, riscoprendo un’inguaribile romantica, che accada un colpo di scena all’improvviso.

Non c’è molto cibo in questa storica pellicola. Un po’ di frutta e verdura al mercato e qualche frutto glassato nelle feste. Non ci sono grandi banchetti come si potrebbe credere. E se dapprima avevo pensato a qualcosa di salato a base di peperoni perché compaiono più volte, magari con una preparazione del tempo, alla fine ho optato per questa meraviglia.

Ho deciso di fare una Ciambella degli Angeli perché Romeo non smette di chiamarla “Mio Angelo”. Questa preparazione è sofficissima e angelica proprio come Giulietta.

La Ricetta

(La Ricetta è di Csaba Dalla Zorza e tra tutte quelle provate è sicuramente la migliore)

  • 6 uova intere
  • 160 grammi di zucchero (anche a velo)
  • 100 grammi di farina
  • 60 grammi di fecola di patate
  • 75 grammi di burro fuso
  • farina e burro per stampo
  • zucchero a velo per decorare

Accendi al forno a 180. Metti lo stampo imburrato e infarinato in frigorifero. Setaccia farina e fecola e metti in una ciotola. In un altro contenitore lavora le uova con lo zucchero e monta tutto a nastro usando un frullino elettrico sino a che otterrai un composto chiaro e ben spumoso gonfio d’aria. Aggiungi a questo punto la farina e la fecola procedendo molto delicatamente e poco alla volta per non creare grumi. Quando la farina è completamente incorporata aggiungi il burro fuso versandolo a filo (deve essersi raffreddato) e mescola senza sgonfiare il composto. Quindi molto delicatamente. Versa il composto in uno stampo ricamato e inforna per 20-25 minuti fino a quando il dolce sarà dorato. Estrai la torta dal forno e rovesciala su una griglia per farla raffreddare. Lascia riposare così per 30 minuti e poi spolvera con lo zucchero a velo.

A CENA CON OSCAR. LE RICETTE E GLI ARTICOLI

Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Review overview
NO COMMENTS

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: